laRegione
i-primi-passi-per-un-esportazione-corretta
ULTIME NOTIZIE #dentroleconomia
#dentroleconomia
4 sett

Novità in materia di accordi di libero scambio

Accordo tra AELS ed Ecuador e tra Ucraina e Georgia. Alcuni dettagli in merito.
#dentroleconomia
1 mese

Un segnale forte dall'economia

Lo scorso 16 ottobre si è tenuta, in presenza, la 103esima Assemblea generale ordinaria della Cc-Ti presso l’Espocentro a Bellinzona
#dentroleconomia
1 mese

La Scuola Manageriale della Cc-Ti prosegue a gonfie vele

Questo ciclo formativo sta godendo già da diversi anni di un grande successo
#dentroleconomia
1 mese

Rischio aziendale e pandemia

Una scheda giuridica redatta dall’Avv. Michele Rossi. Scopriamo i dettagli.
#dentroleconomia
1 mese

Locale e globale

L’opinione del Direttore della Camera di commercio, dell’industria, dell’artigianato e dei servizi del Cantone Ticino Luca Albertoni
#dentroleconomia
1 mese

Care imprenditrici, cari imprenditori, cari soci

Lo scritto di Glauco Martinetti, Presidente Cc-Ti, sull’ultima edizione di Ticino Business
#dentroleconomia
1 mese

‘Sempre a difesa della libertà imprenditoriale’

L’intervista a Glauco Martinetti, Presidente Cc-Ti, sulle pagine della Cc-Ti sui quotidiani (LaRegione e CdT) del 13 ottobre 2020
#dentroleconomia
2 mesi

Corso di formazione continua “PMI e mondo finanziario”

La Cc-Ti, insieme al Centro Studi Villa Negroni, ha strutturato un’offerta formativa volta all’incremento delle competenze nell’ambito finanziario.
#dentroleconomia
2 mesi

Quando l’agricoltura incontra l’innovazione

Quando si parla di sviluppo raramente lo si fa parlando del primario. In realtà l’agricoltura negli ultimi decenni ha sviluppato notevolmente la tecnologia.
#dentroleconomia
2 mesi

Tra fatti e illusioni

L’opinione del Direttore della Camera di commercio, dell’industria, dell’artigianato e dei servizi del Cantone Ticino Luca Albertoni
#dentroleconomia
2 mesi

Esportazioni e proprietà intellettuale: cosa sapere

Per esportare prodotti e servizi nel mercato globale e proteggerli contro l’uso improprio bisogna conoscere i diritti di proprietà intellettuale.
#dentroleconomia
2 mesi

Le incognite dell’eventuale rinuncia agli Accordi con l’UE

Negli ultimi 20 anni per tre volte si è votato sugli Accordi Bilaterali con l'Ue e la libera circolazione delle persone. Il popolo li ha sempre approvati.
#dentroleconomia
2 mesi

E tu, azienda, che piattaforma di video call utilizzi?

L’esplosione delle videoconferenze è dovuta al Covid19. Mantenere i dipendenti connessi tra loro ha portato a impostare le relazioni attraverso uno schermo
#dentroleconomia
2 mesi

Settembre 2020: un mese anche di decisioni cruciali

L’opinione del Direttore della Camera di commercio, dell’industria, dell’artigianato e dei servizi del Cantone Ticino Luca Albertoni
#dentroleconomia
25.10.2020 - 08:000

I primi passi per un’esportazione corretta

L’esportazione è il processo di spedizione di beni o di merci da un territorio nazionale in un Paese estero dove saranno poi venduti

Prima di esportare un prodotto è bene tenere conto delle formalità riguardo alla spedizione e al trasporto, così da non confrontarsi con problemi che potrebbero nascere al momento dell’arrivo della merce nel Paese estero.

 

Le parti interessate
I fattori principali di un’esportazione corretta sono l’esportatore ovvero il venditore, il destinatario ovvero l’acquirente, lo spedizioniere, il trasportatore e le formalità doganali. Lo spedizioniere è la società che organizza il trasporto della merce che viene esportata, mentre il trasportatore è il responsabile del trasporto fisico della merce fino a destinazione.

Partiamo dal principio che:

  • il prodotto che verrà esportato è ben definito
  • il destinatario della merce e il Paese di destino sono ben identificati
  • l’azienda che esporta è attiva


I 5 elementi di cui tenere conto


1. Documenti commerciali

  • La fattura: verrà emessa una fattura di esportazione senza IVA, in quanto questa verrà riscossa al momento dell’importazione dalle autorità doganali del Paese di destino.
  • La packing list: questo documento consiste nel descrivere ed elencare con precisione gli articoli che verranno spediti.


2. Il Trasporto

Le merci possono essere trasportate su strada, ferrovia, via aerea o via marittima. La modalità di trasporto sarà determinata in base a tempi di consegna, costi e destinazione. Lo spedizioniere che si occuperà della spedizione saprà consigliare e offrire la soluzione più adatta alla situazione.
Al fine di determinare anche i rischi e la ripartizione dei costi, verranno applicate ed indicate in fattura le normative, note come Incoterms.
L’imballaggio deve essere resistente per far fronte a tutte le condizioni del trasporto. Sarà determinato dalla natura della merce e dal metodo di trasporto scelto. Quando sarà il momento di esportare lo spedizioniere potrà fornire tutte le indicazioni del caso.

 

3. Marcatura ed etichettatura

Devono essere conformi ai requisiti in vigore del Paese in cui si vuole importare il proprio prodotto. A grandi linee vengono richieste le seguenti indicazioni:

  • il nome dell’acquirente o un’altra forma di identificazione
  • il nome del posto o del porto di entrata nel paese
  • peso lordo e peso netto
  • la menzione del Paese di origine della merce
  • il numero delle casse (imballaggio)
  • avvertenze e precauzioni (per esempio per merci pericolose)


4. Assicurazione sul trasporto

Si può contattare la propria assicurazione.

 

5. Formalità doganali

  • Dichiarazione di esportazione svizzera: viene stabilita grazie all’applicazione di esportazione E-DEC, questa dichiarazione viene utilizzata in particolare per provare l’esportazione del bene giustificando la mancata fatturazione dell’IVA, quindi serve come prova per i vostri conteggi.
  • La dichiarazione di importazione: la dichiarazione viene stabilita dall’importatore alla destinazione finale della merce
  • Licenza di esportazione: la merce esportata potrebbe richiedere, a seconda della sua natura, un permesso di esportazione (ad esempio in caso di dual-use). Tutte le informazioni riguardo a questo argomento sono disponibili presso la SECO (www.seco.admin.ch nella rubrica ‘Controlli sulle esportazioni e sanzioni’).
  • Prova di origine: come indicato in precedenza questo è il documento che attesta l’origine della merce. Esistono però due procedure doganali di origine diverse.


Il regime preferenziale

Nel momento in cui i due Paesi, sia dell’esportatore che del destinatario hanno firmato un accordo di libero scambio e le merci provengono dall’uno o dall’altro di questi Paesi, l’importatore beneficerà quindi di aliquote preferenziali su tasse e dazi doganali. Può anche succedere in casi particolari che sia esentasse, per ulteriori informazioni potete consultare il sito delle dogane: www.ezv.admin.ch.

Il regime non preferenziale

Per tutte le altre esportazioni, dunque dove non vige un accordo di libero scambio verrà rilasciato un certificato di origine come prova dell’origine della merce. Per maggiori informazioni potete consultare il nostro sito https://www.cc-ti.ch/export.


Fonte: CVCI, adattamento Cc-Ti

© Regiopress, All rights reserved