ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
9 ore

Buste paga meno pesanti per le donne? ‘Non è discriminazione’

Per Conny Wunsch, professoressa di economia del lavoro a Basilea, le ragioni delle disparità salariali sono molteplici
Svizzera
9 ore

Consegnati all’esercito i primi due droni israeliani

Gli apparecchi israeliani sarebbero dovuti arrivare a partire dal 2019. Gli altri quattro saranno consegnati entro la fine dell’anno
Svizzera
10 ore

Netto balzo in avanti dei pernottamenti in dicembre

Secondo una prima stima, la progressione è stata del 28% rispetto allo stesso periodo del 2021. Grazie in particolare ai turisti (+67%)
Svizzera
10 ore

Medicina di genere, nuova cattedra all’Università di Zurigo

Si tratta di una prima in Svizzera. Obiettivo: mettere l’accento sulle donne nella ricerca medica
Svizzera
12 ore

Sospeso il processo d’Appello a Blatter e Platini

La causa dello stop al procedimento per truffa è una richiesta di ricusazione dell’insieme del tribunale
Svizzera
13 ore

Aviaria, dopo il Ticino e Zurigo ora c’è un caso pure a Lucerna

Il virus H5N1 è stato riscontrato in un gabbiano reale zampegialle a Sursee rinvenuto nei pressi della città vecchia
Svizzera
14 ore

Dopo partita ‘caldo’ alla stazione di Altstetten

Scontri fra tifosi del San Gallo e polizia (che fa ricorso ai proiettili di gomma) a margine della partita con lo Zurigo
Svizzera
16 ore

‘Salta’ un bancomat a Neuendorf, ladri in fuga

Preso di mira un distributore di denaro all’interno di un negozio. Per motivi di sicurezza la zona attorno è stata isolata per diverse ore
Svizzera
16 ore

Sunrise, massa salariale ritoccata al rialzo

L’incremento globale sarà del 2,6%, del 2,8% per i dipendenti soggetti al contratto collettivo di lavoro
Svizzera
16 ore

Il 2022 buona annata per i funghi, pessima per gli avvelenamenti

Aumentate del 25% le chiamate al numero di emergenza 145 di Tox Info Suisse, è il secondo dato più alto di sempre
19.09.2022 - 18:23

Sanzioni autonome? I ‘senatori’ frenano

Il Consiglio degli Stati respinge una modifica della legge sugli embarghi accolta dal Nazionale. ‘Inefficace e incompatibile con la neutralità’

Ats, a cura di Red.Svizzera
sanzioni-autonome-i-senatori-frenano
Keystone
Alla Camera alta prevale la prudenza

Berna – La possibilità per il Consiglio federale di imporre sanzioni autonomamente a persone o entità colpevoli di gravi violazioni del diritto umanitario o dei diritti umani sarebbe inefficace e comprometterebbe la neutralità.

Con questa motivazione il Consiglio degli Stati ha bocciato per 29 a 12 un’aggiunta alla revisione della Legge sugli embarghi – sulla quale si basano per esempio le sanzioni contro la Russia – voluta dal Consiglio nazionale. Toccherà ora alla Camera del popolo sciogliere quest’ultima divergenza con i "senatori".

A nome della commissione preparatoria, Damian Müller (PLR/LU) ha affermato che questa aggiunta comporterebbe un drastico cambiamento nella politica di sanzioni elvetica e porrebbe problemi in termini di neutralità.

Timore di ritorsioni

Finora la Svizzera, hanno spiegato sia Müller che Pirmin Bischof (Centro/SO) e Andrea Caroni (PLR/AR), si è adeguata alle sanzioni decretate da organismi internazionali come le Nazioni Unite o i suoi principali partner economici (come l’Ue). Solo agendo in questo modo le sanzioni sono efficaci, mentre decisioni prese soltanto dal nostro Paese avrebbero una portata molto limitata e potrebbero provocare spiacevoli contromisure. La Svizzera, hanno aggiunto, sarebbe il più piccolo Paese ad avere una simile disposizione nella sua legislazione.

Bischof ha messo in rilievo anche il carattere arbitrario di questa disposizione che colpirebbe determinate violazioni e non altre. In teoria, ha sottolineato il "senatore" solettese, la Svizzera dovrebbe sanzionare, sulla base di questa aggiunta del Nazionale, tutte le violazioni gravi dei diritti umani, ciò che è impossibile. Bischof ha ricordato che la maggior parte dei Paesi non sono Stati di diritto. Insomma, l’aggiunta del Nazionale è "simpatica" ma del tutto inutile e per di più inefficace.

Attualmente, la Svizzera può riprendere solo le sanzioni decise dall’ONU, dall’Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa (OSCE) o dai suoi principali partner economici. Se vuole andare oltre, il Consiglio federale deve affidarsi alla Costituzione. Le ordinanze emesse sono limitate a quattro anni e possono essere prorogate una sola volta: decadono se non viene presentato un progetto di base giuridica sei mesi dopo l’entrata in vigore della proroga.

Non spingersi troppo lontano

La revisione in corso prevede che il Consiglio federale possa estendere autonomamente misure a Stati, entità o persone se l’interesse del Paese lo richiede. Per il consigliere federale Guy Parmelin, questa aggiunta alla legge attuale basta e avanza e la decisione del Consiglio nazionale va troppo lontano. Adottando sanzioni autonomamente, perlopiù simboliche, la Svizzera si esporrebbe inutilmente, secondo il "ministro" dell’Economia.

Unici a difendere in aula la versione del Nazionale, Daniel Jositsch (PS/ZH) e Carlo Sommaruga (PS/GE) hanno sostenuto la necessità di rendere ancora più coerente la nostra politica di sanzioni con i valori della nostra politica estera a difesa dei diritti umani. È vero che la Svizzera è un piccolo Paese, ha spiegato Sommaruga, ma la sua piazza finanziaria è importante e sanzioni nei confronti di persone o entità colpevoli di gravi crimini possono fare male. Di fronte a certi crimini, ha aggiunto Jositsch, la neutralità non esiste; un atteggiamento condiviso secondo lui anche dalla popolazione.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved