alto-tasso-di-vaccinati-e-offensiva-vaccinale-uniche-alternative
(Keystone)
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
2 ore

Le donazioni di organi tornano ai livelli pre-pandemia

Nel 2021 Swisstransplant ha registrato 166 donatori di organi, 20 in più rispetto all’anno precedente. Resta elevato il numero delle persone in attesa
Svizzera
4 ore

‘Imposta sulle Pmi’ o ‘regalo fiscale’ alle grandi aziende?

Governo e Parlamento vogliono abolire la tassa d’emissione sul capitale proprio, la sinistra non ne vuole sapere. Risposte alle principali domande
Svizzera
12 ore

Croce Rossa nel mirino dei pirati informatici

Cicr preda di un vasto cyberattacco: violati i dati di 515’000 persone estremamente vulnerabili
Svizzera
19 ore

Vaud, depositata iniziativa per il trasporto pubblico gratuito

Lanciata la scorsa estate, ha raccolto oltre 17mila firme, contro le 12mila necessarie. Prospettati costi a carico del Cantone per 300-350 milioni
Svizzera
21 ore

Covid, quarantena e telelavoro fino a fine febbraio

Validità dei certificati di vaccinazione e guarigione ridotta a 270 giorni a partire dal 31 gennaio
Svizzera
22 ore

Covid, 25 decessi e più di 38mila contagi

Il tasso di test Pcr che hanno dato esito positivo è del 38,4 per cento
Svizzera
22 ore

Trasporti pubblici, in Svizzera prezzi nella media europea

Studio commissionato dalla Litra ha messo a confronto le tariffe di vari Paesi europei. Sfatato il mito del ‘troppo caro’, e poi la qualità è eccellente
Svizzera
1 gior

È svizzera la 1ª etichetta di responsabilità digitale al mondo

L’obiettivo del marchio, valido per tre anni, è quello di far sentire i clienti sicuri nell’uso della tecnologia digitale fornita dalle aziende.
Svizzera
1 gior

Lacune nel registro di Swisstransplant, Mister dati al lavoro

Possibili violazioni delle norme sulla privacy e dei requisiti di sicurezza. Adrian Lobsiger vuole vederci chiaro dopo le rivelazioni di ‘Kassensturz’
25.10.2021 - 08:280
Aggiornamento : 10:14

Alto tasso di vaccinati e offensiva vaccinale uniche alternative

Lo ha dichiarato il consigliere federale Berset ai media d’oltralpe aggiungendo che è ancora ‘troppo presto’ per allentare le misure anti Covid

a cura de laRegione

Il direttore del dipartimento dell’Interno Alain Berset non vede alternativa a un alto tasso di vaccinati e a una nuova offensiva in questo senso. Per ora vuole anche mantenere l’obbligo del certificato, e mette in guardia sui problemi per i viaggi all’estero nel caso di un “no” alla legge Covid.

Il tasso di vaccinazione del 71% in Svizzera è troppo basso in vista della variante Delta più contagiosa, dice il capo del Dipartimento federale dell’interno (DFI) in un’intervista con i giornali del gruppo CH-Media.

Alzare le spalle non è un’opzione; e anche i cantoni la vedono così, aggiunge Berset. Tutti - sottolinea - entreranno comunque in contatto con il virus. L’unica questione è come: immunizzati con la vaccinazione in modo controllato e sicuro oppure con l’infezione con tutti i rischi che una malattia grave comporta?

“Ancora una volta dobbiamo provare a fare tutto il possibile", continua. "C’è bisogno di un impegno generale per la vaccinazione in modo che insieme possiamo superare bene l’inverno”. In tale ambito Berset propone di aumentare l’uso di centri di vaccinazione mobili, soprattutto nelle città più piccole. I medici in pensione potrebbero assumersi il compito di trattare complicazioni molto rare. Le chiese o le associazioni potrebbero organizzare eventi informativi.

Dato che il tasso di vaccinazione all’inizio della stagione fredda è ancora troppo basso, il ministro della salute non prevede quindi un allentamento delle misure anti-Covid. “Più ci vacciniamo e più persone si infettano parallelamente, più velocemente possiamo ritornare alla vita normale”. Vogliamo evitare che il carico per gli ospedali aumenti così tanto da costringere il Consiglio federale a decidere di nuovo misure severe", aggiunge il responsabile del DFI.

Riguardo all’obbligo del certificato Covid in molti ambiti, il ministro friburghese dice che il Consiglio federale il prossimo mese esaminerà l’opportunità di estenderne la portata, ma che per ora è “troppo presto per affrettare i tempi” in considerazione del numero crescente di infezioni e ricoveri ospedalieri.

Alain Berset mette poi in guardia contro una bocciatura alle urne della legge Covid. “Non solo il certificato ne sarebbe interessato, ma anche gli aiuti per i lavoratori autonomi, i dipendenti, le imprese, per la cultura, lo sport o gli asili nonché i regolamenti come l’esenzione dei vaccinati dall’obbligo di quarantena. Inoltre ci mancherebbe anche la base legale per il sistema dei certificati dalla prossima primavera”.

Tutto ciò non significa che gli svizzeri non potrebbero più viaggiare all’estero, ma sarebbe molto più complicato perché non potrebbero più utilizzare il certificato e dovrebbero accettare delle restrizioni nel paese di viaggio.

Il virus - nota il consigliere federale - continuerà a circolare in grandi parti del mondo per molto tempo. Pertanto, un certificato sarà probabilmente necessario per i viaggi internazionali per un lungo periodo di tempo più lungo. Egli spera per lo meno che dall’anno prossimo all’interno del paese non sia più necessario un certificato.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved