vittime-del-nazismo-si-pensa-a-un-memoriale-in-svizzera
(Keystone)
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
4 ore

71 pecore precipitate nell’Oberland grigionese, sospetto lupo

Gli ovini sono caduti da una parete rocciosa alta dieci metri, 24 sono morti e 19 hanno dovuto essere abbattuti. Si pensa all’attacco di un predatore
Svizzera
5 ore

Aumenta il consumo degli oppioidi in Svizzera

Uno studio del Politecnico di Zurigo evidenzia come la vendita è cresciuta del 91 per cento, così come sono triplicate le chiamate a Tox Info
Svizzera
7 ore

Google inaugura una terza sede a Zurigo

La terza filiale si trova a pochi passi dalla stazione centrale, nella Europaallee. Il gruppo tecnologico americano impiega circa 5’000 persone in città
Svizzera
8 ore

Panne a Skyguide, le risposte attese per fine estate

Presentato il primo rapporto intermedio relativo al malfunzionamento che il 15 giugno aveva portato alla chiusura dello spazio aereo svizzero
Svizzera
8 ore

Riforma Avs, Berset difende la pensione a 65 anni per le donne

La riforma, secondo il consigliere federale, permetterebbe di stabilizzare le finanze dell’Avs per dieci anni e garantire l’attuale livello di rendite
Svizzera
8 ore

Il Kunsthaus fa luce sulle opere d’arte rubate dai nazisti

Il neopresidente della società che gestisce il museo vuole indagini sulla Collezione Bührle. Fra i dipinti un’opera proveniente dalle isole di Brissago
Svizzera
9 ore

Credit Suisse condannata a pagare una multa di due milioni

L’istituto bancario è stato condannato dal Tribunale penale federale di Bellinzona nell’ambito del processo sul riciclaggio di denaro della mafia bulgara
Svizzera
9 ore

Appello delle Ong: svolta energetica fattibile entro il 2035

Secondo le organizzazioni ambientaliste, l’espansione della produzione di energia solare potrebbe coprire la crescente domanda di elettricità
27.05.2021 - 17:12

Vittime del nazismo, si pensa a un memoriale in Svizzera

Un progetto verrà elaborato insieme ai Cantoni, come spiegato dal Consiglio federale che raccomanda l'adozione di due mozioni parlamentari in tal senso

Ats, a cura de laRegione

Anche la Svizzera potrebbe avere il proprio memoriale per le vittime del nazionalsocialismo al fine di aumentare la consapevolezza dell'importanza della democrazia e dello Stato di diritto, soprattutto tra i giovani.

Un progetto in tal senso verrà elaborato assieme ai Cantoni, ha spiegato oggi il Consiglio federale che raccomanda al parlamento di adottare due mozioni identiche sul tema inoltrate da Alfred Heer (UDC/ZH) e Daniel Jositsch (PS/ZH).

Anche il governo, si legge nella risposta pubblicata oggi alle mozioni dei sue parlamentari, è consapevole dell'importanza di sensibilizzare la popolazione alle drammatiche conseguenze del nazionalsocialismo, in particolare dell'Olocausto e del tragico destino di tutte le sue vittime, di cui intende mantenere viva la memoria. Ciò vale in particolare per le giovani generazioni.

Pertanto è favorevole alla creazione di "un memoriale svizzero". Il Dipartimento federale degli affari esteri, in collaborazione con gli altri dipartimenti interessati - in particolare quello dell'economia, della formazione e della ricerca e dell'interno - e con la partecipazione dei Cantoni coinvolti presenterà al Consiglio federale alcune opzioni per la realizzazione di un simile memoriale in Svizzera, proponendo anche forme di comunicazione adeguate.

Il 25 maggio scorso, in una petizione indirizzata al Consiglio federale, circa 150 personalità, tra cui l'ex consigliera federale socialista Ruth Dreifuss - prima persona di religione ebraica eletta in governo - e circa 30 organizzazioni, avevano chiesto l'erezione di un memoriale per le vittime, tra cui centinaia di svizzeri, del nazionalsocialismo.

La creazione artistica, sostenuta dall'Amitié judéo-chrétienne en Suisse, dall'Organizzazione degli Svizzeri all'estero, dalla Federazione svizzera delle comunità israelite, dal Centro per gli studi ebraici dell'Università di Basilea e dall'Archivio per la storia contemporanea del Politecnico federale di Zurigo, vuole onorare le vittime del nazismo, ma anche coloro che si adoperarono per aiutare i perseguitati e che per questo ebbero problemi con la giustizia.

Tra le vittime del nazismo perite nei campi di concentramento si contano anche numerose persone, specie donne, che per matrimonio persero la nazionalità svizzera. Di recente, la casa editrice NZZ Libro ha dato alle stampe il volume, dal titolo emblematico, "Die Schweizer KZ-Häftlinge. Vergessene Opfer des Dritten Reichs", in cui si fa stato di centinaia di persone - donne, uomini, bambini, ebrei, socialisti, omosessuali, testimoni di Geova, membri della resistenza od esponenti della minoranze etniche romanì come i Sinti e i Roma - rinchiuse nei campi di concentramento. Il sostegno da parte delle autorità elvetiche dell'epoca fu sovente timido, se non assente.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
consiglio federale memoriale nazismo svizzera
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved