ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
8 ore

Gli F-35 si comprano e gli oppositori si vestono da lutto

La manifestazione oggi a Berna per denunciare “la farsa democratica” riguardo alla decisione del Consiglio federale di acquistare i jet da combattimento
Svizzera
9 ore

Se il vaccino è ‘da buttare’

Sono oltre 10milioni le dosi di Moderna che la Confederazione ha acquistato per contrastare il Covid e che mercoledì... sono scadute
Svizzera
13 ore

Axpo e quell’aiuto non ancora utilizzato

Il gruppo ha ottenuto dalla Confederazione il credito d’emergenza per far fronte all’impennata dei prezzi nel settore energetico
Svizzera
14 ore

L’alternativa è il pellet. Ma meglio fare scorta per tempo

SvizzeraEnergia vara la campagna ‘Zero spreco’: ecco qualche consiglio utile per evitare un inverno (giocoforza) freddo
Svizzera
1 gior

È allarme riscaldamento: ‘Fate il pieno del tank al più presto’

L’obiettivo? Contribuire al raggiungimento del risparmio volontario del 15% dei consumi di gas stabilito dal governo sull’esempio dell’Ue
Svizzera
1 gior

Luce verde all’export di munizioni in Qatar

Il Consiglio federale ha avallato la richiesta di esportazione di armamenti per il cannone di bordo del jet Eurofighter
Svizzera
1 gior

Crisi energetica, svizzeri ancora sordi agli inviti al risparmio

Malgrado le esortazioni a un uso più parsimonioso, il consumo di elettricità nel nostro Paese resta stabile
Svizzera
1 gior

Microplastiche nell’ambiente, bisogna fare di più

Il governo rinuncia a nuove misure, ma c’è un potenziale di miglioramento. Ogni anno in Svizzera sono circa 14’000 le tonnellate disperse
Svizzera
1 gior

Si schianta contro il guardrail sotto l’effetto dell’alcol

L’incidente, che ha avuto per protagonista un giovane, si è verificato poco prima di mezzanotte a Samedan
18.07.2021 - 12:37

Sempre più linci si trasferiscono sull’Altipiano svizzero

È stata l'alta concentrazione di prede, soprattutto caprioli, a convincere questi predatori a lasciare il Giura e le Alpi per un'area più popolosa

Ats, a cura de laRegione
sempre-piu-linci-si-trasferiscono-sull-altipiano-svizzero
(Foto Ti-Press)

In Svizzera la lince sta gradualmente frequentando sempre più l'Altipiano in cerca di prede. Nell'ultimo decennio, diversi individui vi si sono addirittura stabiliti e riprodotti, indica la Fondazione Kora nel suo rapporto 2020 pubblicato pochi giorni fa.

Cucciolate iniziate una decina di anni fa

Negli anni 80 e 90 pochi predatori hanno osato avventurarsi in questa regione, che è meno boscosa e ospitale per la fauna selvatica. L'altopiano serve piuttosto come corridoio di migrazione tra le catene del Giura e delle Alpi, spiega la fondazione Ecologia dei carnivori e gestione della fauna selvatica (Kora), con sede a Muri (Be).

I primi casi di insediamenti duraturi di lince sono stati registrati negli ultimi dieci anni, in particolare nella zona tra Losanna e il lago di Neuchâtel, ma anche tra Schwarzenburg (Be) e la città di Berna nonché nel nord-est della Svizzera. Una prima cucciolata è stata confermata nel 2012 a sud del lago di Neuchâtel, ed poi stata seguita da altre nel 2013 e nel 2020 nella stessa pianura vodese.

È stata verosimilmente l'alta concentrazione di prede, soprattutto caprioli, a convincere questi predatori a lasciare il Giura e le Alpi, dove si trovano di solito, per un'area popolosa, spiega Kora.

Zona ad accresciuto rischio di collisioni

L'Altipiano è infatti la regione più densamente popolata della Svizzera: costituisce circa il 30% del territorio e ospita oltre due terzi degli abitanti del Paese. Le superfici insediative occupano il 16% di questo zona, una percentuale doppia rispetto alla media nazionale. Nella regione si concentra più della metà della rete stradale nazionale, e di conseguenza si registra la maggiore densità di traffico.

Il Centro svizzero di competenza per grandi predatori ha quindi qualche dubbio sulla capacità delle linci di sopravvivere in questo nuovo ambiente, dove "i disturbi e i rischi di mortalità dovuti alle collisioni con i veicoli sono i più alti", sottolinea.

Monitoraggio anche di lupi e gatti selvatici 

Riguardo ai lupi, il rapporto 2020 della fondazione Kora riferisce che una coppia proveniente dell'Alto Vallese è migrata nel 2011 nel massiccio della Calanda vicino a Coira (Gr). Si è riprodotta ogni anno per dare alla luce un totale di 46 cuccioli fino nel 2019. Da questa prole si sono poi formati diversi branchi, che nel 2018 si sono spostati nel vicino massiccio del Ringelspitz e nel 2020 nella Alta Surselva, a parecchie decine di chilometri di distanza. 

È stata esaminata anche la popolazione svizzera di gatti selvatici europei, che è cresciuta notevolmente negli ultimi anni. La sua frequentazione dei campi agricoli e delle aree urbane sta però minacciandone la sopravvivenza.

Kora coordina vari progetti di ricerca riguardanti l'ecologia dei predatori nel paesaggio culturale e la convivenza di uomo e predatore. Gli obiettivi sono di offrire ai grandi predatori una sopravvivenza a lungo termine e di trovare soluzioni che contribuiscano a risolvere i conflitti.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved