Svizzera

Contrae l’Hiv in laboratorio, l’Uni di Ginevra la risarcirà

Ricercatrice italiana riceverà 140mila franchi. L’episodio risale al 2011 e la causa non è ancora stata del tutto chiarita

(Ti-Press)
28 febbraio 2024
|

L'università di Ginevra risarcirà una studentessa italiana che nel 2011 aveva contratto il virus dell'Hiv mentre svolgeva attività di ricerca in uno dei laboratori. Le due parti hanno siglato un accordo che pone fine a una lunga battaglia legale. Un portavoce dell'ateneo ginevrino ha dichiarato oggi all'agenzia di stampa Keystone-Ats che "le parti hanno deciso di riappacificarsi e di porre fine al procedimento legale in corso", confermando così le informazioni rilasciate precedentemente dall'università di Padova. Il risarcimento ammonta a circa 140'000 franchi. "La transazione, attualmente in fase di definizione, non implica alcuna ammissione di responsabilità o rivendicazione da parte di nessuna delle due parti", ha aggiunto il portavoce.

Trasmissione resta un'incognita

Secondo la stampa italiana la studentessa, la cui identità rimane riservata, era giunta in Svizzera nel 2011 a margine del programma europeo di scambio Erasmus per la propria tesi di laurea e per lavorare su alcuni campioni di Hiv. Al suo rientro in Italia, dopo alcuni mesi, era risultata positiva proprio a quel virus che stava analizzando nei laboratori dell'università ginevrina. Tornata in patria, la ragazza ha continuato a condurre una vita normale fino al 2019 quando, durante un test preliminare prima di una donazione di sangue, ha scoperto di essere risultata positiva al patogeno, generalmente trasmissibile sessualmente.

Tuttavia, anche dopo anni di accertamenti e verifiche da parte degli scienziati, non c'è ancora certezza su come la giovane ricercatrice – che ha poi sviluppato un indebolimento progressivo del sistema immunitario – possa aver contratto il virus. I laboratori italiani hanno però concluso, sulla base del sequenziamento genetico, che l'agente patogeno contratto dalla giovane donna "è identico a quello presente nei campioni impiegati durante gli studi svolti dalla ragazza" a Ginevra.

Resta connesso con la tua comunità leggendo laRegione: ora siamo anche su Whatsapp! Clicca qui e ricorda di attivare le notifiche 🔔
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE