ufficiali-sotto-inchiesta-respingo-le-accuse
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
5 ore

Fotovoltaico e aziende, giovedì 25 terzo e ultimo incontro

Promosso dal Dipartimento del territorio in collaborazione con la Cc-Ti, si terrà a S.Antonino nella Sala Multiuso
Luganese
6 ore

‘Devo allenarmi per l’uni ma... che fatica trovare spazi’

Prepararsi per l’ammissione alla facoltà di sport, tra vincoli comunali e cantonali e difficoltà a trovare una palestra: la testimonianza e le repliche
Ticino
6 ore

Pedibus, tra sicurezza ed ecologia

A oggi in Ticino oltre 1’300 bambini usufruiscono dei percorsi ufficiali, all’insegna di una mobilità sostenibile e più green
Mendrisiotto
6 ore

‘Fughe’ di cloro in piscina, chiudono tre vasche su quattro

Soluzione di compromesso di Chiasso davanti alla richiesta di Vacallo di archiviare la stagione balneare. Obiettivo comune, tutelare la falda idrica
Luganese
6 ore

‘Ha sede legale a Lugano’ lo Stato Antartico di San Giorgio

Lo studio di via Pioda valuta provvedimenti a tutela della propria immagine dopo essere stato tirato in ballo da persone finite sotto inchiesta in Italia
Mendrisiotto
6 ore

Operatore di prossimità, a Mendrisio c’è il bando

La Città cerca una figura a metà tempo a partire dal gennaio prossimo. L’assunzione segue la decisione di staccarsi dal Servizio regionale
Bellinzonese
7 ore

Lumino: contro pericoli naturali e roghi si punta pure sul bosco

Chiesti al Cc 50mila franchi per elaborare un piano di gestione del territorio forestale e prevedere strutture idonee per contrastare gli incendi
30.08.2018 - 11:51
di Marino Molinaro

Ufficiali sotto inchiesta, 'respingo le accuse'

Guardie di confine, il più 'anziano' dei due non ritiene di aver violato la legge: 'Un duro colpo dopo tanti anni di onorato servizio'

Sono entrambi impiegati a Bellinzona – nella nuova Centrale comune di allarme situata in via Chicherio, sotto lo stesso tetto di Polizia cantonale, Pompieri ed enti di pronto intervento e soccorso – i due alti ufficiali del Corpo guardie di confine regione IV ai quali l'Amministrazione federale delle dogane rimprovera presunte irregolarità di carattere finanziario. Entrambi con una lunga carriera alle spalle e con compiti dirigenziali di primo piano nella gestione del personale e nel coordinamento del lavoro svolto sul terreno, sono finiti sotto inchiesta verso metà agosto a seguito di una segnalazione interna. Nel frattempo sono stati sospesi dal servizio.

Attività accessoria e soccorso

Il più 'anziano' dei due, interpellato dalla 'Regione', preferisce non fornire dettagli attenendosi alla riservatezza imposta in tali frangenti. Si limita a spiegare che sin dalle prime battute d'inchiesta ha sempre respinto le accuse, ritenendo di non aver combinato nulla d'illegale. Non è dato sapere dunque se i fatti sottoposti a verifiche siano stati commessi insieme o singolarmente dal capitano di 46 anni e dall'Ufficiale capo di Stato maggiore di 58 anni. «Certo – aggiunge quest'ultimo – è una mazzata, dopo tanti anni di onorato servizio». Approfondimenti potrebbero riguardare anche la sua attività accessoria in qualità di amministratore di un'impresa attiva nella ristrutturazione di edifici e risanamento di opere di calcestruzzo. Pure noto, e da lungo tempo apprezzato, il suo impegno in gruppi attivi nel soccorso e nella ricerca di persone in caso di catastrofi.

Al momento, peraltro, non sussiste alcun interessamento da parte del Ministero pubblico della Confederazione, che non ha dunque avviato per ora alcuna inchiesta, diversamente da quanto pubblicato nelle scorse ore da più media.

Il precedente

Quello affiorato mercoledì, comunque, non è il primo caso che scuote la Regione IV. Quattro anni orsono, all'inizio del 2014, un altro agente era finito sotto inchiesta e poi licenziato, a seguito delle risultanze di un'indagine per riciclaggio. L'uomo, allora 45enne, del Mendrisiotto – che aveva ammesso le sue responsabilità – era stato perseguito assieme alla moglie e ad altre quattro persone. Secondo gli inquirenti aveva favorito (e aiutato) il passaggio alla frontiera di spalloni di valuta nell'ambito di un giro di denaro di quasi 6 milioni di franchi sull'arco di sei mesi.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved