Archivio
20.10.2017 - 07:01
Aggiornamento: 15.12.2017 - 17:12

Vai per boschi o per castagne? Occhio alla vipera  

di Simonetta Caratti
vai-per-boschi-o-per-castagne-occhio-alla-vipera
Grégoire Meier di Medeglia è appassionato di ser

Morde e inietta il suo veleno solo se si sente veramente minacciata. Stiamo parlando delle vipere berus (il marasso) e aspis (atra e francisciredi). Le uniche due specie velenose in Ticino. Se le conosci le eviti. Il marasso vive nelle zone montane e lo si incontra piuttosto raramente, predilige cespugli, sasssaie, zone più umide come torbiere, zone paludose. Mentre l’aspis è ovunque, da Mendrisio fino all’alto Ticino: sta in roveti, muri a secco, cascine diroccate, ai margini del bosco dove spesso trova rifugio nelle radici delle piante. Vediamo allora dove è meglio non mettere mani o piedi per evitare di essere morsicati. Perché purtroppo succede a vari escursionisti, magari in cerca di castagne. Lo scorso anno 36 persone sono state morse da serpenti indigeni velenosi, più nove animali (otto cani e un gatto): cifre fornite da Tox-Info Suisse che registra tutti i casi in Svizzera. I sintomi possono essere leggeri fino a complicazioni gravi. L’ultimo decesso risale al 1961. Grazie alle attuali cure mediche, non si muore più per una vipera. Per i pazienti più acuti c’è l’antidoto, tenuto in ospedale che va somministrato da un medico, dopo attente valutazioni.

Meglio evitarla che finirci sopra

Sono animali piuttosto sedentari e schivi, fanno di tutto per evitare l’uomo: «Vivono in aree ristrette, alcune le seguo da anni e le ritrovo sempre nei medesimi luoghi (ai margini dei boschi, nei muri a secco o nei cumuli di legna) dove trovano piccoli mammiferi e possono scaldarsi», spiega Grégoire Meier che le osserva per ore, le fotografa e studia da anni (ha pubblicato il libro ‘Vipere italiane: gli ultimi studi sulla sistematica, l’ecologia e la storia naturale’) e insegna agli scolari a non temerle. Lui le cerca, mentre altri le evitererbbero volentieri. «Iniziano la loro attività quando il sole lambisce il loro habitat, escono dai rifugi e accumulano calore. Se ci sentono arrivare scappano, ma a volte le si trova sdraiate, come appisolate, lungo un sentiero o capita di avvicinarle involontariamente. Se siamo troppo vicini tenteranno di morderci, perché si sentono minacciate. Per osservarle senza pericolo, bisogna rimanere ad un metro e mezzo di distanza».

Se la vipera ti sbarra la strada?

 

E se una vipera ci sbarra la strada su un sentiero? «Basta battere i piedi, per farla scappare. Spesso fugge verso il basso oppure scatta nel suo rifugio: meglio evitare quindi di contornarla dal basso, se ci troviamo su di un pendio», precisa. Anche banali movimenti possono costarci una morsicatura. «Quando si spostano sassi e legna, dare colpi e guardare dove si mettono le mani. Guardare prima di sedersi nelle pietraie e quando si raccoglie castagne». È stato morsicato, ma questo non lo scoraggia. La prima volta aveva 9 anni. «Era un aspis, non mi ha iniettato il veleno, che è prezioso per cacciare. Quando morsica, può decidere se usare il veleno o meno». La seconda, ha fatto più male: «Dieci minuti dopo il morso ho sentito un bruciore localizzato alla mano, passati 30 minuti era gonfia fino al gomito. Non ho avuto né vomito, né diarrea», racconta. Si è recato all’ospedale: «Mi hanno tenuto in osservazione». La terza volta è stato punto sul dito: «Ho fatto un controllo in ospedale, ma non ho mai fatto uso del siero».

© Regiopress, All rights reserved