ULTIME NOTIZIE Cantone
Centovalli
5 ore

Golino-Zandone, trasporto pubblico da potenziare

La richiesta di più corse bus da parte del Comune delle Centovalli e della Agie Charmilles (tramite Cit) recapitata alla Sezione della mobilità
Grigioni
5 ore

Giù la maschera! Roveredo si tuffa nel Carnevale Lingera

Inaugurata questa sera la 61esima edizione. Fra le novità la possibilità di acquistare i biglietti online e il percorso del corteo di sabato
Luganese
6 ore

Una preda nella tana: l’accusa alza la posta in gioco in Appello

Nella seconda giornata di processo parola al procuratore pubblico e all’avvocata della vittima.‘I tre ragazzi hanno creato un clima di terrore’.
Locarnese
6 ore

L’indebitamento pubblico preoccupa Gordola, su le imposte

Il Consiglio comunale sposa la linea del rapporto di minoranza della Gestione e alza il moltiplicatore dall’84 all’88 per cento, sconfessando il Municipio
Ticino
7 ore

Ricerca fra le macerie, pure una squadra ticinese in Turchia

Lunedì Mauro Bonomi e Luna sono volati sul posto. In preallarme il presidente della sezione rossoblù di Redog Fabio Giussani: ‘Pronto a intervenire’
Morbio Inferiore
7 ore

Festa della Madonna di Lourdes, due appuntamenti al Santuario

Sabato 11 è previsto il Cenacolo del Movimento sacerdotale mariano, mentre domenica 12 il santo rosario meditato e la santa messa del pellegrino
Ticino
8 ore

Radar, un’altra interpellanza scottante diventa interrogazione

Alle domande poste da Passalia e Dadò (Centro) sull’aumento di controlli di velocità il governo risponderà in forma scritta. E tra diverso tempo.
16.06.2018 - 06:20

Revocato il fallimento della ex Cima Norma di Dangio

La Camera di esecuzione e fallimenti ha annullato la sentenza di fine maggio: il debito coi creditori che avevano avviato l'istanza è stato saldato

di Dino Stevanovic
revocato-il-fallimento-della-ex-cima-norma-di-dangio
Ti-Press

Marcia indietro sulla Fondazione Fabbrica del Cioccolato. A due settimane dal fallimento, decretato dalla Pretura distrettuale di Blenio il 29 maggio, la Camera di esecuzione e fallimenti (Cef) del Tribunale d’appello ha accolto il reclamo dell’ente che gestisce l’ex Cima Norma di Dangio, annullando pertanto la precedente sentenza. «Siamo soddisfatti – commenta il legale della fondazione Gianmaria Bianchetti – a maggior ragione perché a chiedere la revoca sono stati anche gli stessi creditori che avevano presentato l’istanza, una volta che il debito (di circa 5’400 franchi, ndr) è stato saldato. Si tratta di una notizia positiva per noi: trattandosi di una fondazione che vive prevalentemente di contributi privati non è sempre semplice trovare fondi per portare avanti quest’iniziativa culturale. Ma l’impegno e la volontà delle persone coinvolte, in primis del presidente Franco Marinotti, sono molto grandi».

Sebbene sia durata solo un paio di settimane, la vicenda giudiziaria è stata piuttosto articolata. «Abbiamo fatto un primo reclamo – ripercorre l’avvocato luganese – chiedendo l’effetto sospensivo, che in prima battuta non ci è stato concesso». Il motivo? «La Cef ha chiesto che venissero pagate le esecuzioni più delicate (in fase di fallimento o pignoramento, ndr)». Una volta saldate queste, è stato ripresentato un reclamo, stavolta accolto – l’11 giugno – seppur solo parzialmente «a causa delle spese giudiziarie non ancora coperte». Superato anche questo ostacolo, il 13 giugno la Cef ha preso la decisione definitiva annullando il fallimento, come anticipato dalla Rsi online. Già nel 2017 la fondazione salì alla ribalta delle cronache per mancati pagamenti di artisti e dipendenti, situazione poi rientrata grazie anche all’intervento del sindacato Ocst.

Situazioni pendenti da regolare

E oggi, la fondazione è finanziariamente più stabile? «Ci sono ancora delle situazioni pendenti da regolare – spiega Bianchetti –, e una delle nostre prime preoccupazioni ora è andare a tacitarle. Si desidera mettere tutto a posto e ripartire». La ricerca di sostenitori è in corso e una «certa liquidità» dovrebbe entrare prossimamente per questo scopo. Buoni propositi, inevitabilmente da confrontare alla situazione debitoria dell’ente: una decina di esecuzioni (non continuate) per oltre 100’000 franchi complessivi e nessun attestato carenza beni.

© Regiopress, All rights reserved