ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
13 ore

Soldato impiegato al Wef indagato per un reato sessuale

Un portavoce della giustizia militare ha confermato un’informazione della ‘Weltwoche’. Avviata un’inchiesta.
Svizzera
16 ore

Circa 900 scosse sismiche in Svizzera e dintorni nel 2022

La terra ha tremato un po’ meno rispetto agli ultimi anni. Gli eventi più significativi percepiti nella Confederazione, hanno avuto epicentro all’estero.
Svizzera
18 ore

USS annuncia un referendum contro la riforma del 2º pilastro

I sindacati interrompono contestualmente la raccolta firma per l’iniziativa ‘Utili della Banca nazionale per un’AVS forte’
Svizzera
18 ore

Ginevra, Uber può continuare a operare

L’azienda ha ottenuto misure superprovvisionali. Lo Stato di recente aveva vietato le sue attività.
Svizzera
19 ore

Maurizio Dattrino al comando della Divisione territoriale 3

Il brigadiere ticinese, attinente di Arbedo, sostituirà il divisionario Lucas Caduff che va in pensione
Svizzera
19 ore

Penuria di farmaci, al lavoro una task force

Su incarico del Consiglio federale, avrà il compito di valutare le misure a breve termine per far fronte a questo fenomeno ‘problematico’
Svizzera
20 ore

Indonesiani contro Holcim, fallita la trattativa di risarcimento

Si tratta del secondo capitolo a livello giudiziario della vertenza, dopo che una conciliazione per stabilire un risarcimento è fallita lo scorso ottobre
Svizzera
23 ore

1° febbraio: è il giorno della prova sirene

Le sirene suoneranno in tutta la Svizzera. In Ticino alle 13.30, 13.35, 13.45 e 13.55 sarà diffuso un suono continuo e modulato, della durata di un minuto
03.12.2021 - 08:49
Aggiornamento: 10:16

Infermieri allo stremo: ‘Non ce la facciamo più’. ‘È frustrante’

Enorme il carico di stress a causa della pressione sugli ospedali, soprattutto in cure intense. Rinviate anche operazioni urgenti per cancro

infermieri-allo-stremo-non-ce-la-facciamo-piu-e-frustrante
Keystone

Gli infermieri in Svizzera sono esausti, in molti hanno già dato le dimissioni a causa dell’enorme stress dovuto all’aumento della pressione sugli ospedali. A riassumere la situazione è Martin Tramèr, medico e capo del dipartimento di anestesiologi degli ospedali universitari di Ginevra (Hug), che al Blick dichiara: “Fisicamente va bene. Ma emotivamente abbiamo raggiunto i nostri limiti“. Gli fa eco Petra Salomon, capo medico del reparto di terapia intensiva dell’ospedale di Burgdorf nell’Emmental bernese: “Siamo stanchi, non ne possiamo più”. Ma l’opera non si ferma: "Le persone si impegnano ogni giorno e fanno bene il loro lavoro”. Le fa eco il collega sangallese Sandro Stöckli che su Linkedin afferma: "È così frustrante! È frustrante sia per i medici che per il personale infermieristico. Ed è così pesante per i pazienti e i loro familiari”. Ad Aarau una ventina di infermieri si sono dimessi nelle ultime settimane con molti di loro che intendono addirittura cambiare lavoro.

A risentire del sovraccarico causato dall’aumento dei ricoveri di pazienti Covid è tutto il sistema ospedaliero: a Ginevra, come riferisce Tramèr, i medici devono valutare il rinvio di ogni singolo intervento per lasciare abbastanza letti disponibili per i pazienti Covid nei reparti di cure intense. Nei quali, spesso, come riferisce Salomon, la maggior parte dei ricoverati non è vaccinata, così come a San Gallo, dove a causa dell’occupazione delle unità di terapia intensiva da parte di pazienti con Covid in maggioranza non vaccinati è stato necessario rinviare diverse operazioni urgenti per tumori. Lo stesso accade anche in molti altri ospedali della Svizzera interna, dove sembra inevitabile il ricorso al triage. A Ginevra in cure intermedie, ovvero i reparti in cui sono ricoverati i pazienti gravi ma che riescono a respirare rapidamente, molti dei degenti sono anziani a cui manca ancora la terza dose, e solo il fatto di essere vaccinati sta evitando loro un decorso peggiore: “Se non fossero stati vaccinati, ora sarebbero probabilmente su un respiratore", dice al Blick Martin Tramèr , che aggiunge: "Possiamo ancora aumentare il numero di letti, ma c’è ancora una mancanza di personale ben addestrato. Ad un certo punto, la qualità del trattamento ne soffrirà, e noi vogliamo evitarlo a tutti i costi”.

L’Associazione svizzera degli infermieri (SNA) teme che il sistema sanitario collassi e chiede un bonus per il personale infermieristico.L’invito è rivolto anche alla popolazione affinchè osservi le dovute precauzioni anche negli incontri privati: “Se non si prendono presto misure massicce ed efficaci, i medici dovranno ricorrere al triage. In pratica, questo significa che le persone che hanno bisogno di un posto in terapia intensiva non lo otterranno e potrebbero morire”.

Leggi anche:

Ospedali svizzeri verso il triage: si dovrà scegliere chi curare

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved