la-finestra-di-bedretto-diventa-un-laboratorio-del-poli
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
5 ore

Intragna, dal cornicione della scuola cadono pezzi d’intonaco

Immediato intervento dei tecnici per una verifica dell’accaduto. Municipio pronto a metter mano agli interventi del caso; la ripresa a settembre garantita
Ticino
7 ore

Finiscono le vacanze, torna la colonna: 10km al Gottardo sud

Fra Biasca e Airolo si arrivava nel primo pomeriggio di oggi a due ore di attesa
Ticino
11 ore

Furti per 5mila franchi nei distributori automatici, due arresti

Un 40enne e una 30enne avrebbero colpito le gettoniere di almeno 8 apparecchi soprattutto nei pressi delle stazioni ferroviarie
Luganese
13 ore

È morto il motociclista coinvolto ieri in un incidente a Croglio

L’uomo, un 28enne italiano, ha urtato violentemente un’automobile all’altezza di Madonna del Piano, venendo sbalzato dal mezzo e rovinando a terra
Locarnese
15 ore

A Locarno ‘movida’ prolungata, gli esercenti: ‘è un primo passo’

Le reazioni di bar e ristoranti dopo la decisione dell’Esecutivo di prolungare la possibilità per quest’ultimi di mettere musica di sottofondo 
Mendrisiotto
15 ore

InterCity a Chiasso, ‘Difenderemo sempre la nostra fermata’

Molti i temi in agenda per la seduta extra-muros che impegnerà il Municipio a fine mese. Il punto con il sindaco Bruno Arrigoni.
Gallery
Luganese
1 gior

Auto contro moto a Madonna del Piano: un ferito grave

Incidente della circolazione attorno alle 20 sulla strada che da Ponte Tresa conduce a Fornasette, chiusa per i rilievi del caso
Ticino
1 gior

Il luglio 2022 è stato il secondo più caldo di sempre in Ticino

Il mese appena trascorso ha visto uno scarto di +2,6 °C rispetto alla norma 1991-2020: il record rimane a luglio 2015, con uno scarto di oltre 3°C
04.08.2018 - 06:10
a cura de laRegione

La Finestra di Bedretto diventa un laboratorio del Poli

Dal prossimo febbraio il cunicolo di servizio della galleria del Furka ospiterà test di geotermia: in questo campo sarà il centro più importante in Europa

«Servirà a capire meglio cosa succede nelle rocce in profondità quando cerchiamo di estrarre l’energia geotermica e di incamerare calore da usare in inverno». È con questo obiettivo – illustrato alla ‘Rsi’ dal professor Domenico Giardini, che al Politecnico federale di Zurigo insegna sismologia e geodinamica – che la cosiddetta Finestra di Bedretto risorgerà presto a nuova vita. Si tratta del cunicolo di servizio, lungo 5,2 chilometri, usato negli anni 70 e 80 durante la costruzione della ferrovia del Furka, e che da allora è rimasto inutilizzato, con funzione di aerazione. Più volte, nei decenni, il Comune di Bedretto ha chiesto alle autorità federali di investire per collegarlo alla ferrovia, allacciando così l’alto Ticino all’alto Vallese; ma l’investimento è sempre stato ritenuto oltremodo oneroso. Ora, come anticipato dalla ‘Rsi’, dal prossimo febbraio la ‘camera’ che si trova a metà del piccolo tunnel, messa a disposizione dalla proprietaria Matterhorn-Gotthard-Bahn, sarà trasformata dal Poli in un laboratorio di ricerca dal costo di decine di milioni di franchi – assicurati da fondi pubblici e privati – e con una permanenza prevista a lungo termine. Si comincerà con esperimenti sulla geotermia nell’ambito degli studi condotti dal Centro svizzero di competenze per la ricerca energetica nell’ambito della distribuzione di energia. La necessità odierna di un tale centro di ricerca scientifica – il professor Giardini spiega che sarà il più importante in Europa, mentre in America se ne sta realizzando uno simile che sarà operativo più tardi – si spiega col grande interesse legato al potenziale energetico accumulato nel sottosuolo dove, a una profondità di alcuni chilometri, ci sono temperature superiori ai 100° C. Un’energia pulita, sempre disponibile e praticamente inesauribile, sfruttabile – oltre che per accumulare calore diretto – anche per produrre energia elettrica tramite centrali a vapore. Ciò che potrebbe essere un’alternativa alla centrali nucleari ricercata dalla Politica energetica 2050 della Confederazione. «Per riuscire a capire cosa succede quando si lavora a 4-5 chilometri di profondità in rocce molto calde, necessitiamo di condurre esperimenti che non siano di laboratorio – sottolinea il geofisico italiano ai microfoni della ‘Rsi’ –. Abbiamo bisogno di spostarci a circa un chilometro di profondità e condurre esperimenti su scala 10-100 metri in modo da avvicinarci quanto più possibile alle condizioni profonde che si incontrano quando si fa un vero progetto industriale di sfruttamento della geotermia».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved