ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
13 ore

Il ‘dopo Maurer’ non vedrà scendere in campo Martullo-Blocher

La consigliera nazionale e vicepresidente dell’Udc svizzera ha fatto sapere di non essere interessata a candidarsi per il Consiglio federale
Svizzera
14 ore

Uno Stato maggiore ad hoc gestirà l’eventuale penuria energetica

Verrà attivato non appena il mercato non sarà più in grado di funzionare da solo e saranno necessari divieti e limitazioni d’utilizzo
Svizzera
15 ore

Minacce nucleari, improbabili o meno a Berna ci si premunisce

Definite dal Dipartimento della difesa l’organizzazione e le competenze in caso di grave crisi atomica
Svizzera
16 ore

Maurer, 14 anni fra collegialità e fedeltà di partito

Ritratto del consigliere federale Udc al passo d’addio a fine anno. Bene alle Finanze interne, non eccelso sulla scena internazionale
Svizzera
17 ore

Ueli Maurer si dimette dal Consiglio federale

Il capo del Dipartimento delle finanze ed ex presidente Udc lascia il governo dopo 14 anni
Svizzera
19 ore

Il Nazionale vuole una tassa sul ‘Pronto soccorso facile’

La Camera del popolo ha respinto l’archiviazione della proposta di una tassa di 50 franchi per chi si reca al Ps per problemi di salute lievi
Svizzera
20 ore

Pietra tombale sull’autonomia del governo sulle sanzioni

Il Nazionale boccia la revisione della legge sugli embarghi. Insolita saldatura fra l’Udc contraria in toto e la sinistra che voleva una portata più ampia
Svizzera
1 gior

Tempi bui per i lupi: passa agli Stati l’abbattimento preventivo

Potranno essere uccisi esemplari che si avvicinano minacciosamente a zone abitate o esseri umani o che predano eludendo la protezione delle greggi
06.09.2021 - 23:01
Aggiornamento: 23:46

Crediti Covid, oltre 200 aziende hanno versato dividendi

È quanto emerge da un rapporto pubblicato oggi dal Controllo federale delle finanze. Riscontrate illegalità anche in ambito di lavoro ridotto e Ipg.

crediti-covid-oltre-200-aziende-hanno-versato-dividendi
Keystone
C’è chi ha voluto fare il furbo

Berna – Nonostante il divieto, 219 aziende che hanno beneficiato di un credito Covid hanno versato dividendi agli azionisti per una somma complessiva di 43,12 milioni di franchi. È quanto scoperto, e messo nero su bianco da un rapporto pubblicato oggi, dal Controllo federale delle finanze (CDF).

Alla fine di marzo 2021, 125'479 imprese avevano fatto ricorso a un prestito garantito dalla Confederazione per un totale di 14,55 miliardi. Le ditte che hanno versato un dividendo hanno ottenuto crediti per un totale di 50,12 milioni.

Lavoro ridotto e Ipg

I revisori del CDF hanno anche esaminato 1,1 milioni di pagamenti per lavoro ridotto versati tra il mese di marzo 2020, momento culminante della prima ondata pandemica, e il marzo 2021. Durante questo intervallo, sono stati pagati circa 10,86 miliardi a 159'445 società. Secondo il rapporto, 2483 ditte che hanno annunciato fallimento o sono finite in liquidazione hanno continuato a ricevere questa manna.

Tra il maggio 2020 e il marzo 2021, 360 casi di frode sono stati segnalati al CDF, 69 dei quali nel primo trimestre del 2021. In quattro casi è stata presentata una denuncia penale e sono stati restituiti 664'096 franchi. In sette casi non è stata presentata alcuna denuncia, ma 147'255 franchi sono stati comunque rifusi.

I cani da guardia del CDF hanno ancora scovato irregolarità nel pagamento delle indennità per perdita di guadagno nel primo trimestre del 2021. In 87 casi, la somma massima giornaliera di 196 franchi è stata superata. Diciassette di queste persone hanno inoltrato più richieste e altre 67 hanno ricevuto il doppio dell'importo consentito per lo stesso periodo.

Le verifiche del Controllo federale delle finanze

Il 26 marzo 2020 le PMI hanno potuto accedere ai prestiti Covid garantiti dalla Confederazione per sopperire alla mancanza di risorse dovuta al coronavirus. All'operazione hanno partecipato oltre 300 banche. Presentando il provvedimento davanti ai media, il ministro delle finanze aveva escluso abusi su larga scala.

Il primo di aprile 2020, il direttore del Controllo federale delle finanze, Michel Huissoud, aveva però annunciato, sui giornali del gruppo Tamedia, di voler in ogni caso verificare che il denaro non venisse utilizzato impropriamente. A suo modo, affermava Huissoud, il pericolo si annidava nell'autodichiarazione che i petenti avrebbero sottoposto alle banche.

Il CDF, precisava, intendeva procedere a verifiche confrontando i dati presenti sulle dichiarazioni con le informazioni disponibili, in particolare per quanto attiene a procedure di fallimento in corso o eventuali richieste multiple, oppure confrontando l'Iva versata col fatturato dichiarato. L'obiettivo di questo lavoro? Scovare eventuali abusi prima che fosse impossibile chiedere la restituzione del credito. Per false informazioni, ricordava il funzionario, era prevista una multa fino a 100 mila franchi; il carcere per la falsificazione di documenti o la truffa.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved