laRegione
Nuovo abbonamento
game-set-match-tanti-match
Tre club e una passione
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
20 ore

Racconti al telefono in piazza Governo a Bellinzona

La bibliocabina si trasforma. Alzando la cornetta si potranno ascoltare narrazioni registrate in diverse lingue
Locarnese
1 gior

Centovalli, un’immersione multisensoriale nel territorio

Concretizzata la realizzazione del sentiero energetico tra Rasa e Palagnedra, progetto nato dalla collaborazione tra Masterplan e OTLVM
Luganese
1 gior

Il tram-treno, l’aeroporto il ‘nodo’ di Cavezzolo

Aspettando lo studio commissionato dal Cantone, ulteriori riflessioni sul progetto e le sue conseguenza
Ticino
1 gior

Caso pp, il governo chiede di essere coinvolto

Procuratori bocciati dal Consiglio della magistratura, il Consiglio di Stato scrive al parlamento. E lunedì audizioni in commissione e risposte in Gran Consiglio
Ticino
1 gior

Permessi, interrogazione a Roma sulla politica di Gobbi

L'ha presentata il senatore dem Alessandro Alfieri. Il sindaco di Luino Pellicini: 'Una pulizia etnica amministrativa'
Ticino
1 gior

Tutti i radar della prossima settimana

Ecco l'elenco completo delle località in cui verranno svolti dei controlli della velocità mobili e semi-stazionari
Caslano
1 gior

È disturbato mentalmente l'anziano piromane

Secondo la perizia psichiatrica, c'è un rischio medio-alto di recidiva, senza cure adeguate
Bellinzonese
1 gior

‘Prima i nostri’ e dicastero uguaglianza: due no a Bellinzona

Il Consiglio comunale si appresta a respingere la mozione Lega/Udc e a ritenere irricevibile quella dell'Mps
Ticino
1 gior

Presidio antirazzista a Lugano

Movimenti e sindacati di sinistra manifesteranno contro la politica, ritenuta discriminatoria, del Dipartimento delle istituzioni in materia di permessi di soggiorno
Gallery
Mendrisiotto
1 gior

A Stabio si festeggia il Pedibus

Il Comune è stato il 'cuore' della Giornata internazionale a scuola a piedi. Per Ata in Ticino è stato un 'grande successo'
Ticino
1 gior

Regio Insubrica, la presidenza tocca al Piemonte

L'assessore Matteo Marnati subentra al lombardo Massimo Sertori. Passaggio di consegne questa mattina ad Arona
Locarnese
1 gior

Locarno, Città Vecchia sarà tutta una 'Disfashion'

Domenica si rinnova l'appuntamento settembrino con lo shopping e la svendita di articoli di vario genere di una trentina di negozi
Mendrisiotto
1 gior

A tutta droga: anche a Coldrerio arrestati con hashish e cocaina

In manette un 30enne albanese e un 26enne italiano. Si indaga per infrazione aggrevata alla Legge federale sugli stupefacenti
Locarnese
1 gior

Someo, domenica la festa patronale

La funzione religiosa delle 10.30 vedrà la partecipazione delle coriste della parrocchia accompagnate all'organo da Nadir Ritter Salogni
Mendrisiotto
1 gior

Il confine italo-svizzero in epoca globale

Lo Spazio Officina di Chiasso ospita, il 25 settembre, un convegno per riflettere sul futuro delle aree di confine
Locarnese
1 gior

Locarno, concerto d'organo

Domenica appuntamento nella chiesa di San'Antonio con i due musicisti Olivier Latry e Shin-Young Lee
Bellinzonese
04.06.2016 - 15:190
Aggiornamento : 15.12.2017 - 17:10

Game, set & match. Tanti match 

Ai Campionati svizzeri juniores a Bellinzona, Giubiasco e Locarno sono attesi oltre 500 giovani

Si sta avviando la macchina organizzativa per le edizioni 2017 e 2018, forse anche 2019. Torna in Ticino il meglio delle racchette di domani.

«Cosa significa organizzare i Campionati svizzeri juniores? Non lo so ancora, credo che lo scopriremo presto!». Il buon umore non manca e comunque non si potrà fare peggio del pur blasonato Roland Garros, alle prese quest’anno con parecchi grattacapi a causa della pioggia e bersaglio di ironie degli internauti. Giubiasco, Bellinzona e Locarno non sono Parigi, eppure non avranno bisogno dell’aiuto che il “WimbledonRoof” – il tetto di Wimbledon che su Twitter cinguetta proverbiale humour inglese – non ha esitato a proporre al ‘fratello di Slam’ francese, il solo dei quattro maggiori tornei al mondo ancora sprovvisto di copertura. «In caso di maltempo – conferma Fabrizio Delcò, presidente del comitato organizzativo – si potrà giocare all’interno: abbiamo a disposizione 11 campi tra Locarno, Sementina e Ascona». L’idea di riportare la competizione in Ticino è nata l’anno scorso in seno all’Associazione regionale tennis Ticino (Artt), dallo slancio del presidente Giuseppe Canova e di Riccardo Margaroli. L’evento – confermato gli scorsi giorni da Swiss Tennis – si svolgerà dal 1° al 9 luglio 2017 a Bellinzona, Giubiasco e Locarno e si ripeterà nel 2018; la convenzione stipulata con la Federazione svizzera prevede l’opzione per una terza edizione. Una bella sfida per gli organizzatori, «ma soprattutto un’occasione per i nostri giovani: guardare una di queste partite è come assistere a una lezione». E di partite ve ne saranno molte poiché da qualche anno la sede dei Campionati svizzeri ospita anche le qualificazioni «alle quali partecipano 48 giocatori in ogni tabellone: U12, U14, U16, U18 maschile e femminile». Al torneo principale accedono direttamente i migliori 16 giocatori svizzeri di ogni categoria, più gli 8 usciti dalle qualificazioni. In totale oltre 500 giovani. Numeri di tutto rispetto, che si fanno ancor più importanti tenendo conto degli accompagnatori. «Tra genitori e allenatori, si stima che in una settimana tra Bellinzonese e Locarnese arriveranno duemila persone. Un appuntamento di rilievo anche per il turismo».
Unico dei tre centri con 8 campi – condizione posta da Swiss Tennis –, Bellinzona ospiterà semifinali (venerdì) e finali (sabato); i quarti si giocheranno a Bellinzona e Giubiasco (giovedì); turni precedenti del tabellone principale e qualificazioni anche a Locarno. La Federazione svizzera non ha invece accettato Bodio come quarta sede: «Peccato, il club si era messo a disposizione con entusiasmo. Ma la località è troppo lontana da Locarno, ciò creerebbe difficoltà agli allenatori che seguono i più giovani». L’appuntamento è per juniores, ma la macchina organizzativa è da ‘grandi’. Swiss Tennis gestisce gli aspetti tecnici (allestimento tabelloni; arbitri ufficiali); il resto – infrastrutture, accoglienza giocatori, vitto e alloggio, eventuali eventi collaterali, pubblicazione programma ufficiale, premi, servizio medico e di fisioterapia – è di competenza del comitato organizzativo. Che, oltre a Delcò, è composto da un membro Swiss Tennis, due Artt, tre rappresentanti dei club, un responsabile di segretariato e finanze. Come supporto gli saranno affiancati due gruppi che si occuperanno di sponsoring e relazioni con la stampa. I costi si stimano a 40-50mila franchi per edizione «a carico del comitato organizzativo; sui club non peserà nulla». Metà del budget è coperto da Swiss Tennis e con le tasse d’iscrizione. Per l’altra metà si cercano sostenitori: «Con uno sponsor principale stiamo concludendo un accordo».

 

Non solo Roger Federer, il ‘pulcino’ che iniziò a vincere a Bellinzona

Il più famoso, manco a dirlo, è Roger Federer. Oggi icona planetaria, considerato il tennis fatto persona, da giovane già mostrava di saperci più che fare con la racchetta. Prima di trovare il posto per 17 trofei dello Slam, in bacheca aveva messo i titoli di campione svizzero in tutte le categorie: Under 12 (estate e inverno 1993), U14 (estate 1995), U16 (estate e inverno 1996), U18 (estate e inverno 1998). Ma c’è anche chi, come Stan Wawrinka, ha saputo conquistare le vette mondiali senza essere stato, a suo tempo, il migliore. Due percorsi diversi per due campioni diversi ma uniti dall’appartenenza a un olimpo sportivo destinato a pochi eletti. Con le loro gesta hanno ‘viziato’ anche il più distratto dei tifosi e fatto esultare non pochi tra coloro per cui top spin e slice restano oggetti misteriosi. Campioni che hanno piazzato l’asticella così alta da far sembrare tutto il resto quasi scontato. Ma chiunque torni a casa con le calze sporche di terra rossa la domenica sa bene che scontata non è nemmeno la partitella con l’amico, figuriamoci scalare le classifiche nazionali. Lo sanno bene i genitori dei ragazzini che – chi sognando l’eleganza di Federer, chi il rovescio di Stan, chi Rafa quello mai domo – si mettono alla prova torneo dopo torneo. Sanno, quei genitori, quanto impegno, tempo, sforzo, lavoro richieda il tennis; e quanto sia difficile emergere. Ciò che, con due calcoli approssimativi su proporzione tra numero di praticanti e ‘numeri uno’, può facilmente intuire anche chi non mastica palline. I Campionati svizzeri juniores sono una vetrina privilegiata sul meglio del tennis giovanile elvetico, sentire dal vivo il rumore di una pallina colpita perfettamente, ammirare traiettorie che paiono disegnate. L’ultima volta a Sud delle Alpi fu dal 2004 al 2006 a Locarno. Ed è in Ticino, a Bellinzona, che Roger Federer divenne campione per la prima volta: era il 1993, era un ‘pulcino’ di 12 anni. Nel 1990 a Morbio s’impose Martina Hingis (U14). Ticinesi sono due campionesse in carica: Susan Bandecchi U18, Emma Penné U12. L’appuntamento è dunque succulento per il pubblico, che si spera numeroso; «è importante per il movimento tennistico cantonale e i nostri atleti, che potranno giocare in casa».

© Regiopress, All rights reserved