15.10.2022 - 05:00
Aggiornamento: 21.10.2022 - 21:55

Tornano le volpi artiche

Finlandia, nascono cuccioli dopo 25 anni

di Susanna Petrone
tornano-le-volpi-artiche
Una volpe artica

Per oltre 25 anni, le volpi artiche non si sono riprodotte in Finlandia. Fino ad oggi. Grazie a un progetto del WWF, infatti, per la prima volta questi piccoli mammiferi sono tornati a far nascere i loro cuccioli tra le lande finniche. Questi sono i primi risultati del duro lavoro a lungo termine iniziato diversi decenni fa. Quest’estate, le ispezioni dei nidi di volpe artica hanno rivelato che la specie si è riprodotta con successo nell’area montuosa di Enontekiö, nella Lapponia settentrionale. Tre cuccioli sono nati da una coppia di volpi artiche. L’ultima riproduzione confermata era avvenuta a Utsjoki nel lontano 1996. Negli ultimi anni sono state osservate più volpi artiche presso le stazioni di alimentazione gestite da Metsähallitus, Parchi nazionali finlandesi e WWF, il che faceva ben sperare nella nascita di qualche cucciolo. Parliamo pur sempre di un animale che sopporta temperature fino a 50 gradi sottozero. Questo grazie alla sua incredibile flessibilità. Il suo manto si adegua all’ambiente: in inverno è bianco o bianco-grigio e in estate grigio-bruno o bianco-bruno.

La popolazione nordica

"I risultati del lavoro di conservazione a lungo termine degli ultimi 20 anni stanno diventando visibili", ha dichiarato lo specialista Tuomo Ollila del National Parks Finland, l’autorità responsabile della conservazione della volpe artica in Finlandia. "Non si tratta di un traguardo, ma di un buon progresso". La volpe artica è una specie a rischio critico in Finlandia. All’inizio degli anni 2000, l’intera popolazione nordica di volpe artica ha toccato il minimo storico, con circa 100 individui adulti. Attualmente si stima che 450 volpi artiche adulte vivano tra Norvegia, Svezia e Finlandia. In Finlandia si stimano 10-20 volpi artiche all’anno e il numero di osservazioni è aumentato. "È qualcosa di unico vedere il ritorno di una specie che è scomparsa dalle regioni finlandesi per decenni", ha dichiarato Petteri Tolvanen, responsabile del programma del WWF. "Ciò che è ancora più sorprendente è che ritorna in un momento come questo in cui il cambiamento climatico sta progredendo nelle regioni settentrionali ancora più velocemente del previsto. Il riscaldamento globale e le sue conseguenze sono la più grande minaccia per la volpe artica, a lungo termine". In passato venivano cacciate per la loro pelliccia estremamente folta. Cosa che ha portato questi incredibili mammiferi sull’orlo dell’estinzione. Nonostante la caccia alla volpe artica sia oggi vietata o regolamentata in molti Paesi, questa minaccia non è ancora scomparsa completamente. Ma, come detto, oggi la volpe artica è particolarmente colpita dai cambiamenti climatici, dato che sulla Terra fa sempre più caldo, e anche l’habitat della volpe cambia.

I progetti

Ma come si può garantire la continuità della conservazione della volpe artica? Secondo Tolvanen sono due i fattori principali: "In passato, dopo la metà degli anni 80, i cicli abbastanza regolari delle popolazioni di arvicole sono scomparsi dalle nostre aree montane, per una ragione sconosciuta. Dal 2007 però sono tornati, facendoci ben sperare. I lemming e le arvicole sono specie chiave nell’area di caduta e sono anche la principale fonte di cibo per la volpe artica". Un altro aspetto che sta favorendo la protezione della specie artica è il lavoro congiunto di monitoraggio e conservazione nei Paesi nordici, che dura ormai da decenni. In Finlandia, Metsähallitus, National Parks Finland, è responsabile della conservazione e del monitoraggio di questo animale. Nel 2020, il WWF Finlandia ha ricostituito il gruppo di lavoro per sostenere quest’attività. Gli strumenti di conservazione più importanti per la volpe artica sono la cura dell’alimentazione supplementare e la limitazione della caccia nelle aree montane. I Parchi nazionali finlandesi e il WWF hanno portato quasi 30 distributori di cibo per cani nelle aree interessate e nelle vicinanze dei vecchi siti di riproduzione. I distributori sono costruiti in modo tale che la volpe rossa non possa utilizzarli. L’alimentazione supplementare ha lo scopo principale di favorire la sopravvivenza dei cuccioli fin dal primo inverno e di aiutare le volpi artiche adulte a rimanere nei territori migliori durante gli anni di debolezza delle arvicole. Inoltre, i Parchi nazionali finlandesi stanno limitando la popolazione delle volpi rosse che si stanno diffondendo nell’area, poiché sono di dimensioni maggiori. Infatti, esse lottano per lo stesso cibo e utilizzano gli stessi siti di riproduzione della loro cugina.

La collaborazione

"La continuità di queste misure di conservazione deve essere salvaguardata. È fondamentale per il recupero della popolazione di volpe artica in Finlandia", ha dichiarato Tuomo Ollila del National Parks Finland. Poiché la volpe artica attraversa i confini, il lavoro di conservazione viene svolto in stretta collaborazione con Svezia e Norvegia. In Norvegia, il progetto di conservazione della volpe artica ha rilasciato in natura i cuccioli nati all’interno di rifugi vicino al confine finlandese negli ultimi anni. Non è ancora noto se il maschio o la femmina della coppia che si sta riproducendo in Finlandia appartenga a questo gruppo. I campioni di Dna raccolti, che verranno analizzati in seguito, potrebbero rivelare l’origine della coppia. Nel frattempo, la famiglia di volpi artiche che ha avuto successo rimarrà probabilmente vicino al nido per un po’ di tempo. I genitori continueranno ad aiutare i cuccioli a trovare il cibo, ma in questo periodo la prole lascerà la tana. Appena arriva l’inverno, infatti, i piccoli devono cavarsela da soli e saranno costretti a cacciare sulla tundra per poter sopravvivere. Poco importa cosa finirà sul "piatto": si metteranno a cercare topi, lepri bianche, uccelli, uova, molluschi, ricci di mare, lemming o carcasse di foche morte. La volpe artica è anche molto furba: spesso segue gli orsi polari mentre vanno a caccia per mangiare i resti delle loro prede.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved