laRegione
Nuovo abbonamento
da-95-anni-al-servizio-della-convivialita
+1
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
6 ore

In piscina a Chiasso si torna a staccare il biglietto

Da Ferragosto il Municipio allenta le disposizioni. Per un tuffo non ci vorrà solo l'abbonamento. Misura che aveva escluso i ragazzini meno fortunati
Locarnese
9 ore

Borgnone, la festa dei patrizi non si fa

Annullata per Covid-19. Previste, invece, le giornate di volontariato
Locarnese
9 ore

Ascona, Campionato ticinese del lancio del sasso

L'edizione 2020 della manifestazione si terrà sul lungolago, in Piazzale Elvezia
Mendrisiotto
9 ore

Raccolta carta a Castel San Pietro grazie agli Esploratori

Sabato si dà appuntamento di buon mattino al magazzino comunale. Niente giro
Locarnese
9 ore

Verzasca, sul sentiero delle leggende

Due nuove sculture in legno per un percorso fantastico con merenda nella casetta della strega
Luganese
10 ore

Interventi di conservazione per la Masseria Reali di Cadro

Il Municipio di Lugano sottoscrive la richiesta di un credito di 320mila franchi per lo storico edificio protetto a livello locale.
Mendrisiotto
10 ore

Treni InterCity, il Mendrisiotto rilancia con un'altra petizione

Dopo il veto delle Ffs alle richieste del Distretto, è il deputato Massimilino Robbiani a chiamare a raccolta i cittadini
Luganese
10 ore

Per Besso la Posta opta per un partenariato alla stazione

Collaborazione con la Farmacia della Stazione quale sede della regione Lugano 3.
Luganese
11 ore

Radiografia delle strutture e delle associazioni sportive

L’Ente regionale per lo sviluppo e la Città di Lugano (in particolare la Divisione Sport) hanno dato avvio all’inventario.
Ticino
11 ore

Problemi all'antenna dell'Mpc, 'quali conseguenze per il Ticino?'

Fonio (Ppd) e Bignasca (Lega) interrogano il Consiglio di Stato alla luce delle recenti notizie su presunti episodi di mobbing nella sede luganese
Luganese
11 ore

Un secolo, e non sentirlo, per Oscar Remonda

Il neo centenario è stato festeggiato nella sua abitazione di Viganello dal sindaco di Lugano Marco Borradori.
Bellinzonese
07.08.2018 - 06:000
Aggiornamento : 10:30

Da 95 anni al servizio della convivialità

Da quasi un secolo le Colonie dei Sindacati di Bellinzona organizzano soggiorni estivi rivolti ai giovani. Il presidente Michele Aramini: ‘Esperienze che fanno crescere’

Vivere a contatto con la natura attraverso un’esperienza comunitaria e residenziale, puntando a responsabilizzare gli ospiti e farli crescere nel loro percorso di vita. Una frase che riassume 95 anni di operato delle Colonie dei Sindacati di Bellinzona al servizio di bambini e adolescenti di tutto il cantone attraverso l’organizzazione di soggiorni estivi. Nata nel 1923, l’associazione è divenuta a metà degli anni Settanta l’opera sociale di riferimento, insieme alle colonie targate Ocst, nel settore delle vacanze estive, per un totale di ospiti che in alcuni anni ha superato le 400 unità.

«Siamo sempre stati un modello all’avanguardia dal punto di vista educativo», afferma l’attuale presidente, Michele Aramini, il quale quest’estate ha raggiunto il ventesimo anno di servizio, di cui 14 da direttore. Nate con l’obiettivo di permettere ai figli degli operai di cambiare aria, oggi le colonie rappresentano «didattiche pedagogiche importanti per tutti, dove il bambino si trova al centro della sua vacanza e riesce a vivere delle esperienze di crescita, di responsabilità e di vita comunitaria che in poche altre occasioni avrebbe la possibilità di affrontare».

I ragazzi non sono in un villaggio vacanze, ma in un contesto conviviale dove si cerca di renderli autonomi. «Hanno per esempio delle piccole mansioni da svolgere, dalla pulizia del refettorio alla gestione dei propri armadi». Un’esperienza formativa che soprattutto una colonia residenziale può riservare, sebbene negli ultimi anni ci sia stata una tendenza maggiore verso la colonia diurna. «È un peccato perché c’è una grande differenza: quelle diurne sono un po’ come andare a scuola, mentre le residenziali offrono l’opportunità di vivere appieno un’esperienza fuori casa. Ma probabilmente l’entità diurna risponde meglio ai bisogni e alle abitudini odierne. Una curiosità: se in passato erano i bambini ad avere malinconia, oggi succede che siano i genitori a riportare a casa i figli perché mancano loro».

Uno degli obiettivi è proporre più attività possibili all’aperto, così da far riscoprire il piacere del gioco ad alcuni ragazzi. «Tanti ci dicono che a casa trascorrono le giornate attaccati ai videogiochi. È dunque importante riproporre i giochi classici, anche solo dando due calci al pallone». Un’altra realtà con cui si deve convivere sono i cellulari. «Cerchiamo di non demonizzarne l’uso, ma di regolamentarlo e di dargli un’impronta positiva. Per esempio proponendo attività che ne richiedono l’utilizzo (cacce al tesoro). Inoltre, da due anni collaboriamo con il Gruppo visione giovani della Polizia cantonale, che viene a trovarci per sensibilizzare i ragazzi».

Nella culla leventinese

Si è concluso domenica 29 luglio il secondo e ultimo turno di soggiorno presso gli stabili a Rodi. Un complesso che vanta 102 posti letto, un ampio parco esterno e la possibilità di accogliere portatori di handicap in carrozzina. «I due turni sono stati completi. Con più di 60 ospiti ciascuno e una ventina di animatori formati dal nostro corso svolto in collaborazione con l’Associazione monitori e animatori colonie». Due turni suddivisi in altrettanti blocchi, uno per bambini e l’altro per adolescenti. «Il soggiorno è classico per i bambini, con attività nei boschi, campeggi, giochi ecc. Mentre i grandi programmano le giornate con i monitori, e spesso sono loro stessi che organizzano le attività dei più piccoli». Il tutto avviene in una cornice particolarmente adeguata. «La Leventina è perfetta per una colonia. Basti pensare ai tanti itinerari per le gite o ai molti aspetti culturali. Rodi è un bellissimo paese di montagna facilmente raggiungibile, con pinete, spazi comuni e campi sportivi».

Guarda tutte le 5 immagini
© Regiopress, All rights reserved