04.12.2022 - 17:43
Aggiornamento: 18:03

Mercato del lusso, Svizzera scalzata dalla Cina

Il nostro Paese resta in testa nell’orologeria, ma perde il primato per quel che concerne la gioielleria

Ats, a cura di Red.Web
mercato-del-lusso-svizzera-scalzata-dalla-cina
Keystone
Sorpasso ad est

La Svizzera non è più numero uno al mondo nel mercato dell’orologeria e della gioielleria: è stata superata dalla Cina. È quanto emerge da uno studio settoriale pubblicato dalla società di consulenza Deloitte.

Il gigante asiatico a partito unico controlla una quota del 30% del ramo, mentre il Paese di Guglielmo Tell è al 27%. La Confederazione brilla nel campo degli orologi, mentre in Cina è soprattutto il settore della gioielleria a rivestire una grande importanza: gruppi quali Chow Tai Fook, Chow Sang Sang e Chow Tai Seng sono riusciti a crescere fortemente.

La ricerca di Deloitte ha preso in esame le 100 più grandi aziende del pianeta attive nel comparto dei beni di lusso e si riferisce all’anno 2021. Nella precedente analisi del 2019 la repubblica dei 26 cantoni era ancora leader indiscusso del segmento.

La Svizzera piazza comunque due imprese nelle prime dieci al mondo — Richemont e Rolex – e otto nelle prime cento. Richemont è fra l’altro il gruppo che ha realizzato il fatturato in assoluto più elevato nel comparto orologi e dei gioielli, seguito da Chow Tai Fook e Rolex.

Più in generale, nell’intero ramo del lusso la società di gran lunga più importante rimane tuttavia la francese Lvm. Oltre agli orologi – i marchi elvetici Tag Heuer e Hublot appartengono al gruppo – e ai gioielli l’azienda riunisce sotto lo stesso tetto anche diversi marchi di moda e pelletteria, profumi e cosmetici, vini e liquori, nonché altri prodotti.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved