LIVE CONCLUSO - 09.12.2022 11:58
Svizzera

Elisabeth Baume-Schneider e Albert Rösti per Sommaruga e Maurer

Eletti i consiglieri federali numero 120 e 121. Il rappresentate dell’Udc eletto al primo turno, la socialista la spunta al terzo

Sono Elisabeth Baume-Schneider e Albert Rösti i due nuovi consiglieri federali. Subentrano, rispettivamente, a Simonetta Sommaruga e Ueli Maurer. L’elezione della socialista, prima giurassiana in Consiglio federale, è avvenuta al terzo turno. Preferita a Eva Herzog e Daniel Josotsch.
In casa Udc, per la successione di Mauer, tutto si è invece deciso già al primo turno, con Albert Rösti preferito ad Hans-Ueli Vogt.
Ats, a cura di Red.Web
17:15

Il Gruppo parlamentare PS festeggia Baume-Schneider a Progr

Il gruppo parlamentare del PS ha festeggiato oggi la sua nuova consigliera federale Elisabeth Baume-Schneider presso il centro culturale bernese Progr. In occasione dell'incontro annuale di Natale, ha accolto la giurassiana con un applauso entusiasta.

Con un sorriso compiaciuto il presidente del gruppo parlamentare Roger Nordmann ha dato il benvenuto alla neo eletta consigliera federale socialista e ha detto: "Abbiamo al momento tre persone in Consiglio federale ma solo per pochi giorni". Erano presenti anche la dimissionaria Simonetta Sommaruga e il responsabile del Dipartimento federale dell'Interno Alain Berset.

I festeggiamenti, ai quali hanno partecipato circa 120 persone, sono iniziati poco dopo le 16.00. Per il consigliere agli Stati sangallese Paul Rechtsteiner era la 34esima e ultima festa di Natale in qualità di membro del gruppo parlamentare, visto che ha annunciato le sue dimissioni alla fine di quest'anno.
 
 

15:38

Baume-Schneider, dall'audacia alle responsabilità

"Ho bussato alla porta del Consiglio federale con un po' di audacia, audacia giurassiana", e ora che questa porta mi è stata aperta ho voglia di assumermi le mie responsabilità e di passare dai discorsi ai fatti. Sono le parole della nuova consigliera federale Elisabeth Baume-Schneider, presentatasi ai media a Berna nel primo pomeriggio a poche ore dall'elezione.

"Sono molto felice di poter partecipare a costruire la Svizzera di domani" e di essere un ponte tra città e campagna, tra le diverse regioni e comunità, ha proseguito la socialista in italiano, riprendendo il concetto già espresso in francese stamane alla tribuna dell'Assemblea federale.

Interpellata sui suoi obiettivi politici, ha risposto che si tratta di "rispondere, trovare soluzioni assieme ai colleghi" ai problemi percepiti dalle persone, come la guerra in Ucraina, la carenza di energia o il potere d'acquisto. "Ora dobbiamo lavorare insieme."

Baume-Schneider ha poi parlato dell'emozione percepita nel suo cantone, ma anche del sentimento di riconoscenza. "Il Giura non è più in lotta, ora è in gioco", ha detto, felice per l'accoglienza festosa dei molti giurassiani giunti in Piazza federale.

La mancanza di rappresentanza delle grosse città e dei grossi poli economici in seno al governo, non è un problema per la neoeletta. Non bisogna opporre le regioni, ha rilevato, aggiungendo che anche il Giura ha sua una rilevanza economica. Non cerchiamo solo problemi, è necessaria più fiducia, ha affermato.

A una domanda sulla posizione del suo partito in merito all'Unione europea, Baume-Schneider si è detta piuttosto eurofila, senza voler tuttavia parlare per il PS nel suo insieme. "Riservo ai miei colleghi il mio punto di vista sul tema".

"Sono estremamente riconoscente per ogni voto ricevuto, anche da parte dell'Udc, ma non cambierò il mio modo di vedere la politica", ha poi aggiunto, dicendosi pronta a fare di tutto per continuare a comunicare come ora, nonostante i consigli che il portavoce del governo André Simonazzi non mancherà di darle.

Sulla scelta dei dipartimenti, prossimo passo sul quale già sono puntati gli occhi dei partiti, dei media e non solo, ha detto di non aver niente da rivendicare. Sono contenta di poter lavorare con delle équipe in seno a un dipartimento, "domani saprò dove sono e anche voi".

14:46

90 anni, due bastoni da jogging e un figlio consigliere federale

Hanni Rösti non si è voluta perdere l’elezione del figlio: ‘Sono sempre di buon umore, ma oggi un po’ di più’

Leggi tutto l'articolo

14:21

Rösti, ‘Contano di più le capacità che la provenienza’

Nel suo primo incontro coi media, il consigliere federale eletto Albert Rösti ha detto di rallegrarsi di qualsiasi dipartimento gli verrà affidato. Il fatto che ci sia ora una maggioranza 'latina' in Consiglio federale, ha aggiunto, non è un problema: ciò che conta non è l'origine o il luogo dove si è nati, bensì le capacità del singolo e la volontà di trovare soluzioni consensuali.

Per il neoministro bernese, il fatto che ci sia una maggioranza di latini con l'elezione della giurassiana Baume-Schneider in Governo, non cambia molto per il Paese, a livello di contenuti, tanto più che la neoeletta è anche perfettamente bilingue. Il fatto che, per una volta, una minoranza sia maggioranza nell'esecutivo va visto più come un'opportunità che come un problema, ha spiegato Rösti.

Interrogato sul fatto che i grandi centri, i 'motori' economici del Paese, non siano più rappresentati in Consiglio federale, Rösti ha dichiarato di conoscere bene i problemi delle città, avendo lavorato nell'amministrazione cantonale bernese e studiato a Zurigo, e di essere sensibile al fatto che qui si genera ricchezza. "Ciò che bisogna fare è adoperarsi affinché anche in futuro sia così e, avendo un master in business administration (Mba), credo di avere le competenze necessarie".

Circa i contenuti della sua azione politica, Rösti ha ribadito che poterà senz'altro in governo i valori dell'Udc, nel rispetto però della collegialità. In merito ai problemi che attendono il governo, sempre incalzato dai giornalisti Rösti ha citato la necessità imperativa di garantire l'approvvigionamento energetico del Paese e di voler dare il suo contributo in tal senso. Intende anche intrattenere buone relazioni con l'Unione europea, il nostro maggior partner economico.

14:09
Vogt: ‘Svantaggiato per aver lasciato il Parlamento’
“Non essendo più in Parlamento ho forse meno contatti politici di Albert Rösti”. È la prima lettura data alla sua mancata elezione in Consiglio federale da Hans-Ueli Vogt, il candidato Udc uscito sconfitto nel testa a testa odierno per prendere il posto di Ueli Maurer in Governo. Lo zurighese, consigliere nazionale tra il 2015 e il 2021, non ha comunque esitato a complimentarsi con il collega di partito Rösti. “Sono contento per lui e per la Svizzera che sia stato eletto”, ha affermato raggiunto da Keystone-Ats. “Da parte mia, sono molto felice e onorato di essere stato uno dei due candidati Udc”, ha aggiunto, dicendosi non deluso dall’esito dello scrutinio. Rösti ha un profilo politico molto diverso ed è possibile che sia stato preferito per i suoi maggiori contatti attualmente a Berna, ha commentato Vogt. Il neo membro dell’esecutivo è infatti consigliere nazionale dal 2011. Vogt ha poi definito il bernese, che lo ha sopravanzato di 33 voti, “un ottimo concorrente e un uomo collaudato”.
14:04
Eva Herzog: ‘Baume-Schneider sarà una eccellente ministra’

La consigliera agli Stati basilese Eva Herzog si è congratulata con la rivale Elisabeth Baume-Schneider per l’elezione in Consiglio federale. Si dice certa che la giurassiana “sarà una eccellente consigliera federale”. “È una decisione dell’Assemblea federale che rispetto assolutamente e mi congratulo con Elisabeth Baume-Schneider per l’elezione”, ha detto all’agenzia Keystone-Ats. “Sono sempre stata prudente e ho sempre saputo che sarebbe potuta finire in una maniera o nell’altra”, ha aggiunto. “Chi mi ha sostenuto e io abbiamo fatto tutto quello che potevamo. È la sensazione che ho”, ha detto ancora, aggiungendo che sarebbe delusa o arrabbiata solo se non avesse dato il massimo, “ma non è il caso”, ha assicurato.

12:20

Il Giura si congratula con Baume-Schneider e parla di giorno storico

Il Governo cantonale del Giura si è congratulato oggi con Elisabeth Baume-Schneider (Ps) per la sua elezione in Consiglio federale. Il 7 dicembre 2022 sarà ricordato come un giorno storico, ha comunicato il consiglio di Stato.

L'elezione è un evento di cui tutto il Giura è fiero e segna la sua giovane storia. Baume-Schneider è la prima consigliera federale donna del cantone più giovane della Svizzera. L'esecutivo del Giura, che era presente oggi a Berna, ha sostenuto la candidatura fin dall'inizio.

Il Consiglio di Stato ritiene che sia giunto il momento per il cantone del Giura di avere un seggio nel governo nazionale a più di 40 anni dalla sua creazione. L'equilibrio all'interno della Svizzera, ha detto, dipende da un'adeguata rappresentanza dei cantoni e delle regioni, che va oltre la questione linguistica.

"Il Governo del Giura è convinto che Elisabeth Baume-Schneider porterà in Consiglio federale la suo grande capacità di proposta e di consenso, il suo impegno per una società progressista e il suo forte radicamento tra la gente", continua il comunicato.

Il 15 dicembre si terrà nel Giura un grande ricevimento per festeggiare l'elezione di Baume-Schneider in Consiglio federale: si svolgerà in parte nella capitale, Delémont, ma anche a Les Breuleux, luogo di residenza della neo eletta consigliera federale socialista.

12:01
Viola Amherd nuova vicepresidente del Consiglio federale

La consigliera federale Viola Amherd (Centro/Vs) è stata eletta vicepresidente del Consiglio federale per il 2023, con 207 voti su 223 schede valide. Con la sua elezione si chiude la seduta dell’Assemblea federale.

Consiglio nazionale e degli Stati torneranno a riunirsi domani.

11:47

Ripartizione dipartimenti già domani

Dopo l'elezione di due nuovi consiglieri federali nelle persone di Albert Rösti (Udc) e Elisabeth Baume-Schneider (Ju), il Governo si ritroverà già domani, giovedì 8 dicembre, per la ripartizione dei dipartimenti. Lo ha indicato il portavoce dell'esecutivo, André Simonazzi, alla televisione svizzerotedesca Srf.
Già prima dell'elezione si è speculato molto sulla possibilità di un rimescolamento degli incarichi, con i ministri in funzione che potrebbero decidere di cambiare in ragione del fatto che si liberano due dipartimenti importanti: quello delle finanze di Ueli Maurer e quello dell'ambiente, dei trasporti, dell'energia e delle telecomunicazioni di Simonetta Sommaruga.
Si tratta di due dipartimenti 'chiave' che potrebbero stuzzicare l'interesse dei "ministri" in carica. Ricordiamo che i consiglieri federali 'anziani', ossia da più tempo in carica possono esprimere per primi un desiderio. In caso di disaccordo nel collegio, si passerebbe al voto.
Simonazzi ha precisato che, dopo la riunione informale di domani, ci dovrebbe essere una comunicazione. La ripartizione dei dipartimenti viene confermata formalmente alla prima seduta governativa del 2023. Nell'attesa, la Cancelleria federale accompagnerà i due nuovi consiglieri federali: si tratta di assicurare un passaggio 'dolce' dei dossier e chiarire diversi aspetti organizzativi.

11:42
Equilibrio uomini-donne invariato in Governo

Un uomo e una donna prendono il posto di Ueli Maurer e Simonetta Sommaruga in Consiglio federale. L’equilibrio di genere rimane quindi invariato nell’esecutivo. Il Consiglio federale continua a contare quattro uomini e tre donne. Albert Rösti ed Elisabeth Baume-Schneider si uniscono ad Alain Berset, Guy Parmelin, Ignazio Cassis, Karin Keller-Sutter e Viola Amherd.

 

Ticket femminile controverso

Lo status quo non era tuttavia scontato. L’Udc non ha fatto raccomandazioni particolari, ma tutte le donne politicamente di peso, in primo luogo Natalie Rickli (Zh), hanno velocemente rinunciato. Michèle Blöchliger (Nw) ha dal canto suo mal gestito la campagna. I socialisti hanno invece chiaramente indicato di volere un ticket tutto femminile. La scelta non ha però mancato di suscitare qualche polemica, anche all’interno dello stesso partito. Daniel Jositsch si è proposto per una candidatura ufficiale, affermando di sentirsi vittima di una discriminazione. Lo zurighese è però rientrato nei ranghi dopo chiarimenti con il gruppo, ma ha comunque ricevuto qualche decina di voti nei due primi turni dell’elezione odierna.

 

Elisabeth Kopp la prima

In Svizzera, come noto, le donne hanno ricevuto diritto di voto solamente nel 1971. Le porte del Consiglio federale sono rimaste a lungo chiuse. Nel 1984 è finalmente ora della prima assoluta, con l’elezione in Governo di Elisabeth Kopp. Nel 1989 l’esecutivo torna però completamente maschile. Il ritorno di una donna avviene nel 1993 con Ruth Dreifuss. Da allora, c’è stata sempre almeno una rappresentante femminile in Consiglio federale. Fra il 2010 e il 2011 le donne hanno persino avuto la maggioranza assoluta, con Simonetta Sommaruga che si era aggiunta a Micheline Calmy-Rey, Doris Leuthard ed Eveline Widmer-Schlumpf. Elisabeth Baume-Schneider sarà la decima ‘ministra’ nella storia.

11:42
Alain Berset

Alain Berset presidente della Confederazione per il 2023

Per il socialista friborghese un’elezione non brillante: 140 voti per lui. Succederà a Ignazio Cassis

Leggi tutto l'articolo

11:15
Crelier Crevoisier subentra a Baume-Schneider agli Stati
Il seggio al Consiglio degli Stati lasciato libero da Elisabeth Baume-Schneider, appena eletta in Governo, sarà ripreso dalla consigliera comunale di Porrentruy (Ju) Mathilde Crelier Crevoisier. Il Giura è infatti l’unico Cantone dove l’elezione alla Camera del popolo si svolge secondo il sistema proporzionale. Se Crelier Crevoisier dovesse rifiutare l‘elezione, spetterà al Partito socialista giurassiano trovare un nuovo ’senatore’. Qualora non dovesse reperire una persona pronta ad assumere l’incarico verrebbe indetta un’elezione complementare, che si terrebbe in marzo o aprile, ha precisato a Keystone-Ats la cancelleria cantonale.
11:01
Un Consiglio federale latino
Con l’elezione di Elisabeth Baume-Schneider, le regioni latine del paese hanno la maggioranza in governo, con anche Ignazio Cassis, Alain Berset e Guy Parmelin. È solo la seconda volta nella storia che ciò accade.
10:59

Neoeletti raggiungono gli altri membri del Governo

I due neoeletti consiglieri federali Elisabeth Baume-Schneider e Albert Rösti raggiungono ora il cosiddetto 'Salon du Président' dove saranno ricevuti dal Consiglio federale in corpore. Un paio d'ore dopo terrà la loro prima conferenza stampa al Centro media di Palazzo federale.
Venerdì il Consiglio federale si riunirà con i nuovi eletti per la ripartizione dei dipartimenti. In quell'occasione, i ministri già in carica esprimono la loro preferenza per ordine di anzianità di appartenenza in governo. Di conseguenza, i due neo consiglieri federali si pronunceranno per ultimi. In caso di disaccordo su un determinato dipartimento, il governo procede a una votazione.
I nuovi consiglieri federali entreranno ufficialmente in carica il primo gennaio.

10:58

Elezione presidente e vicepresidente della Confederazione

Dopo una breve pausa l'Assemblea federale procederà all'elezione, per un anno, del presidente della Confederazione e della vicepresidente del Consiglio federale.
Unici candidati sono rispettivamente Alain Berset e Viola Amherd. Salvo enormi sorprese saranno eletti già al primo turno. Il futuro presidente della Confederazione terrà in seguito un discorso davanti alle Camere riunite. 

10:43

Udc bernese contenta del suo nuovo consigliere federale

Esponenti di primo piano dell'Udc bernese hanno reagito con soddisfazione all'elezione di Albert Rösti in Consiglio federale. È la prima volta dall'elezione di Samuel Schmid, nel dicembre 2000, che il maggior partito del cantone di Berna può festeggiare un suo rappresentante in qualità di consigliere federale.
"Grande gioia" è stata espressa oggi dal consigliere agli Stati Werner Salzmann, che come Rösti si era candidato alla successione di Ueli Maurer in Consiglio federale. "Albert Rösti è un mio buon collega e ho sempre detto che uno di noi due deve farcela", ha dichiarato Salzmann in un'intervista a Keystone-Ats.
Per Manfred Bühler, presidente dell'Udc bernese è stata una giornata positiva per due motivi. In primo luogo, ha detto, è un privilegio per lui, in qualità di presidente cantonale, poter festeggiare un nuovo Consigliere federale. Con un'elezione molto chiara e rapida, Rösti ha potuto raccogliere i frutti del suo lavoro in Consiglio nazionale.

Dall'altra il Giura bernese torna in Consiglio nazionale, ha dichiarato Bühler. Lui stesso prende il posto di Albert Rösti nella Camera del popolo.
Il Giura bernese è stato quasi sempre rappresentato nel Parlamento federale dal 1848, con due brevi interruzioni. Manfred Bühler è già stato consigliere nazionale dal 2015 al 2019, quando non è stato rieletto.

10:36
‘Dovrei avere una frase italiana per i miei amici ticinesi, ma non c’è... La prossima volta!’

“Con rispetto e gratitudine vi ringrazio per la fiducia. Mi impegnerò con passione e senza stancarmi per questo mandato. Ringrazio Eva Herzog e Evi Allemann: tre donne forti. Ringrazio tutti i giurassiani per il sostegno!". Con queste parole la neoeletta Elisabeth-Baume Schneider ha accettato la sia nomina. Aggiungendo, poi, in italiano: ‘Dovrei avere una frase italiana per i miei amici ticinesi, essa però non figura nel mio discorso, mi spiace! Lo farò la prossima volta’.

10:26
Elisabeth Baume-Schneider eletta in Governo

La socialista giurassiana Elisabeth Baume-Schneider è la nuova consigliera federale Ps. Succede a Simonetta Sommaruga. L'Assemblea federale l'ha eletta al terzo turno con 123 voti su 245 schede valide, la maggioranza assoluta era di 123 schede.
Si prosegue quindi con la formula contraddistinta dalla concordanza aritmetica: 2 Udc, 2 Ps, 2 Plr e 1 Ppd. Tutte le quattro principali forze politiche del Paese sono rappresentate in governo. 
Non ce l'ha fatta la candidata bernese del Ps Eva Herzog (83 voti al primo turno, 105 al secondo e 116 al terzo turno). Dal primo di gennaio, il governo avrà quindi tre membri germanofoni, tre francofoni e un italofono.

10:14

‘Ora è il momento di smettere con questo giochetto’

"Conosco Jositsch abbastanza bene e sapevo che non avrebbe preso la parola per ritirarsi, ora è però il momento di smettere con questo giochetto", cos`Greta Gysin (Verdi/Ti) sulla non presa di posizione di Daniel Jositsch al termine del secondo turno di voti per l'elezione del successore di Simonetta Sommaruga.

10:07
Jositsch tace
Dopo il secondo turno di elezione andato a vuoto, Daniel Jositsch non prende la parola per ringraziare per il sostengo ma per lanciare un segnale forte distensivo invitando l’Assemblea federale a votare le due candidate ufficiali.
10:05

Successione di Sommaruga, si va al terzo turno

Niente di fatto nemmeno dopo il secondo turno di votazione per la successione di Simonetta Sommaruga. I voti: Elisabeth Baume-Schneider 112, Eva Herzog 105, Daniel Jositsch 28.

Si va dunque avanti e, come da prassi, ora i nomi da votare sono appunto questi tre: dalla lista dei pretendenti sono infatti stati stralciati tutti quelli che non hanno raggiunto i dieci voti.

09:58

Successione di Sommaruga, Normann chiede di rispettare il ticket

Normann invita a scegliere una delle due candidate presentate dal gruppo socialista alle camere. È arrivato il momento di eleggere la decima consigliera federale.
"È il momento di eleggere la decima donna al Consiglio federale. Con l'elezione di un uomo, la composizione del Consiglio federale sarebbe totalmente sbilanciata con cinque uomini e due donne".

09:55
Theres Rösti: ‘Sono molto contenta. Gli ultimi giorni sono stati un’altalena a livello emotiva’
“Sono molto contenta, emozionata e grata. Gli ultimi giorni sono stati un po‘ un’altalena a livello emotivo. Per fortuna, grazie alla mia professione, sono spesso all’estero e ho potuto staccare un po’.
09:46

Successione di Sommaruga, si va al secondo turno

Ci sarà un secondo turno per la successione di Simonetta Sommaruga. Nessuno dei candidati ha infatti raccolto il numero sufficiente di adesioni nella prima tornata. Questo l'esito de primo turno: Elisabeth Baume-Schneider 96, Eva Herzog 83, Daniel Jositsch 58, diversi 6.

09:41
Albert Rösti: pragmatico e fedele al partito
Oltre due decenni fa, Albert Rösti ha preso le redini dell’Udc di Uetendorf (Be). Il 55enne corona oggi una lunga carriera politica con una brillante elezione in Consiglio federale. Proveniente da una famiglia di agricoltori di montagna, Rösti è cresciuto a Kandersteg (Be). Ha seguito una formazione di ingegnere agronomo e ottenuto il dottorato al Politecnico federale di Zurigo (Eth). Dal 2003 al 2006 ha fatto parte dell’esecutivo del canton Berna, nella direzione dell’economia. È sempre rimasto fedele all’Udc, anche quando degli amici hanno lasciato il partito per unirsi al Pbd. Nel 2011 è stato eletto al Consiglio nazionale. Alla Camera del Popolo Rösti si è fatto una buona reputazione negli ambiti dell’energia e della salute. Il fatto che sia diventato un peso massimo all’interno del suo gruppo parlamentare ha sorpreso diverse persone, poiché i suoi modi di fare tranquilli e riservati sembravano poco compatibili con la linea dell’Udc di Zurigo. In breve tempo si è capito però che Rösti è moderato nei toni, ma duro all’atto pratico, come hanno commentato alcuni osservatori. Si è ad esempio impegnato in prima linea in favore dell’iniziativa contro l’immigrazione di massa. Nel 2016 è diventato presidente dell’Udc a livello nazionale, con la sfida delle elezioni del 2019. A titolo personale, è stato rieletto con il miglior risultato cantonale. Un anno dopo, ha dato le dimissioni dalla presidenza. Rösti ha un’eccellente rete di contatti, anche grazie alla sua attività di consulente nell’ambito economico e politico, in particolare negli ambiti dell’energia, dell’ambiente e dell’agricoltura. Padre di due figli, è ancora attivo anche nella politica locale bernese.
09:36

‘La porta del mio ufficio sarà sempre aperta 

‘È un grande onore per me e per il Canton Berna essere eletto in Consiglio federale’. Sono state le prime parole pronunciate dal consigliere federale eletto Albert Rösti che, nell'accettare il suo nuovo ruolo, ha promesso che la porta del suo ufficio sarà sempre aperta per tutti, amici e avversari politici.

Profondamente legato al suo partito e ai valori che rappresenta, Rösti ha dichiarato che porterà le istanze democentriste in governo nel rispetto della collegialità.

Anche Rösti, come prima il dimissionario Ueli Maurer, ha sottolineato l'importanza della libertà e della libera discussione, quintessenza della democrazia e ciò che ci distingue da Paesi autocratici o dittature.

Una libertà, cui la democrazia diretta deve molto, in cui ci si impegna a rimanere uniti nella diversità per il bene dei cittadini e delle cittadine nel rispetto del motto che campeggia anche sul soffitto di questo edificio: ‘Unus pro omnibus, omnes pro uno’ (‘Uno per tutti, tutti per uno’).

09:26

Successione di Sommaruga, chi sono le due candidate

La basilese Eva Herzog e la giurassiana Elisabeth Baume-Schneider sono le due candidate ufficiali del ticket femminile scelto dal gruppo parlamentare del Ps per la successione di Simonetta Sommaruga in Governo.
Eva Herzog, che presto compirà 61 anni, è stata eletta nel 2001 nel Gran Consiglio di Basilea Città, dove nel 2004 ha presieduto il gruppo parlamentare del Ps fino a quando, nello stesso anno, è stata eletta nel governo cantonale, È stata riconfermata nell'esecutivo nel 2008, nel 2012 e nel 2016.
Nel 2019 è stata eletta nel consiglio degli Stati. Dodici anni fa, la Herzog era già stata candidata al Consiglio federale, nella corsa per la successione del consigliere federale Moritz Leuenberger, ma si era piazzata ultima e l'Assemblea federale aveva preferito Simonetta Sommaruga. 
Anche Elisabeth Baume-Schneider, 58 anni, ha una lunga esperienza in politica. Dal 1995 al 2006 ha fatto parte del parlamento cantonale del Giura ed è quindi stata eletta nel consiglio di Stato, dove ha diretto fino al 2015 il Dipartimento dell'educazione, della cultura e dello sport. Eletta al Consiglio degli Stati nel 2019, è considerata la più a sinistra fra le due candidate ed è anche vicepresidente del Ps svizzero. 

09:21

Iniziate le procedure di voto per il successore di Simonetta Sommaruga

Dopo aver eletto Albert Rösti al posto di Ueli Maurer, l'Assemblea federale ha iniziato le procedure di voto per l'elezione del successore di Simonetta Sommaruga. Il presidente dell'Assemblea federale Martin Candinas (Centro/Gr) ha ricordato che il Ps ha candidato le 'senatrici' Elisabeth Baume-Schneider (Ju) ed Eva Herzog (Bs).

Oltre a questi due nomi potrebbe spuntare una candidatura 'selvaggia' nella persona del consigliere agli Stati socialista zurighese Daniel Jositsch, che aveva mostrato interesse per la carica. Le sue chance sono però deboli.

09:20

Il sesto Udc eletto al primo turno

Rösti è il sesto consigliere federale dell'Udc a essere eletto al primo turno dal 1929 (quando fu eletto il primo consigliere federale democentrista).

09:13
Albert Rösti accetta l’elezione
‘Uno per tutti, tutti per uno’. E poi, nel suo discorso, Rösti ringrazia tutti, a cominciare dalla sua famiglia, ‘un grande pilastro, che mi ha portato fin qui’.
09:08
Albert Rösti eletto con 131 voti al primo turno
Il democentrista bernese Albert Rösti è il nuovo consigliere federale Udc. Succede a Ueli Maurer. L’Assemblea federale l’ha eletto al primo turno con 131 voti su 243 schede valide, la maggioranza assoluta era di 122 schede.
09:04

Greta Gysin: ‘Linee rosse che non possono essere superate’

“Ci sono delle linee rosse che non possono essere superate. Una è quella climatica e l'altra quella dei diritti umani. I due candidati UDC non ci hanno soddisfatto. Ma non abbiamo però fatto giochetti di sorta, abbiamo solo evitato di emettere una raccomandazione”.

08:57

Come funziona l'elezione? Prima due turi libero, poi a esclusione

Per ogni elezione, i primi due turni sono liberi. Chi racimola meno di dieci voti al secondo turno viene eliminato. Questa regola si applica anche per i turni seguenti. A partire dal terzo turno non sono più accettate nuove candidature; chi ottiene meno voti è eliminato.
Quando rimangono in lizza due pretendenti, in caso di parità di voti l'elezione prosegue finché uno dei due non la spunta.

08:48

Iniziate procedure di voto

Dopo aver reso omaggio ai due consiglieri federali dimissionari, l'Assemblea federale ha iniziato le procedure di voto per l'elezione dei nuovi consiglieri federali. Prima verrà eletto il successore di Ueli Maurer.

Come dichiarato dal presidente dell'Assemblea federale Martin Candinas (Centro/Gr), l'Udc propone il consigliere nazionale ed ex presidente del partito Albert Rösti (Be) e l'ex consigliere nazionale Hans-Ueli Vogt (Zh). Come sempre si sono annunciati per la carica anche alcuni semplici cittadini.

Più tardi l'Assemblea federale proseguirà con l'elezione del successore di Simonetta Sommaruga. Il PS ha presentato le "senatrici" Elisabeth Baume-Schneider (Ju) ed Eva Herzog (Bs). Oltre a questi due nomi potrebbe spuntare una candidatura "selvaggia" nella persona del consigliere agli Stati socialista zurighese Daniel Jositsch, che aveva mostrato interesse per la carica. Le sue chances sono però deboli.

08:46
08:45

Sommaruga: ‘Chi vuol cambiare qualcosa nel nostro Paese deve rimboccarsi le maniche. Io ho cercato di farlo’

Nel suo discorso di commiato, Simonetta Sommaruga - pure lei accolta da una standing ovation - mette l'accento sulla concordanza, che "dà la possibilità ad ognuno di dire la sua. Così si trovano soluzioni che sono superiori al minimo comune denominatore. La concordanza presuppone fiducia e rispetto. Chi vuole cambiare qualcosa nel nostro Paese deve rimboccarsi le maniche, e io ho cercato di farlo". 

08:41

‘Sommaruga, sincera e vulnerabile’

 Salutato Maurer, è il turno di Simonetta Smmaruga. A tracciarne un profilo è ancora Martin Candinas: "È sempre rimasta sincera e vulnerabile.
Ha sempre messo in primo piano il benessere delle persone".

08:36
‘Senza libertà non c’è democrazia’
“Mi annuncio partente, grazie”. Così, in ricordo del suo periodo trascorso come ministro della difesa, si è congedato stamane il Consigliere federale Ueli Maurer dall’Assemblea federale, tra gli applausi e gli urrà dei presenti, dopo un discorso incentrato sull’importanza della libertà, un bene supremo che va sempre difeso, soprattutto dai consiglieri federali, “una nota a piè di pagina della nostra storia”. Per il ‘ministro delle finanze’, ciò che è veramente importante oggi è il fatto che verranno eletti il 120esimo e 121esimo consigliere federale dalla fondazione dello Stato federale nel 1848 benché attorno a noi, nel corso di questo lasso di tempo, siano nati e scomparsi interi Stati e cambiati centinaia di governi. È questa stabilità che ci rende unici, ha affermato Maurer. Una stabilità dovuta alla libertà di cui abbiamo goduto e che la Costituzione federale ci dice di proteggere assieme ai diritti del popolo. Perché senza libertà, un concetto che ci segue anche nella nostra mitologia - da Tell a Winkelried - non è possibile la democrazia. Scherzando un po’ sulla sua pignoleria in fatto di finanze, Maurer ha detto di essere fiero del suo atteggiamento prudente in quest’ambito, perché anche un bilancio sano ci consente di scegliere con maggiore libertà.
08:27
Standing ovation per Maurer
Candinas, nel suo intervento, ha citato una frase spesso ripetuta da Maurer: “siamo al servizio dei cittadini”. Ciò rispecchia perfettamente la vita dello zurighese: ha dedicato 44 anni alla politica, 14 dei quali in Consiglio federale. Il primo cittadino ha poi ricordato le varie tappe della carriera politica del democentrista. “Maurer è stato la coscienza della politica finanziaria svizzera“, ha proseguito Candinas. "L’energia e il piacere con il quale affronta le sfide è sempre stata una fonte d’ispirazione per noi”. "Caro Ueli, grazie di cuore di tutto”, ha concluso Candinas seguito da un caloroso applauso da parte dell’Assemblea federale.
08:12

‘Un lavoratore’

 'Se penso al ministro delle finanze, lo vedo con la cartella oscillante e con il suo sorriso. Ueli Maurer saluta sempre tutti. È un lavoratore'. Nel suo intervento, il primo cittadino Martin Candinas ha ricordato così Ueli Maurer.

08:04
Camere riunite: inizia l’elezione
I lavori sono iniziati sotto la cupola di Palazzo federale: c’è grande attesa per conoscere chi succederà a Simonetta Sommaruga (Ps) e Ueli Maurer (Udc) in Consiglio federale. A inizio seduta, il primo cittadino Martin Candinas (Centro/Gr) ha salutato i presenti e iniziato il discorso per prendere commiato dai due ministri uscenti.
07:28
Rösti soddisfatto al termine dell’audizione davanti al gruppo liberale-radicale

Rösti e Herzog sempre favoriti, ma i gruppi non si sbottonano

Ultime audizioni oggi dei candidati al Consiglio federale. Solo i Verdi liberali esprimono una preferenza maggioritaria per la ‘senatrice’ basilese.

Leggi tutto l'articolo

07:24
Giornata intensa sotto la cupola

Due poltrone per quattro: la lunga giornata di Berna

Oggi si designano i successori di Simonetta Sommaruga e Ueli Maurer in seno al Governo. Segui lo streaming dei lavori a Palazzo federale

Leggi tutto l'articolo

07:14

Oggi l'elezione dei successori di Sommaruga e Maurer

C'è grande attesa oggi a Berna per conoscere chi succederà a Simonetta Sommaruga (Ps) e Ueli Maurer (Udc) in Consiglio federale. L'Assemblea federale inizierà i lavori alle 8.

A inizio seduta, il primo cittadino Martin Candinas (Centro/Gr) pronuncerà un discorso per prendere commiato dai due ministri uscenti. Toccherà poi a loro - Maurer e Sommaurga, in quest'ordine - prendere la parola.

Terminata questa fase protocollare incominceranno le procedure di voto da parte dei 246 parlamentari (prima per l'elezione del seggio lasciato libero da Maurer, poi per quello di Sommaruga).

Due sono i candidati ufficiali presentati dell'Udc per la poltrona di Ueli Maurer: il consigliere nazionale ed ex presidente del partito Albert Rösti (Be) e l'ex consigliere nazionale Hans-Ueli Vogt (Zh). Le 'senatrici' Elisabeth Baume-Schneider (Ju) ed Eva Herzog (Bs) si contenderanno invece il seggio di Simonetta Sommaruga.

Stando agli osservatori della politica federale, Rösti e Herzog sono favoriti. Vogt e Baume-Schneider non partono però sconfitti. La giurassiana, seppur più profilata a sinistra della rivale, gode ad esempio dell'appoggio della lobby contadina. Vogt potrebbe beneficiare di un maggior sostegno a sinistra, dove sono stati criticati i legami con la lobby petrolifera di Rösti. Insomma, i giochi sono ancora aperti.

Oltre ai candidati ufficiali potrebbero anche spuntare alcune candidature 'selvagge', come quella del consigliere agli Stati socialista zurighese Daniel Jositsch, che aveva mostrato interesse per la carica. Le sue reali chance sono però deboli.

Più in generale, ogni persona avente diritto di voto può aspirare a diventare consigliere federale e, come accade in ogni elezione da parte dell'Assemblea federale, anche questa volta si sono annunciati diversi 'semplici' cittadini.

 

Primi due turni liberi, poi si va per esclusione

Per ogni elezione, i primi due turni sono liberi. Chi racimola meno di dieci voti al secondo turno viene eliminato. Questa regola si applica anche per i turni seguenti. A partire dal terzo turno non sono più accettate nuove candidature; chi ottiene meno voti è eliminato.

Quando rimangono in lizza due pretendenti, in caso di parità di voti l'elezione prosegue finché uno dei due non la spunta. La persona eletta dichiarerà poi davanti all'Assemblea federale se accetta o meno l'elezione. In seguito, il nuovo consigliere federale dovrà "promettere" o "giurare dinnanzi a Dio onnipotente" di "osservare la Costituzione e le leggi e di adempiere coscienziosamente agli obblighi inerenti il mandato".

Dopo il giuramento, il nuovo membro dell'esecutivo si recherà nel cosiddetto 'Salon du Président' dove sarà ricevuto dal Consiglio federale in corpore. Un paio d'ore dopo terrà la sua prima conferenza stampa al Centro media di Palazzo federale.

Venerdì il Consiglio federale si riunirà con i nuovi eletti per la ripartizione dei dipartimenti. In quell'occasione, i ministri già in carica esprimono la loro preferenza per ordine di anzianità di appartenenza in governo. Di conseguenza, i due neo consiglieri federali si pronunceranno per ultimi. In caso di disaccordo su un determinato dipartimento, il governo procede a una votazione.

I nuovi consiglieri federali entreranno ufficialmente in carica il primo gennaio.

 

Elezioni presidente e vice-presidente

Dopo aver scelto i due nuovi membri dell'esecutivo, l'Assemblea federale procederà all'elezione, per un anno, del presidente della Confederazione e della vicepresidente del Consiglio federale.

Unici candidati sono rispettivamente Alain Berset e Viola Amherd. Salvo enormi sorprese saranno eletti già al primo turno. Il futuro presidente della Confederazione terrà in seguito un discorso davanti alle Camere riunite.

14:42
Keystone

Giornata intensa oggi a Berna

Leggi anche:

90 anni, i bastoni da trekking e un figlio consigliere federale

Alain Berset presidente della Confederazione per il 2023

Rösti e Herzog sempre favoriti, ma i gruppi non si sbottonano

Due poltrone per quattro: la lunga giornata di Berna

© Regiopress, All rights reserved