Bellinzonese
10.01.2018 - 06:000
Aggiornamento : 10:58

Liceo Bellinzona, quelle battute di troppo

Docente indagato dal Decs: molti allievi lo difendono ma altri confermano comportamenti inadeguati

Indignazione e incredulità regnano tra molti studenti del Liceo di Bellinzona all’indomani della notizia che il Dipartimento dell’educazione, della cultura e dello sport (Decs) avrebbe aperto un’inchiesta amministrativa nei confronti di un docente, per far luce su presunti casi di atteggiamenti irrispettosi verso gli allievi. A sostegno dell’insegnante, sulla parete della prima rampa di scale del primo blocco dell’istituto, sono state appese due lettere scritte da allievi e condivise da molti altri che hanno riempito due fogli con firme di adesione. “Il professore è una persona corretta, rispettosa e competente e soprattutto un esempio di vita”, si legge in una di queste. “Un’innocua battutina qua e là, mai volutamente lesiva, non può venir definita una mancanza di rispetto e non può infangare le sue competenze e le sue capacità nell’insegnare”. E secondo gli autori della lettera: “Trattare gli allievi con rispetto significa mettere tutti sullo stesso piano senza privilegiare nessuno”. Nell’altra lettera gli allievi scrivono che: “Rovinare la carriera a un docente che ha dato così tanto è davvero scorretto, le battutine non avevano di certo lo scopo di far sentire gli allievi inferiori”.

Eppure l’uomo era già stato richiamato più volte dalla direzione della scuola, su sollecitazione di alcuni studenti, che si sentivano feriti o molestati verbalmente, invitandolo a cambiare condotta. La notizia, riferita lunedì dalla Rsi, non ha lasciato indifferente nemmeno il legale dell’uomo, l’avvocato bellinzonese Tuto Rossi, che con un comunicato inviato in redazione si scaglia contro la fuga di notizie. Il difensore del docente invita il direttore del Decs, Manuele Bertoli, ad aprire un’inchiesta interna “per fare sputare il rospo al funzionario che, fregandosene dei suoi obblighi di servizio, ha esposto alla gogna un docente, divulgando una notizia segreta, per di più arricchita di particolari disonorevoli e falsi”. Da noi raggiunta la direzione del Liceo ha preferito non rilasciare commenti, come pure la direzione della Divisione della scuola del Decs.

Stupore... ma non per tutti

C’è stupore anche tra alcuni colleghi dell’insegnante indagato, all’ultimo anno di insegnamento prima di passare al beneficio della pensione. «Un paio di settimane prima di Natale non si è più presentato a lezione – ci racconta un collega –. Poi, proprio prima delle vacanze è arrivata la comunicazione che indicava che non avrebbe più insegnato per il secondo semestre e che sarebbe andato in pensione anticipata». Un altro insegnante del Liceo conferma l’atteggiamento provocatore del docente «ma va detto che lo faceva con l’intento di stimolare gli allievi e aprir loro la mente, come hanno scritto nelle lettere a suo sostegno». Il collega, che si dice ‘scombussolato e incredulo’, ammette: «Certo, aveva un modo di fare provocatorio, e magari talvolta esagerava, ma professionalmente era molto valido», afferma. «Ora, dovrà pagare le conseguenze del suo atteggiamento, peccato. Avrebbe dovuto cambiare già in passato».

Non tutti però sono rimasti stupiti nell’apprendere di comportamenti irrispettosi da parte dell’insegnante in questione. Da testimonianze di ex allievi che abbiamo raccolto, effettivamente emergono comportamenti inadeguati. Un ex allievo ricorda che quando prendeva brutti voti veniva deriso davanti ai compagni, mentre ex allieve ricordano diverse battute, anche a sfondo sessuale, fastidiose e inadeguate, soprattutto in un’aula scolastica.

Potrebbe interessarti anche
Tags
docente
allievi
liceo
insegnante
decs
notizia
liceo bellinzona
bellinzona
direzione
comportamenti
© Regiopress, All rights reserved