ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
2 ore

Sulle etichette dei prodotti freschi anche il mezzo di trasporto

Lo chiede un’iniziativa parlamentare approvata dalla Commissione scienza, educazione e cultura degli Stati, in particolare per il trasporto via aereo
Svizzera
3 ore

Corona-Leaks, in esame la consegna dei dati a Marti

La consigliera federale Keller-Sutter chiede di verificare se il procuratore straordinario può legalmente accedere all’intera casella e-mail di Lauener
Svizzera
4 ore

Altra giornata di sciopero per i funzionari pubblici vodesi

È la terza nelle ultime sei settimane per rivendicare l’indicizzazione completa dei salari. Previsto un corteo fino alle porte del Gran Consiglio
Svizzera
4 ore

Stranieri di terza generazione, no a naturalizzazione agevolata

Prematura una revisione della procedura: la Commissione delle istituzioni politiche degli Stati raccomanda di respingere l’iniziativa parlamentare
Svizzera
4 ore

Gatto chiuso in una gabbia ritrovato morto nell’Aare

L’animale era stato recuperato da un pescatore a Wolfwil. Sulla vicenda sta indagando la Polizia cantonale solettese
Svizzera
5 ore

Catena della solidarietà, 154 milioni di ‘anelli’ nel 2022

L’anno appena concluso è stato il secondo in assoluto per la somma complessiva raccolta: solo nel 2004 le donazioni erano state superiori
Svizzera
5 ore

WhatsApp, Migros e Google sono i marchi più popolari in Svizzera

Il sondaggio in base all’indicatore Brand Indicator Switzerland è fondato su criteri come la rilevanza e l’emozionalità
Svizzera
5 ore

Brucia un appartamento a Gerlafingen, un morto

A trovare il corpo senza vita dell’uomo sono stati i pompieri, una volta spente le fiamme. Precauzionalmente evacuato l’edificio
Svizzera
5 ore

L’estate dei record fa segnare anche l’anno record per infortuni

L’assenza di limitazioni legate al coronavirus e le condizioni climatiche favorevoli fanno lievitare gli incidenti durante il tempo libero: +14%
Svizzera
6 ore

Escursionista con racchette cade e muore

Dopo un giorno di ricerche, il corpo senza vita dell’uomo, un 38enne, è stato rinvenuto in una buca carsica di Selun, nel Canton San Gallo
Svizzera
7 ore

Si schianta contro un sottopassaggio: morto

L’uomo, di mezza età, è deceduto sul posto dopo aver centrato un muro a Sirnach, nel Canton Turgovia
03.08.2022 - 09:44
Aggiornamento: 22:40

Nucleare: ‘Rischi più elevati che mai’. Cassis chiede il disarmo

Il presidente della Confederazione si trova a New York per una conferenza dei 191 Paesi firmatari del Trattato di non proliferazione

Ats, a cura di Red.Web
nucleare-rischi-piu-elevati-che-mai-cassis-chiede-il-disarmo
archivio Keystone

I rischi nucleari sono "più elevati che mai dalla fine della Guerra Fredda", ha dichiarato ieri il presidente della Confederazione Ignazio Cassis, in occasione di una conferenza a New York dei 191 Paesi firmatari del Trattato di non proliferazione (Tnp), tra cui figura la Svizzera. Cassis ha quindi chiesto un cambiamento "urgente e necessario".

Le minacce della Russia di ricorrere alle armi nucleari hanno evidenziato la necessità di un pacchetto di misure per contenere i rischi in questo ambito, ha affermato Cassis. Insieme a circa 30 Stati, la Svizzera ha elaborato un pacchetto di misure per ridurre i rischi nucleari e rendere il mondo più resiliente in tempi di crisi. Secondo un comunicato del Dipartimento federale degli affari esteri (Dfae), questo include canali di comunicazione di crisi come le "hotline" per evitare escalation involontarie.

La conferenza, che terminerà il 26 agosto, deve stabilire la rotta per un cambiamento "urgente e necessario", ha affermato Cassis citato nel comunicato del Dfae diffuso la scorsa notte.

I rischi nucleari persisteranno fino allo smantellamento dell’ultima arma, ha affermato Cassis. "Chiediamo quindi agli Stati nucleari di rinunciare all’armamento nucleare e di tornare sulla strada del controllo degli armamenti e del disarmo", ha detto.

La Svizzera si impegna a ridurre l’attuale arsenale nucleare mondiale, che conta circa 13’000 armi di questo tipo. Le testate sono conservate negli arsenali delle potenze nucleari ufficiali, Stati Uniti, Russia, Cina, Gran Bretagna e Francia.

Tuttavia, il disarmo degli arsenali nucleari è attualmente difficile e si è arenato, come ha scritto recentemente il Dfae in un comunicato. La situazione è stata ulteriormente complicata dall’aggressione militare della Russia all’Ucraina.

Aumentare la sicurezza degli impianti civili

Oltre alle misure concrete contro i pericoli nucleari e per il disarmo, è necessario lavorare anche sulla sicurezza degli impianti civili. I recenti sviluppi internazionali hanno dimostrato quanto questi ultimi siano vulnerabili, ha affermato Cassis. "Dobbiamo garantire che gli impianti nucleari siano sicuri e protetti in ogni circostanza. In caso contrario, le conseguenze umanitarie e ambientali sarebbero catastrofiche", ha avvertito il presidente della Confederazione.

La Svizzera si impegna per il riconoscimento delle regole di sicurezza fondamentali che devono essere rispettate in ogni situazione, anche nei conflitti violenti.

Inoltre, è necessario affrontare le sfide regionali. Come esempio, Cassis ha citato la necessità di condannare lo sviluppo continuo del programma nucleare della Corea del Nord, in violazione delle risoluzioni del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite.

L’esito della conferenza di revisione in corso a New York è un fattore importante per la rivalutazione della posizione della Svizzera in merito al Trattato sulla proibizione delle armi nucleari (Tpnw). Mentre il Tnp impedisce una corsa agli armamenti globale senza limitare l’uso pacifico dell’atomo, la Tpnw proibisce lo sviluppo, la sperimentazione, la produzione, il trasferimento, il possesso, l’uso e la minaccia di uso di armi nucleari. La Svizzera non è membro di questo trattato aggiuntivo, che è entrato in vigore nel 2021. Per il momento ne segue l’evoluzione in qualità di Stato osservatore. Per la Svizzera – indica la nota – sussistono infatti ancora dubbi sull’efficacia del Tpnw, in quanto il trattato è stato negoziato senza le potenze nucleari ed è sostenuto unicamente da una parte della comunità internazionale.

Il Tnp è stato firmato nel luglio 1968 da Stati Uniti, Unione Sovietica e Gran Bretagna e ratificato da questi tre Paesi nel 1970. Solo India, Pakistan, Israele, Sud Sudan e Corea del Nord non hanno aderito al trattato. A eccezione del Sud Sudan, tutti questi Paesi sono oggi considerati potenze nucleari.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved