ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
38 min

Tempi bui per i lupi: passa agli Stati l’abbattimento preventivo

Potranno essere uccisi esemplari che si avvicinano minacciosamente a zone abitate o esseri umani o che predano eludendo la protezione delle greggi
Svizzera
2 ore

Rinnovabili da potenziare, ma sempre nel rispetto dell’ambiente

Il dossier approvato dagli Stati passa ora all’esame del Nazionale. Unanime la volontà di ridurre la dipendenza dalle fonti fossili, e non, importate
Svizzera
4 ore

Salta il contratto per il nuovo elicottero della Rega

Il velivolo Aw169-Fips non raggiunge le alte prestazioni richieste dalla Rega in termini di resistenza al gelo
Svizzera
6 ore

Lukas Reimann ha un malore, interviene Marina Carobbio

Il consigliere nazionale dell’Udc si è sentito male durante il dibattito sulle sanzioni. La ‘senatrice’ e medico ticinese ha prestato i primi soccorsi
Svizzera
8 ore

Il Consiglio federale non potrà imporre sanzioni autonomamente

Attualmente, la Svizzera può adottare misure restrittive decretate dall’Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa
Svizzera
8 ore

Si incaglia al Nazionale l’abolizione del valore locativo

Il dossier torna in commissione. La maggioranza della Camera del popolo vuole coinvolgere maggiormente i Cantoni
Svizzera
8 ore

Ue: oggi soltanto il 6,5% dei giovani svizzeri è favorevole

Solo nel 2007 questa fascia di età (18-34 anni) risultava essere la più propensa all’ingresso della Confederazione elvetica
Svizzera
9 ore

I servizi pubblici svizzeri digitali stanno perdendo colpi

In testa alla graduatoria in materia di digitalizzazione si piazza la Danimarca. Per le città, Zurigo davanti a Roma
Svizzera
1 gior

Le Ffs vogliono 60% di merci in più su rotaia entro il 2050

Presentato il concetto ‘Suisse Cargo Logistics’. Promesse più flessibilità, velocità e digitalizzazione, con un occhio di riguardo ai trasporti ecologici
12.04.2022 - 12:15
Aggiornamento: 15:41

Violenze sessuali, ampio consenso per il ‘Solo un Sì è un Sì’

Secondo un sondaggio di Amnesty International, nell’ambito della riforma del diritto penale il 45% degli intervistati è a favore del consenso esplicito

a cura di Marco Narzisi
violenze-sessuali-ampio-consenso-per-il-solo-un-si-e-un-si
Keystone

La soluzione del consenso esplicito ("Solo un sì è un sì") protegge meglio dalla violenza sessuale, secondo la metà delle persone intervistate per conto di Amnesty International Svizzera. Il sondaggio rappresentativo, presentato oggi, è stato realizzato nell’ambito della riforma del diritto penale sui reati sessuali.

L’inchiesta "Percezione delle relazioni sessuali e della violenza" è stata realizzata dall’istituto gfs.bern. Sono state intervistate un migliaio di persone online allo scopo di stabilire quale opzione è ritenuta più efficace per proteggere le potenziali vittime.

Il 45% preferisce la soluzione "Solo un sì è un sì", mentre l’opzione "No significa no" ha raccolto il 27%. Il 13% è favorevole allo status quo nel diritto penale sessuale, ha spiegato Cloé Jans di gfs.bern durante una conferenza stampa a Berna.

La soluzione del consenso esplicito raccoglie maggiori consensi tra coloro che sono più esposti alla violenza sessuale: donne, giovani e persone queer. Tra i 18-35enni la metà la preferisce, mentre il 25% sostiene la soluzione "No significa no" e il 14% vuole mantenere l’attuale regolamentazione nel diritto penale, che riconosce solo lo stupro commesso con coercizione.

Opinioni problematiche

Una netta maggioranza degli intervistati afferma di avere relazioni sessuali solo se l’altra persona ha esplicitamente dato il proprio consenso, di rispettare i limiti e non impone o tollera comportamenti trasgressivi. "Lo studio evidenzia però ripetutamente la presenza di gruppi di persone le cui risposte indicano comportamenti e atteggiamenti problematici", sottolinea ancora Jans. Quasi una persona su cinque considera il consenso dato una volta in passato come sempre valido e una su dieci ritiene che una persona, generalmente consenziente, lo è anche se addormentata. La stessa percentuale giudica accettabile fare sesso con il/la partner senza il suo consenso.

Queste opinioni problematiche sulla disponibilità sessuale sono molto più diffuse tra gli uomini, sottolineano gli autori del sondaggio. L’inchiesta chiedeva anche quali misure concrete sarebbero necessarie per combattere la violenza sessualizzata in Svizzera.

La politica deve agire

Secondo il sondaggio, la maggioranza degli intervistati (58%) ritiene che spetti soprattutto al Parlamento agire per combattere la violenza sessuale in Svizzera. Il Consiglio degli Stati dovrebbe discutere la questione durante la sessione estiva.

Il codice penale svizzero in materia di reati contro l’integrità sessuale non è conforme agli standard internazionali sui diritti umani, come la Convenzione di Istanbul. Amnesty International sta facendo attivamente pressione per l’introduzione della soluzione del consenso e per una nuova definizione del reato di stupro.

"Il tema della comunicazione e del consenso reciproco deve essere affrontato di più nelle scuole e dobbiamo renderlo più visibile nella società. Ma anche facendo un lavoro di prevenzione efficace, sarebbe peccato se poi la legge trasmettesse il messaggio che nel sesso tutto è lecito finché qualcuno dice ‘no’ o ’stop’", ha sottolineato Cyrielle Huguenot, responsabile del tema Diritti delle Donne per Amnesty Svizzera.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved