04.12.2022 - 15:40
Aggiornamento: 16:04

‘Il no allo Spazio economico è stata una decisione sbagliata’

Per il presidente dei Verdi liberali Jürg Grossen, con i bilaterali ‘le relazioni con l’Unione europea sono come una caldaia piena di buchi’

Ats, a cura di Red.Web
il-no-allo-spazio-economico-e-stata-una-decisione-sbagliata
Keystone
Jürg Grossen

Il presidente dei Verdi liberali Jürg Grossen vuole rilanciare l’accordo sullo Spazio economico europeo. "Lo Spazio economico europeo è vivo e vegeto", ha dichiarato Grossen in un’intervista alla ‘SonntagsZeitung’, sottolineando che la Norvegia, l’Islanda e il Liechtenstein "ci vivono in modo eccellente".

Il ‘no’ del popolo svizzero di 30 anni fa è stata una decisione sbagliata storica. Negli anni successivi, l’accesso al mercato interno è potuto essere parzialmente assicurato grazie agli accordi bilaterali. Tuttavia questi ultimi si erodono sempre di più. Le relazioni con l’Unione europea sono come una caldaia piena di buchi. La Svizzera non può più continuare limitandosi ai rattoppi. Ora è necessaria una nuova caldaia, sostiene Grossen. E per i Verdi liberali è lo Spazio economico europeo.

Grossen dubita dei piani del Consiglio federale, che vuole prolungare la via bilaterale attraverso nuovi negoziati dopo aver interrotto le trattative sull’accordo quadro con l’Unione europea. "Il Consiglio federale sta sondando Bruxelles, si ingarbuglia nei dettagli e non fa progressi", ha detto. "Siamo in un vicolo cieco".

Con lo Spazio economico europeo, la Svizzera avrebbe una soluzione rapida e stabile a lungo termine. È stato negoziato e copre l’intero mercato interno al di là degli accordi bilaterali. Grossen riconosce che si possono fare errori. Ma bisogna anche essere pronti a correggerli a tempo debito.

Un sondaggio condotto tra il 6 e il 17 ottobre su poco più di 1’000 persone ha rivelato che il 71% degli svizzeri approverebbe attualmente l’accordo sullo Spazio economico europeo. Il 6 dicembre 1992, una sottile maggioranza del 50,3% l’aveva respinto.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved