ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
4 ore

Rösti e Herzog sempre favoriti, ma i gruppi non si sbottonano

Ultime audizioni oggi dei candidati al Consiglio federale. Solo i Verdi liberali esprimono una preferenza maggioritaria per la ‘senatrice’ basilese.
consiglio degli stati
5 ore

Sicurezza stradale: ‘Aderire al registro europeo’

‘Entrare nell’Erru’, il sistema elettronico che consente lo scambio di informazioni sulle imprese di trasporto per il rispetto delle norme stradali
Svizzera
8 ore

Il Nazionale vuole introdurre il reato di cyberbullismo

Approvata un’iniziativa parlamentare che modifica il codice penale dato che le protezioni legali attuali non sono sufficienti a proteggere le vittime
Svizzera
12 ore

Verso il condono edilizio dopo 30 anni per i rustici fuori zona

La mozione approvata da entrambe le Camere riguarda, per il Ticino, circa 2’000 costruzioni illegali secondo i numeri forniti dal ‘senatore’ Marco Chiesa
Svizzera
12 ore

Imposta minima Ocse, 75% del gettito va ai Cantoni

Alla Confederazione il restante 25%. Lo ha deciso oggi il Nazionale allineandosi così agli Stati.
Svizzera
18 ore

‘Una dinamica che si esaurisce? Io non sono ancora stanca!’

Governo a maggioranza latina, Giura, agricoltura, socialità: a colloquio con la ‘senatrice’ Elisabeth Baume-Schneider, candidata al Consiglio federale
ginevra
1 gior

Tariq Ramadan sarà processato per stupro e coazione sessuale

La procura aveva aperto un’indagine nel 2018: una donna aveva accusato Tariq Ramadan di averla sequestrata e poi aver abusato di lei nel 2008 in un hotel
cyberpornografia
1 gior

Pedofilia: maxiretata nel Canton Vaud con 96 persone fermate

Centoventi casi analizzati. Due persone in carcere, tra coloro che hanno scaricato i file il 15% sono minorenni
global tax
1 gior

Imposta minima, divergenze tra i due rami del Parlamento

I punti riguardano le ripartizioni degli introiti: 75% ai cantoni per il Consiglio degli Stati, “solo” il 50% per il Nazionale
Svizzera
1 gior

‘Solo Sì vuol dire sì’, al Nazionale passa la modifica di legge

Approvato l’inserimento nel Codice penale del principio che qualifica come aggressione sessuale il rapporto senza il consenso esplicito
Svizzera
1 gior

Preventivo 2023, gli Stati più generosi con l’Ucraina

Aumentati i mezzi per la ricostruzione. Più soldi anche per proteggere le greggi dai lupi e per la ricerca scientifica, meno per test Covid e vaccini
Svizzera
1 gior

Credit Suisse: Bin Salman valuta un investimento da 500 milioni

La banca elvetica corre alla Borsa di Zurigo sulle ipotesi che il principe ereditario dell’Arabia Saudita possa prendere parte al progetto di rilancio
Svizzera
1 gior

‘Non ubbidisco ciecamente alla dottrina del partito’

Hans-Ueli Vogt è il candidato outsider alla poltrona di Ueli Maurer. Dice di avere ‘molteplici sfaccettature’ e di aderire appieno ai valori dell’Udc.
08.09.2022 - 11:42
Aggiornamento: 21:56

Niente armi dalla Svizzera a Paesi in guerra

Il Consiglio federale raccomanda al Parlamento di respingere due mozioni di Plr e Centro che chiedevano un allentamento delle disposizioni attuali

Ats, a cura di Red.Web
niente-armi-dalla-svizzera-a-paesi-in-guerra
Keystone

La riesportazione di materiale bellico elvetico verso l’Ucraina è contraria al principio di parità di trattamento sancito dalla Convenzione dell’Aja (1907) sui diritti e doveri degli Stati neutrali in tempo di guerra.

Per questo il Consiglio federale raccomanda al plenum di respingere due mozioni simili, del Plr e dell’Alleanza del Centro, che domandano un allentamento delle attuali disposizioni che regolano l’esportazione di materiale bellico, in particolare il divieto di riesportare verso Paesi coinvolti in un conflitto armato.

Nelle loro rispettive mozioni, il consigliere agli Stati e presidente del Plr Thierry Burkart (Ag) e la consigliera nazionale Ida Glanzmann-Hunkeler (Centro/Lu), chiedono di allentare la legge in materia di esportazione di armi consentendo ai Paesi che condividono i valori della Confederazione e hanno un regime di controllo delle esportazioni analogo a quello elvetico di utilizzare liberamente il materiale bellico acquistato in Svizzera.

Glanzmann-Unkeler rammenta nel suo intervento come diversi Stati europei si siano rivolti alla Confederazione per chiedere se il materiale bellico (munizioni o carri armati granatieri Piranha ad esempio) precedentemente acquistato in Svizzera da determinate ditte potesse essere trasferito ad altri Stati nell’attuale situazione eccezionale della guerra in Ucraina e se le dichiarazioni di non riesportazione esistenti potessero essere revocate.

Le richieste di revoca di tali dichiarazioni, argomenta la consigliera nazionale, sono state respinte dal Consiglio federale con la motivazione che sarebbero state esaminate secondo gli stessi criteri di autorizzazione di un’effettiva esportazione di materiale bellico dalla Svizzera. Ciò significa, aggiunge, "che la Danimarca non può consegnare all’Ucraina i suddetti carri armati, già dismessi e disarmati, acquistati in Svizzera molto tempo fa, perché questa operazione viene giudicata in base agli stessi criteri di un’esportazione diretta".

Secondo la deputata lucernese si tratta di una situazione insoddisfacente che espone la Confederazione a critiche: mentre gli Stati europei sostengono generosamente l’Ucraina nella sua battaglia difensiva contro l’aggressione russa, la Svizzera ostacola questi sforzi con un’interpretazione legalistica e dogmatica della propria legislazione sul materiale bellico. Nell’attuale contesto eccezionale, in cui è in gioco anche il futuro della sicurezza europea, Berna si pone quindi come uno Stato che crea problemi invece di offrire soluzioni, conclude la consigliera nazionale.

Pur condannando l’aggressione militare della Russia contro l’Ucraina, circa la revoca delle dichiarazioni di non riesportazione il Consiglio federale afferma di attenersi ai criteri di autorizzazione della legge federale in materia. Ciò permette di garantire che i Paesi che ricevono materiale bellico dalla Svizzera non lo trasferiscano a Stati che non sono autorizzati a riceverlo, spiega il governo, specie se coinvolti in un conflitto armato.

Inoltre, in qualità di Stato neutrale, la Svizzera è vincolata alla Convezione dell’Aja del 1907 concernente i diritti e i doveri delle Potenze e delle persone neutrali in caso di guerra per terra: gli obblighi in materia di esportazione di materiale bellico che questo testo stabilisce andrebbero presi in considerazione qualora fosse adottata una nuova regolamentazione volta a eliminare gli obblighi di non riesportazione. Secondo il Consiglio federale, l’abolizione di questi vincoli contravviene al principio di parità di trattamento, sancito dalla Convenzione dell’Aja, se lo scopo è quello di consentire la fornitura di armi a una parte in conflitto.

È di ieri tra l’altro la decisione del Consiglio federale – molto commentata oggi dai media – di rimanere fedele al concetto di neutralità, così come definito e messo in pratica dal rapporto del 1993. Insomma, la "neutralità attiva", che consente di adottare sanzioni, continua a essere valida.

Con questa decisione, il governo ha messo fine alle speculazioni su un eventuale sviluppo della neutralità da "attiva" in "cooperativa", di cui si è parlato molto negli ultimi mesi in vista della pubblicazione, in autunno, di un rapporto redatto dai servizi del consigliere federale Ignazio Cassis.

Nelle intenzioni del "ministro" degli esteri, e del gruppo di lavoro interdipartimentale coinvolto nei lavori, la neutralità cooperativa avrebbe dovuto consentire anche la riesportazione di armi elvetiche verso Paesi in guerra che difendono gli stessi nostri valori. Un aspetto, quest’ultimo, che in Consiglio federale non ha fatto breccia.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved