ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
21 min

I faggi precocemente ingialliti sono destinati a morire presto

Secondo uno studio del Wsl, gli alberi su terreni secchi che perdono presto le foglie non si riprendono negli anni successivi
Svizzera
13 ore

‘Altri modelli da discutere in vista della prossima riforma’

A colloquio con Jerôme Cosandey di Avenir Suisse sulle prospettive future del primo pilastro dopo il risicato sì popolare ad Avs 21
Svizzera
16 ore

Domenica di bocciature a livello cantonale

La bocciatura più sonora, col 71,5% dei no, va al credito che il Canton Lucerna voleva dare alla Guardia Pontificia in Vaticano
Svizzera
18 ore

Allevamento intensivo: il no è netto

La bocciatura dell’iniziativa va oltre le previsioni: il 62,86% dei votanti ha infatti detto no
Svizzera
18 ore

Imposta preventiva: respinta dal 52% dei voti

Malgrado il testa a testa, alla fine prevale il no
Svizzera
19 ore

Riforma AVS: le donne andranno in pensione a 65 anni

La modifica della legge federale sull’assicurazione per la vecchiaia e per i superstiti approvata per un soffio: sì al 50,6%
Svizzera
20 ore

Ambasciatore ucraino a Berna, no asilo per disertori russi

Preoccupano i migliaia di russi in fuga dal loro Paese per evitare il reclutamento, si teme che tra loro vi siano spie di Putin
Svizzera
1 gior

Una votazione che ha lasciato col fiato sospeso

Le urne sono chiuse, è iniziato lo spoglio delle schede. I risultati in tempo reale
Svizzera
1 gior

C’è tempo fino a mezzogiorno per votare

Svizzeri alle urne su Avs, imposta preventiva e allevamento intensivo
Svizzera
1 gior

Gli F-35 si comprano e gli oppositori si vestono da lutto

La manifestazione oggi a Berna per denunciare “la farsa democratica” riguardo alla decisione del Consiglio federale di acquistare i jet da combattimento
Svizzera
1 gior

Se il vaccino è ‘da buttare’

Sono oltre 10milioni le dosi di Moderna che la Confederazione ha acquistato per contrastare il Covid e che mercoledì... sono scadute
Svizzera
2 gior

Axpo e quell’aiuto non ancora utilizzato

Il gruppo ha ottenuto dalla Confederazione il credito d’emergenza per far fronte all’impennata dei prezzi nel settore energetico
Svizzera
2 gior

L’alternativa è il pellet. Ma meglio fare scorta per tempo

SvizzeraEnergia vara la campagna ‘Zero spreco’: ecco qualche consiglio utile per evitare un inverno (giocoforza) freddo
Svizzera
2 gior

È allarme riscaldamento: ‘Fate il pieno del tank al più presto’

L’obiettivo? Contribuire al raggiungimento del risparmio volontario del 15% dei consumi di gas stabilito dal governo sull’esempio dell’Ue
Svizzera
2 gior

Luce verde all’export di munizioni in Qatar

Il Consiglio federale ha avallato la richiesta di esportazione di armamenti per il cannone di bordo del jet Eurofighter
Svizzera
2 gior

Crisi energetica, svizzeri ancora sordi agli inviti al risparmio

Malgrado le esortazioni a un uso più parsimonioso, il consumo di elettricità nel nostro Paese resta stabile
11.06.2021 - 20:15

Credit Suisse occupata: respinto ricorso degli attivisti

I dodici ambientalisti erano riusciti a entrare nella sede di Losanna del gruppo bancario

Ats, a cura de laRegione
credit-suisse-occupata-respinto-ricorso-degli-attivisti
Attivisti fuori dal tribunale (Keystone)

Il Tribunale federale (Tf) respinge il ricorso dei 12 attivisti per il clima che avevano occupato una sede losannese del Credit Suisse nel 2018. Per l'alta corte la crisi climatica non consente loro di invocare uno stato di legittima necessità. I ricorrenti intendono ora appellarsi alla Corte europea dei diritti dell'uomo (Cedu), con sede a Strasburgo.

Il 22 novembre 2018, una ventina di attivisti si erano introdotti per un'ora nell'atrio del Credit Suisse a Losanna. Travestiti da Roger Federer, ambasciatore dell'istituto finanziario, avevano giocato una partita di tennis per denunciare gli investimenti di Credit Suisse nei combustibili fossili.

Erano stati assolti in primo grado il 13 gennaio dal tribunale distrettuale di Losanna. Il Ministero pubblico vodese, tramite il procuratore generale Eric Cottier, aveva presentato ricorso e aveva vinto la causa il 24 settembre davanti al Tribunale cantonale.

Nella sua sentenza pubblicata oggi, il TF precisa che non ha preso in considerazione la questione dell'emergenza climatica. Si è limitato a considerare se le condizioni dello stato di legittima necessità, invocate dagli attivisti e dai loro avvocati, fossero soddisfatte.

Questa disposizione del Codice Penale (CP), che giustifica l'azione illegale in certe condizioni, non è applicabile in questo caso, hanno concluso i giudici di Mon Repos. Ritengono che non ci fosse un "pericolo imminente" al momento dell'azione compiuta dagli attivisti, ai sensi dell'articolo 17 del CP.

La Corte aggiunge che l'occupazione della banca non era destinata a proteggere un bene giuridico concreto: l'obiettivo dei ricorrenti era piuttosto la difesa di interessi collettivi, cioè l'ambiente, la salute o il benessere della popolazione. La legge esclude espressamente l'applicazione dello stato di necessità in queste situazioni.

Per i giudici losannesi, i ricorrenti non possono nemmeno invocare la "salvaguardia di interessi legittimi". Questo motivo, non previsto dalla legge, presuppone che la loro azione fosse l'unica possibile. Altri metodi legali erano a loro disposizione per allertare l'opinione pubblica, sottolinea invece la Corte.

Prossimo passo: Strasburgo

Non si è fatta attendere la reazione degli attivisti e dei 14 loro avvocati. In una nota accusano il TF di negare l'emergenza climatica e di non riconoscere "il ruolo determinante" di questi giovani nella sensibilizzazione.

Fanno notare che la partitella di tennis ha suscitato molta attenzione nei media e che Credit Suisse, in seguito a questa azione, ha annunciato diverse misure per riorientare i suoi investimenti.

A loro avviso, la decisione del TF equivale a "tollerare una posizione attendista che non tiene conto dell'urgenza di agire ora per conservare una possibilità di raggiungere gli obiettivi fissati dall'accordo di Parigi".

Accusano anche i giudici federali di essere "dalla parte sbagliata della Storia", riferendosi in particolare a recenti sentenze francesi e tedesche che hanno constatato l'inazione degli Stati in materia climatica.

Questa sentenza manda "un pessimo segnale", secondo Laïla Batou, una delle avvocate della difesa, per la quale la Corte losannese ha mancato di "ambizione". Se la giustizia svizzera di primo o secondo grado ha "aperto qualche breccia", i giudici di Mon Repos hanno "richiamato tutti all'ordine", rileva ancora la legale, prima di aggiungere: il TF "si comporta come se l'emergenza climatica non lo concernesse. La sua decisione è a favore dei potenti, le grandi aziende che possono continuare i loro affari a spese dei giovani".

I militanti di Lausanne Action Climat non intendono fermarsi qui e annunciano che porteranno il caso davanti alla Corte europea dei diritti dell'uomo (CEDU) a Strasburgo, dove sperano di far valere i loro "diritti fondamentali", in particolare la libertà di espressione e di riunione.

Ministero pubblico soddisfatto

Il Ministero pubblico vodese accoglie con favore la decisione del TF. "Gli atti commessi erano davvero illeciti e dovevano essere puniti", secondo il procuratore generale Eric Cottier. "Constato con soddisfazione che la nozione di pericolo imminente iscritta all'articolo 17 del Codice penale ha ricevuto dalla Corte suprema del Paese un'interpretazione conforme con la giurisprudenza sviluppata da questa autorità finora", aggiunge Cottier, contattato dall'agenzia Keystone-ATS.

Il procuratore spiega inoltre che l'autorità giudiziaria "si baserà su questa giurisprudenza" di fronte al "numero crescente di casi in cui vengono commessi atti illeciti con il presunto scopo di allertare l'opinione pubblica".

Accolto un punto del ricorso

Va comunque sottolineato che il tribunale ha accolto un aspetto secondario del ricorso: dieci attivisti erano stati condannati anche per aver impedito di compiere un atto ufficiale perché non avevano obbedito all'ordine di evacuazione emesso della polizia. Queste condanne sono state ribaltate per motivi procedurali.

Il caso sarà pertanto rinviato al Tribunale cantonale, che dovrà riesaminare la questione e stabilire nuove sentenze. I giudici avevano inflitto a dieci attivisti - in gran parte studenti - pene pecuniarie sospese pari a 20 aliquote giornaliere da 20 franchi, mentre agli altri due - usciti dalla banca prima dell'evacuazione da parte della polizia - 10 aliquote giornaliere da 20 franchi con la condizionale. Tutti avevano poi ricevuto multe comprese tra i 100 e 150 franchi e l'assunzione dei costi procedurali.

La decisione del tribunale era molto attesa. Dopo il processo a questi 12 attivisti, il primo del genere in Svizzera, diversi altri casi sono stati portati davanti ai tribunali del Paese. Non esisteva finora una giurisprudenza del TF sulla questione della disobbedienza civile nella lotta contro il surriscaldamento globale.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved