dal-petrolio-al-sole-rocco-cattaneo-si-illumina
Keystone
Vuole sfruttare il potenziale fotovoltaico delle discariche
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
58 sec

Aeroporto Zurigo, guasto ai check-in: operazioni a rilento

La causa è un malfunzionamento del sistema. I passeggeri vengono registrati manualmente.
Svizzera
25 min

Retromarcia sui binari: le Ffs rinunciano ai treni bipiano

Problemi con la compensazione del rollio: quando i convogli saranno giunti a fine vita, saranno rimpiazzati da materiale rotabile standard
Svizzera
1 ora

Decolli e atterraggi stabili all’aeroporto di Zurigo

In giugno il traffico aereo al principale scalo svizzero ha ricalcato il volume del mese precedente, Ma ancora distante dall’era pre-pandemia
Svizzera
1 ora

Da domani nel piatto solo alimenti esteri. A livello statistico

L’agricoltura nazionale copre solo il 52% del fabbisogno della popolazione svizzera. E il 2 luglio cade il ‘Food Overshoot Day’
Svizzera
2 ore

Alcolici ai minorenni? Online è facile aggirare i controlli

La Croce Blu zurighese denuncia Coop e Denner: da test condotti dalla Fondazione Dipendenze Svizzera, oltre il 90% dei partecipanti ci è riuscito
Svizzera
2 ore

Cumulus contro Certo, è braccio di ferro tra Migros e Cembra

Chiusa la lunga collaborazione sul fronte delle carte di credito, è confronto aperto per contendersi i clienti
Svizzera
3 ore

‘Con la riforma Avs 21 le lavoratrici sono penalizzate’

In vista delle votazioni del 25 settembre, scende in campo i contrari, con in prima fila sindacati e Partito socialista
Svizzera
3 ore

Il matrimonio da oggi è ufficialmente una realtà

Per Roman Heggli, direttore di Pink Cross, ‘quella di oggi è una pietra miliare per la parità’
Svizzera
3 ore

Winterthur chiude i suoi rubinetti al gas russo

Per rifornire l’utenza, dal primo giugno l’azienda della città zurighese fa capo a quello acquistato in Europa occidentale
Svizzera
4 ore

Secondo booster necessario: col tempo, meno protezione

Covid-19, per il presidente della Conferenza dei direttori cantonali della sanità, l’ulteriore dose di richiamo va raccomandata al più presto
Svizzera
7 ore

Urc2022, in piena guerra si parla di ricostruzione

Lunedì e martedì prossimi occhi puntati sulla città per la conferenza sulla ricostruzione dell’Ucraina. Le risposte alle principali domande.
Svizzera
17 ore

Svizzera-Ue: Leu firma l’intesa sul contributo di coesione

La segretaria di Stato si è recata oggi a Bruxelles per colloqui esplorativi in vista di una normalizzazione delle relazioni con l’Unione europea
Svizzera
19 ore

Infosekta: teorie del complotto sempre in voga

La guerra in Ucraina continua ad alimentare le tesi cospiratorie, riferisce il centro svizzero tedesco di informazione e consigli sulle sette
Svizzera
21 ore

Mantenuta l’immunità a Roger Köppel, Molina perseguibile

Il primo è accusato di aver divulgato informazioni confidenziali. Il secondo è incolpato di aver partecipato a una dimostrazione non autorizzata.
Svizzera
21 ore

In Svizzera manca la manodopera qualificata

È il grido d’allarme che lanciano gli imprenditori. In futuro andrà meglio sfruttato il potenziale interno
Svizzera
21 ore

Grandine, danni per almeno 20 milioni di franchi

In giugno sono state fatte circa 4mila segnalazioni all’Assicurazione grandine svizzera
Svizzera
22 ore

Bus divorato dalle fiamme nei pressi di Rotsee

A bordo del torpedone, fortunatamente, vi era solo l’autista, che è riuscito a mettersi in salvo. Tragedia sfiorata oggi a mezzogiorno sulla A2
Svizzera
22 ore

Nidvaldo si conferma il cantone più attrattivo per le imprese

Ticino al 24esimo posto della classifica, ma le cose stanno per cambiare. Per le persone fisiche, a svettare è sempre Zugo (davanti a Svitto)
Svizzera
1 gior

Panne di Skyguide, conseguenze milionarie per Swiss

Il Ceo Dieter Vranckx torna sul blackout di metà giugno: ‘Se subiamo un danno finanziario indipendente da noi, è giusto reclamare un risarcimento’
Svizzera
1 gior

Torna l’obbligo di mascherina in diversi ospedali

Interessato quello cantonale dei Grigioni e alcuni nosocomi zurighesi. In Svizzera segnalate martedì oltre 33mila infezioni da Covid in sette giorni.
Svizzera
1 gior

Ventidue falle nel sistema informatico della Posta; una seria

‘Stress test’ per il Gigante Giallo, messo sotto pressione in una conferenza di hacker. Risultati tutto sommato confortanti
Svizzera
1 gior

Livia Leu a Bruxelles per colloqui esplorativi

Durante la visita ufficiale della segretaria di Stato è prevista la firma di un accordo di principio sul secondo contributo di coesione
Svizzera
1 gior

Processo ai biker: pene detentive (anche lunghe) per tre persone

Otto anni di carcere al principale imputato, per altri due 8 e 42 mesi. E fuori dall’aula la tensione resta alta
Svizzera
1 gior

Guardia alta a Berna in attesa della sentenza sui bikers

Vasto dispositivo di polizia nella capitale per l’ultimo atto del processo che vede imputati alcuni membri di Bandidos, Hells Angels e Broncos
Svizzera
1 gior

Munizioni nei laghi un rischio finanziario per la Confederazione

Da un rapporto del Controllo federale delle finanze (Cdf) sul risanamento dei siti contaminati emergono costi valutati in centinaia di milioni di franchi.
Svizzera
1 gior

Zurigo è al quarto posto delle città preferite dagli studenti

La città sulla Limmat si posiziona dopo Londra, Seul e Monaco. Lo racconta il sondaggio ‘Qs Best Student Cities Ranking’
Svizzera
1 gior

Covid, 3 svizzeri su 5 soddisfatti delle comunicazioni ufficiali

Secondo uno studio, in Ticino le persone che immaginano ci sia ‘un piano più grande dietro gli avvenimenti mondiali’ sono presenti in minor misura
Svizzera
1 gior

Fa sapere di aver donato un ovulo a una coppia, condannata

L’accordo scritto fra le parti prevedeva la non divulgazione della questione. Confermata la sentenza della giustizia zurighese.
Svizzera
1 gior

Crisi energetica, abbassare il termostato per risparmiare

La Confederazione potrebbe raccomandare alle famiglie che dipendono da questa energia di diminuire la temperatura in casa durante la stagione fredda.
Svizzera
1 gior

Giovane elefante muore allo zoo di Zurigo

L’animale era affetto da un herpes virus molto diffuso tra i pachidermi e particolarmente pericoloso per gli esemplari più piccoli
Svizzera
1 gior

Travolto e ucciso da un’auto mentre si trovava sul marciapiede

È successo a Baar, nel canton Zugo. Una donna avrebbe perso il controllo della vettura uscendo di strada e schiantandosi contro una fermata del bus.
Svizzera
1 gior

La Svizzera riprende il sesto pacchetto di sanzioni

Le nuove misure contro la Russia prevedono in particolare un embargo sul petrolio greggio e su alcuni prodotti petroliferi provenienti dal Paese
rocco cattaneo
laR
 
18.05.2022 - 05:25
Aggiornamento: 08:43

Dal petrolio al sole: Rocco Cattaneo si illumina

Il consigliere nazionale Plr, ex amministratore delegato di City Carburoil, racconta la sua svolta verde. E spiega la sua mozione sulle discariche solari.

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Rocco Cattaneo parla di energia solare e si scalda. Siamo seduti da cinque minuti a un tavolo della Galérie des Alpes, a Palazzo federale. Dalle ampie vetrate del ristorante entra il sole che illumina il Gurten, la ‘montagna’ di casa; sullo sfondo, accese dal riflesso, le Alpi bernesi innevate. Cinque minuti, e il microfono è ancora spento. Ma il consigliere nazionale e ormai ex petroliere ha già raccontato metà della storia.

Ha estratto da una mappetta tutti gli atti parlamentari sul tema che ha presentato negli ultimi due anni. L’ultimo: una mozione con la quale chiede di sfruttare le discariche per produrre energia solare (vedi sotto).

Ha illustrato la «sfida» di trasformare in idrogeno ‘pulito’ per i camion l’elettricità prodotta dal mega-impianto fotovoltaico (1,3 megawatt di potenza, ma si raggiungeranno i 3 megawatt) sul tetto del centro logistico della Stisa a Cadenazzo, la società di cui è amministratore.

Ha esposto i risultati di uno studio da lui commissionato nel 2020 per valutare il potenziale del fotovoltaico non convenzionale in Ticino.

Ha mostrato un recente articolo della ‘Nzz’ sul progetto promosso dall’albergatore di Briga ed ex presidente del Partito socialista svizzero Peter Bodenmann, che vuole costruire un grande impianto con pannelli solari bifacciali sulla montagna sopra Grengiols, nell’Alto Vallese («l’idea è sì provocatoria, ma anche molto innovativa»).

Cattaneo ha detto anche molto altro, in questi cinque minuti. «Ci credo veramente, ci sto mettendo molto impegno: sia come politico che come imprenditore». L’avevamo capito. Ma ora basta. L’intervista comincia.

Da due anni lei non è più dirigente né azionista della City Carburoil, la società di commercio di carburante e gas fondata nel 1953 da suo padre Egidio, alla cui testa adesso c’è sua sorella Lorenza. Da petroliere a politico-imprenditore convinto promotore dell’energia solare: cos’è successo?

Nulla di particolare. Pur avendo lavorato per 30 anni nel ramo petrolifero, ho sempre avuto una sensibilità per le energie ‘pulite’. Alla City Carburoil, 20 anni fa, siamo stati tra i primi a vendere collettori solari per la produzione di acqua calda. A un certo punto ho capito che bisognava andare in un’altra direzione.

Il ‘déclic’, quand’è stato?

Tanti fattori hanno giocato un ruolo: anzitutto un bisogno personale di libertà e indipendenza, ma di certo anche la passione per la bicicletta. Direi che non c’è stato un unico motivo scatenante. Si è trattato di un’evoluzione graduale.

Una conversione difficile?

No, assolutamente. L’ho maturata negli ultimi quattro, cinque anni. Un nuovo mondo mi si è aperto, tutto da scoprire: qualcosa che mi affascina, come persona, politico e imprenditore.

Cosa avrebbe detto suo padre Egidio?

Mio padre [deceduto nel 2002, ndr] è sempre stato un tipo innovativo. Credo che avrebbe apprezzato. Anche perché mio nonno era boscaiolo ed è stato uno dei primi a vendere alle Ffs carbone di legna, che è una fonte energetica pulita. La storia dell’energia ha sempre avuto le sue fasi: adesso siamo in una fase in cui ci rendiamo conto che il petrolio causa gravi problemi ambientali, economici e politici. La grande sfida dei prossimi 30 anni è la svolta energetica. E non si tratta soltanto di protezione del clima, ma anche dell’indipendenza nell’approvvigionamento. Un aspetto, quest’ultimo, che purtroppo soltanto la guerra in Ucraina ha portato alla ribalta.

Parla come un verde liberale: non sta pensando di cambiare partito, per caso?

[Ride] Per i verdi liberali ho una certa simpatia, vado anche d’accordo con loro. Ma per i miei gusti su tanti temi sono troppo di sinistra. Quindi resto tranquillamente dove sono.

Da quando Thierry Burkart è presidente, il Plr sembra aver perso quel fervore verde che si percepiva negli ultimi anni di Petra Gössi. Si sente sempre a suo agio in casa liberale-radicale?

Sì. I miei atti parlamentari sul solare sono stati firmati da diversi colleghi del mio partito. E sono convinto che quando arriveranno nel plenum, la maggioranza del mio gruppo li sosterrà. Non mi sento messo sotto pressione, anzi.

3,5 miliardi su sette anni per sovvenzionare la sostituzione di riscaldamenti a nafta e a gas: a inizio marzo quasi tutto il gruppo Plr – lei compreso – ha respinto a stragrande maggioranza questa proposta di Roger Nordmann (Ps/Vd). Ecologisti a parole, ma poi nei fatti…

Da qui al 2050 bisogna creare il mix energetico ideale, nel quale il petrolio e il gas avranno giocoforza ancora uno spazio. Adesso dobbiamo anzitutto cominciare a sfruttare appieno il potenziale dell’idroelettrico, oltre che creare le premesse per incrementare l’utilizzo dell’energia solare.

Quali premesse?

Se si vuole imprimere una svolta in quest’ambito, occorre puntare subito su impianti di medie/grandi dimensioni: sui tetti delle industrie, lungo le autostrade, la ferrovia e via dicendo. Se ci limitiamo a promuovere il fotovoltaico sui tetti delle abitazioni, non raggiungeremo mai gli obiettivi della Strategia energetica 2050. Vanno tolte perciò tutte le barriere burocratiche esistenti, che rendono molto complicato ad esempio posare pannelli solari sulle discariche, sulle serre o sui laghetti alpini.

E sostituire i riscaldamenti a nafta e a gas, come proponeva Nordmann?

Per me è una proposta troppo radicale, contraria alle regole del mercato. Non può fare tutto lo stato, attraverso obblighi e imposizioni.

Qui parliamo di un incentivo, non di un obbligo.

Sovvenzioni a pioggia come quelle proposte non sono opportune. Meglio investire per stimolare la produzione energetica alternativa.

Restiamo al solare: per i privati, il problema è più che altro di natura finanziaria.

Con i prezzi dell’energia che girano di questi tempi, investire nel solare diventa sempre più interessante. Le cose sono cambiate, comunque. Se anche solo quattro, cinque anni fa, uno diceva "metto i pannelli solari e in 30 anni li pagherò", oggi sento persone che dicono "li metto perché se tutto va bene in sette, otto anni li pago". Gli incentivi andrebbero ancora rafforzati: una persona che sul tetto della propria casa installa un impianto solare di una certa dimensione dovrebbe avere maggiore sicurezza per quanto riguarda gli introiti ottenuti grazie all’immissione nella rete elettrica dell’energia in esubero.

Da un paio d’anni il fotovoltaico è in auge in Svizzera. Eppure il ritmo di crescita attuale è sempre insufficiente. Cosa manca?

Le recenti proposte del Consiglio federale vanno nella giusta direzione. In futuro, ad esempio, dovrebbe bastare una semplice procedura di notifica per posare dei pannelli solari sulle facciate delle case. Un’idea ripresa da una mia mozione, tra l’altro. Poi anche le banche dovrebbero attivarsi.

In che modo?

Non capisco ad esempio perché BancaStato non abbia ancora creato un fondo apposito per finanziare crediti ai privati che vorrebbero posare dei pannelli solari, ma non hanno i soldi per farlo.

Visto che siamo in Ticino: come si spiega che, da cantone pionieristico nel fotovoltaico [40 anni fa a Canobbio-Trevano venne allacciato il primo impianto solare alla rete in Europa, ndr], oggi la ‘Sonnenstube’ della Svizzera sia tra i cantoni meno avanti nella produzione di energia solare?

In generale, mi pare di capire che in Ticino abbiamo una sensibilità ecologica non così spiccata come nel resto della Svizzera. Tutti dovrebbero fare la loro parte: a cominciare dal Cantone, chiamato a rimuovere gli ostacoli burocratici e a dare l’esempio, installando impianti solari sugli stabili di sua proprietà. Perché il Consiglio di Stato non chiede un credito quadro per promuovere un’offensiva energetica di questo tipo? Lo fa [la ministra della Difesa] Viola Amherd con gli edifici dell’esercito, perché non dovrebbe farlo il governo cantonale?

Diciotto Cantoni hanno già introdotto un obbligo per i nuovi edifici di produrre autonomamente una parte dell’elettricità consumata. Swissolar vorrebbe che tutti i Cantoni lo facciano. In Ticino sono i Verdi a chiederlo, con un’iniziativa parlamentare. Lei è favorevole?

Da liberale quale sono, a me gli obblighi in generale non piacciono: la via giusta è quella degli stimoli finanziari, degli incentivi. Però in questo caso, quando l’esposizione solare lo consente, sono favorevole – vista la situazione critica sul piano climatico ed energetico – a un obbligo per i nuovi edifici. Il Cantone, inoltre, potrebbe rendere più ambiziosi gli obiettivi di produzione di energia solare definiti nel Piano energetico cantonale.

Oggi la Svizzera dipende dall’estero per l’approvvigionamento di petrolio e gas. Se puntiamo sul fotovoltaico, diventeremo ancor più dipendenti dalla Cina, che è di gran lunga il maggior produttore mondiale di pannelli solari.

È vero. Perfino i pannelli solari costruiti in Germania e in altri Paesi hanno cellule fotovoltaiche prodotte in Cina. Sto preparando una mozione per chiedere di indicare sulle loro etichette anche l’origine delle cellule, ciò che oggi non viene fatto. Essere dipendenti dalla Cina non è bello, ma è meno grave che essere dipendenti dalla Russia per il gas o da altri per il petrolio. In effetti, una volta i pannelli acquistati, questi funzionano per 30 anni senza che uno abbia più bisogno della Cina. Per le fonti energetiche fossili, invece, la dipendenza la sentiamo subito: se Putin chiude il gas, in Europa si rischia di restare al freddo.

La mozione

‘Discariche, sfruttare
il grosso potenziale’

«Vorrei sapere quante tonnellate di CO2 ci sono volute finora per riempire le discariche di inerti in Ticino. Adesso le discariche dovrebbero compensare queste emissioni, restituendo energia pulita alla collettività». Rocco Cattaneo spiega così il senso della sua ultima mozione in tema depositata negli scorsi giorni a Berna. Il deputato liberale-radicale chiede al Consiglio federale di "creare le basi legali per permettere lo sfruttamento del grande potenziale di produzione di energia solare delle discariche, dei riempimenti dei siti di estrazione minerali (comprese le cave dismesse) e delle modifiche di terreno". L’idea non è nuova: era già stata illustrata nello studio sul potenziale del fotovoltaico non convenzionale in Ticino, da lui commissionato nel 2020 a Supsi, Swissolar e IngEne. Adesso è disponibile una prima valutazione sommaria di questo potenziale a Sud delle Alpi: parliamo di quattro discariche (Lavorgo, Pizzante, Petasio, Sigirino), per una superficie complessiva di 243mila metri quadrati, sui quali potrebbero venir installati impianti per una potenza totale (calcolando un utilizzo del 80%) di circa 39 megawatt. Da luoghi che "non producono altro che erbacce" e che "non sono buoni né per l’agricoltura, né per la forestazione", a motori della svolta energetica, "senza compromettere la biodiversità": una trasformazione già sperimentata a Felsberg, nei Grigioni, che Cattaneo ora vorrebbe diventasse realtà anche in Ticino.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
consigliere nazionale energia solare intervista mozione rocco cattaneo
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved