prima-di-privatizzare-va-chiarito-ruolo-del-servizio-universale
Keystone
Un futuro da definire
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
2 ore

Il coronavirus arretra in Svizzera: calano ricoverati e contagi

I 18’204 casi registrati nell’ultima settimana sono 3’613 in meno di quella precedente
Svizzera
3 ore

A luglio lieve crescita delle domande d’asilo

Rispetto al mese precedente ne sono state presentate 58 in più (+34%), e 412 rispetto allo stesso mese dell’anno precedente
Svizzera
3 ore

La Posta azzererà il suo impatto climatico dieci anni prima

Il Gigante Giallo intende eliminare le fonti fossili per i suoi veicoli e il riscaldamento entro il 2030, ciò che era previsto per il 2040
Svizzera
4 ore

Assicurazione complementare, respinto il ricorso di una clinica

Il Tribunale amministrativo federale conferma la decisione della Finma: vanno pagate unicamente le prestazioni il cui prezzo è giustificato
Svizzera
5 ore

L’Uzbekistan riavrà da Berna i beni confiscati alla Karimova

Firmato un accordo per la restituzione del patrimonio confiscato nell’ambito del procedimento penale nei confronti della figlia dell’ex presidente
Svizzera
5 ore

L’immobilismo politico non pesi sulle giovani generazioni

In vista delle votazioni del 25 settembre, i giovani borghesi scendono in campo a favore della riforma dell’Avs
Svizzera
6 ore

Css dovrà rimborsare 129 milioni di franchi agli assicurati

L’Autorità federale di vigilanza sui mercati finanziari (FINMA) ha ordinato all’azienda di restituire i premi prelevati in eccesso per le complementari
Svizzera
6 ore

Calcio amatoriale e fair-play, le donne esempio per gli uomini

Nel calcio femminile i cartellini gialli sono otto volte meno e i rossi una rarità, e accadono molti meno infortuni rispetto ai tornei maschili
Svizzera
7 ore

Stop agli F-35, raccolte le firme per l’iniziativa popolare

Oggi sono state depositate alla Cancelleria federale oltre 120’000 sottoscrizioni, di cui 103’000 sono state certificate come valide
Svizzera
8 ore

Promesse non mantenute sull’ospedale: a Moutier è ricorso

Rimesso in discussione l’esito della votazione del 28 marzo 2021. Pomo della discordia il futuro del nosocomio locale
31.05.2022 - 10:48
Aggiornamento: 17:29
Ats, a cura de laRegione

Prima di privatizzare va chiarito ruolo del servizio universale

Gli Stati optano per non entrare in materia sulla revisione della legge sull’organizzazione della Posta: PostFinance (per ora) non si tocca

PostFinance non dovrebbe, per il momento almeno, essere privatizzata. Con 43 voti a 0, il Consiglio degli Stati ha deciso di non entrare in materia sulla revisione parziale della legge sull’organizzazione della Posta. La Camera dei Cantoni ha così seguito il parere della sua commissione preparatoria che all’unanimità proponeva di non entrare nel merito.

Durante l’estate 2021, il Consiglio federale aveva trasmesso al Parlamento un progetto di legge che prevedeva che PostFinance potesse essere autorizzata a concedere in modo autonomo ipoteche e crediti a terzi nonché una privatizzazione parziale dei servizi finanziari. Il Governo intendeva così permettere alla filiale della Posta, controllata dalla Confederazione, di poter realizzare una redditività in linea con il settore.

Il disegno di legge non è soddisfacente per far fronte all’evoluzione della Posta, ha indicato Hans Wicki (Plr/Nw) a nome della commissione. A suo parere e secondo diversi altri oratori espressisi in aula, occorre innanzitutto ottenere una visione d’insieme della tematica e chiarire la questione del servizio postale universale del futuro prima di poterne regolare il finanziamento.

Una privatizzazione di PostFinance implicherebbe la sua separazione dalla Posta. E ciò rimetterebbe in discussione la stretta cooperazione che esiste attualmente tra PostFinance e le altre unità del gigante giallo.

Motivi divergenti per il ‘no’

Alla luce del rapporto finale della Commissione di esperti sul servizio postale universale, il Consiglio degli Stati reputa inoltre che non si possa parlare di privatizzazione parziale o totale di PostFinance senza definire il mandato futuro del servizio universale.

Stamane destra e sinistra hanno avanzato motivi divergenti per giustificare la loro opposizione al progetto. Hansjörg Knecht (Udc/Ag) ha detto di non volere che PostFinance faccia della concorrenza alle banche private sul mercato dei crediti e delle ipoteche.

Secondo Paul Rechsteiner (Ps/Sg), invece, la privatizzazione presenta più svantaggi che vantaggi. La debolezza dei tassi di interesse era il punto di partenza della revisione. Nel frattempo l’inflazione è alle porte e i tassi ricominciano a salire.

Una privatizzazione avrebbe degli effetti sui clienti ma anche sui 50’000 collaboratori della Posta, ha rilevato dal canto suo Stefan Engler (Centro/Gr). A suo avviso, spetta al Parlamento definire il mandato di servizio pubblico della Posta.

Per il "senatore" grigionese, da un lato occorre tener conto dell’evoluzione tecnologica, ma dall’altro vi sono tre criteri essenziali: copertura nazionale dei servizi, stessa qualità dappertutto e servizi a prezzi abbordabili.

Strada irta d’ostacoli

La consigliera federale Simonetta Sommaruga era consapevole sin dall’inizio che sarebbe stato difficile trovare una maggioranza sul progetto viste le opposizioni provenienti da un po’ tutti gli schieramenti. Si tratta ora di riorientare il servizio universale, ma la strada è irta di ostacoli. Il Consiglio federale si pronuncerà entro l’estate sul rapporto degli esperti.

In questo contesto, il Governo auspica che la Confederazione conceda alla Posta una garanzia di capitalizzazione di 1,7 miliardi di franchi a titolo transitorio affinché PostFinance possa soddisfare le esigenze in materia di fondi propri previste dalla legislazione ‘too big to fail’. Con la non entrata in materia odierna e la possibile bocciatura da parte del Nazionale a cui ora tocca il dossier, tale aspetto potrebbe essere rinviato alle calende greche.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
consiglio degli stati postfinance privatizzazione
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved