Seattle Kraken
2
NAS Predators
4
fine
(1-1 : 1-2 : 0-1)
VAN Canucks
2
EDM Oilers
3
fine
(0-0 : 2-0 : 0-2 : 0-1)
sempre-piu-vicina-la-terza-dose-in-svizzera
(Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
11 ore

Non sottovalutare la velocità della slitta, e il casco sempre

È la raccomandazione dell’Ufficio prevenzione infortuni per evitare fratture, ferite o lesioni più gravi
Svizzera
11 ore

Pierin Vincenz non si sente colpevole

L’ex Ceo di Raiffeisen prende la parola nel primo giorno del processo che lo vede imputato per diversi reati. Respinte le richieste di rinvio
Svizzera
14 ore

Una settimana fa 7’516 positivi in meno in Svizzera

Nelle ultime 24 ore, si sono registrati 36’658 nuovi casi di coronavirus, 12 decessi e 121 ricoverati in ospedale
Svizzera
15 ore

‘Allentamenti? Troppo presto, possibili 100’000 casi al giorno’

La task force Covid-19 mette in guardia dall’eccesso di ottimismo e dalla revoca troppo affrettata delle misure di protezione
Svizzera
16 ore

Una persona su due in Svizzera vive o conosce relazioni tossiche

Lo rivela un sondaggio rappresentativo di Parship.ch. Un terzo delle donne e un quarto degli uomini intervistati ha vissuto relazioni di questo tipo
Svizzera
19 ore

Le associazioni economiche reclamano la fine delle restrizioni

I rappresentanti di vari settori economici, dal fitness alla ristorazione, chiedono un ‘Freedom day’ che segni la fine delle misure anti-Covid
Svizzera
20 ore

Al via il processo all’ex Ceo di Raiffeisen Pierin Vincenz

L’ex numero 1 della banca accusato di truffa per mestiere, appropriazione indebita, falsità in documenti, amministrazione infedele e corruzione passiva
Svizzera
22 ore

La Svizzera perde posizioni nella lotta alla corruzione

La Confederazione passa dal terzo al settimo posto nell’ultima classifica di Transparency International sulla corruzione nel settore pubblico per il 2021
18.10.2021 - 08:110
Aggiornamento : 10:45

Sempre più vicina la terza dose in Svizzera

Il processo di approvazione da parte di Swissmedic sarebbe ‘nelle fasi finali’. Attualmente si stanno studiando i dati forniti da Pfizer e Moderna

a cura de laRegione

L’approvazione di una terza dose di vaccino in Svizzera sarebbe “nelle fasi finali”, secondo quanto riferisce il Blick citando fonti interne a Swissmedic, che è responsabile dell’approvazione. Inoltre, è necessaria una raccomandazione della Commissione federale per le questioni di vaccinazione (EKIF). Continuano infatti a crescere le richieste per la somministrazione della dose di richiamo, considerato soprattutto l’aumento dei decessi di persone anziane già vaccinate, 130 da inizio anno secondo i dati dell’Ufsp.

Il Blick cita un caso reso noto dalla “Sonntagszeitung", a cui il figlio della prima persona vaccinata a Kriens (LU), una 90enne poi deceduta a causa del Covid nove mesi dopo la vaccinazione ha dichiarato: Se mia madre avesse ricevuto una vaccinazione di richiamo, ora sarebbe ancora viva”.

Attualmente la Svizzera sta concedendo una dose supplementare di vaccino alle persone il cui sistema immunitario non è abbastanza forte da poter offrire una protezione sufficiente contro il virus. Altri Paesi, come Israele per primo, e poi Francia, Germania, Stati Uniti e la vicina Italia hanno già iniziato la vaccinazione di richiamo.

Dati allo studio

La domanda di approvazione della terza dose da parte di Moderna e Biontech/Pfizer è stata inoltrata a inizio settembre. L’autorizzazione non è ancora arrivata, come spiega Lukas Jaggi di Swissmedic al Blick, in quanto sono ancora sotto esame i dati presentati dalle case farmaceutiche, e che la decisione sarà presa rapidamente non appena la verifica darà esito positivo. Secondo Dan Staner, il capo di Moderna per l’Europa, l’approvazione dovrebbe arrivare fra ottobre e dicembre, e ci vorrà poi un po’ di tempo per l’arrivo sul mercato del vaccino di richiamo: intanto il Consiglio federale, come scrive il quotidiano d’oltralpe, si è assicurato la fornitura di sette milioni di dosi per ciascuno dei due vaccini mRna approvati.

La prospettiva è vista con sollievo da molti anziani, come riferisce anche al Blick Peter Burri Follath, direttore dei media di Pro Senectute: “Siamo fiduciosi che la terza vaccinazione sarà possibile in poche settimane". Burri Folath non contesta la Svizzera per il ritardo nell’approvazione della terza dose, in quanto il tempo finora impiegato è stato utile per chiarire la situazione dei dati, a differenza di altri Pasi come la Gran Bretagna che hanno seguito una procedura di approvazione accelerata per poi doversi adeguare alle nuove e successive scoperte in campo vaccinale. "La nostra guida è Swissmedic. Non appena approveranno la terza dose, la raccomanderemo. Dovrebbe accadere presto” conclude Pro Senectute

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved