una-luce-in-fondo-al-bunker
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
4 ore

In Val Onsernone brucia il Pizzo della Croce

L’allarme è stato lanciato poco dopo le 11.40. Il rogo sarebbe stato innescato da un fulmine abbattutosi qualche giorno fa.
Bellinzonese
5 ore

A Giumello una stagione alpestre secca e complicata

Anche il fiore all’occhiello dell’Istituto agrario cantonale di Mezzana soffre la siccità: produzione di formaggio ridotta di un quarto
Bellinzonese
5 ore

Dalpe, il 6774 Festival in una due giorni di... impatto

Dalle bancarelle alla gastronomia, dalla musica al ballo, sui prati della sciovia Bedrina sabato 20 e domenica 21 agosto
Locarnese
5 ore

‘Vin Pan salam’ compie 25 anni

Torna, da giovedì 18 fino a domenica 21 agosto, la sagra sul lungolago a base di musica e gastronomia locale
Locarnese
5 ore

Lancio del sasso ad Ascona, un’edizione di alto livello tecnico

Record battuti sia nella categoria femminile sia in quella maschile. L’ambito titolo di campione e campionessa ticinesi va a Urs Hasler e a Corina Mettler
Locarnese
6 ore

A Ronco s/Ascona si degusta risotto

La cena è prevista per sabato 20 agosto a partire dalle 19 in piazza del Semitori
Ticino
6 ore

Milano, nel 2021 un pieno di multe stradali

È la città d’Italia con i maggiori introiti: 102,6 milioni di euro, di cui quasi 13 solo dall’autovelox (nel quale incappano anche non pochi ticinesi)
Locarnese
6 ore

Alla Biblioteca di Locarno si parla di viaggi ed ecologia

All’evento, previsto per mercoledì 17 agosto alle 18.15 nella corte di Palazzo Morettini, interverranno gli scrittori Andrea Bertagni e Sabrina Caregnato
Luganese
7 ore

Ceresio e altri tre laghi svizzeri ai minimi storici

Il perdurare della siccità mette in crisi un po’ tutti i bacini. Fra i fiumi, Reno e Reuss con i valori più bassi rilevati nei mesi estivi
Mendrisiotto
7 ore

Tiro obbligatorio e in campagna a Maroggia

La società di tiro Aurora di Stabio dà appuntamento a venerdì 19 e sabato 20 e poi a venerdì 26 e sabato 27 agosto
27.11.2018 - 06:05
di Katiuscia Cidali

Una luce in fondo al bunker

Camorino: il Cantone sta progettando un centro polivalente per richiedenti l'asilo da 180 posti per rimpiazzare il rifugio sotterraneo della Protezione civile

La politica migratoria continua a far discutere e a dividere, anche in città. Se da una parte il presidio organizzato dal Collettivo R-esistiamo questo fine settimana in piazza Governo ha scatenato la reazione della Lega di Bellinzona, con tanto di interpellanza al Municipio; dall’altra l’Mps denuncia le condizioni in cui vivono i giovani migranti nel rifugio cantonale per richiedenti l’asilo. Le consigliere comunali Angelica Lepori Sergi e Monica Soldini con un’interpellanza chiedono all’esecutivo come reputa le condizioni di vita all’interno del bunker e come si posiziona riguardo alla richiesta di chiusura della struttura avanzata dal collettivo. Non è la prima volta che la struttura di Camorino finisce al centro di proteste: manifestazioni erano andate in scena lo scorso 27 ottobre a Bellinzona (250 persone avevano invocato la chiusura) e il 25 agosto una cinquantina di persone erano scese in strada a denunciare le condizioni all’interno del centro. Pur non essendo una soluzione immediata, apprendiamo che il Cantone ha dato avvio a un importante progetto volto a creare un centro polivalente con 180 posti, a Camorino, che permetterà anche di sostituire il vetusto stabile di Paradiso. Ultimato questo progetto, occorrerà ancora individuare un ulteriore stabile allo scopo di disporre in totale di circa 550 alloggi destinati alla prima fase di accoglienza. Il progetto, promosso dal Dipartimento della sanità e socialità e dal Dipartimento delle istituzioni, sarà finanziato dal Cantone ed è in progettazione, fase per cui è già stato stanziato un credito di 300mila franchi lo scorso agosto dal Consiglio di Stato. A differenza del centro della Protezione civile (Pci) impiegato attualmente, questa nuova struttura verrà edificata in superficie e sorgerà sul sedime adiacente, sul posteggio che si trova accanto all’entrata del bunker.

Ancora tre anni (almeno) sotto terra

Il direttore della Divisione dell’azione sociale e delle famiglie (Dasf) Renato Bernasconi conferma che l’iter procedurale è in corso e che il messaggio con la richiesta del credito di costruzione potrebbe essere presentato la prossima primavera. «Se il parlamento dovesse approvare il credito nei mesi seguenti, a fine 2019 o inizio 2020 si potrebbe poi passare alla fase esecutiva e concludere i lavori nel 2021», spiega il direttore del Dasf. Bernasconi tiene però a sottolineare che si tratta di indicazioni di massima e che i tempi potrebbero essere più lunghi, ad esempio qualora vi fossero ricorsi alla domanda di costruzione. Per almeno tre anni dunque, per i casi di prima accoglienza a Camorino si continuerà a far capo al rifugio attuale gestito dalla Croce Rossa. L’edificio polivalente avrà contenuti diversi rispetto allo spazio sotterraneo, che verrà unicamente impiegato in caso di emergenza, ovvero in situazioni di forte afflusso migratorio. Con l’apporto del nuovo centro si disporrà in totale di 250 posti (il rifugio Pci ne ha 70). Nella nuova struttura, oltre a spazi comuni, refettorio e aule di formazione, sono previste due tipologie di alloggio: quelli collettivi (120 posti) con camere con letti e un refettorio in comune, nonché piccoli appartamenti (60 posti) per la seconda fase di accoglienza, prima di lasciare la struttura. Qualora non vi fosse più l’esigenza d’accogliere i richiedenti l’asilo, gli spazi del centro polivalente potranno essere utilizzati per altri scopi ad uso della popolazione: come fungere da nuovo centro di Protezione civile o alloggio per gruppi nell’ambito di manifestazioni sportive. Dal canto suo, la Città di Bellinzona ha già dato la propria disponibilità al progetto, sarà però necessario procedere a una leggera modifica del Piano regolatore, in modo da specificare la nuova destinazione prevista.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved