violenza-carnale-da-piu-parti-richieste-di-revisione
Partecipanti a una manifestazione a Berna nel 2019 (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
1 ora

Venti locomotive ‘targate’ Siemens per Ffs Cargo

Grazie alla loro dotazione, la capacità di trazione sarà aumentata, consentendo ai convogli di attraversare le Alpi senza motrici d’appoggio
Svizzera
4 ore

Ministro della salute italiano Speranza a colloquio con Berset

Al centro dell’incontro la pandemia di Covid, la distribuzione di vaccini ad altri Paesi e le sfide future per i rispettivi sistemi sanitari
Svizzera
4 ore

Da oggi, in 8’159 in rango e sull’attenti

Al via la scuola reclute estiva del 2022, che durerà fino al 4 novembre (18 settimane). Servizio in ferma continua per 1’532 militi
Svizzera
4 ore

Sospettato arrestato in Francia per un omicidio a Lucerna

Il corpo di un uomo era stato scoperto lo scorso 27 giugno in un’abitazione del quartiere di Reussbühl
Svizzera
4 ore

Scontro tra centauri sul passo del Bernina

Ad avere la peggio è stato un 50enne, trasportato all’ospedale di Coira in elicottero. Ferito anche un 29enne
Svizzera
4 ore

Prezzi degli immobili (per ora) immuni all’inflazione

Al momento attuale i tassi non sembrano avere particolari impatti sul costo per l’acquisto di un immobile. Piuttosto stabili anche gli affitti
Svizzera
5 ore

Metà delle economie domestiche svizzere è indebitata

Leasing dell’auto e bollette non pagate (un nucleo familiare su sei ne è stato confrontato) in cima alla classifica delle tipologie
Svizzera
5 ore

Detenuto rinvenuto morto nel carcere di Liestal

Dai primi accertamenti non dovrebbe esserci stato coinvolgimento di terzi. L’uomo, 30enne, era sospettato di omicidio
10.05.2021 - 12:20
Aggiornamento: 19:37
Ats, a cura de laRegione

Violenza carnale, da più parti richieste di revisione

11'710 sottoscrizioni all'appello per ridefinire la violenza carnale nel codice penale affinché si consideri violenza qualsiasi atto sessuale senza consenso

 

Il disegno della revisione della legge penale in materia sessuale trova un consenso solo relativo fra i protagonisti della politica. Viene in particolare chiesto da più parti un ampliamento del concetto di violenza carnale, con l'introduzione del principio "Solo sì vuol dire sì".

Ad oggi la violenza carnale è solo la penetrazione non voluta e commessa con violenza o minacce. La revisione punisce anche gli atti senza violenza, ma in presenza di un esplicito "no" della vittima.

Sul tema sono particolarmente agguerrite le Donne socialiste, che vogliono una ridefinizione che includa il principio "solo se sì", ovvero: qualsiasi atto sessuale senza consenso è una violenza. In seguito ad un loro appello, 11'710 persone hanno preso posizione sul tema.

Il principio di coercizione - ancora presente nel nuovo testo - non va giù alla fazione femminile dei socialisti, secondo cui alla vittima viene così trasmesso il messaggio che avrebbe potuto evitare l'aggressione. Il concetto di "no significa no" dovrebbe quindi essere modificato in "solo se sì", che metta una volta per tutte in chiaro che si può compiere un atto sessuale solo se tutte le persone coinvolte lo vogliono.

Simile la posizione di Verdi e Verdi liberali. Questi ultimi sottolineano anche l'importanza di un facile accesso a polizia e autorità giudiziarie da parte delle vittime, che spesso hanno paura di non essere prese sul serio.

Dal canto suo l'Alleanza del Centro ha sottolineato l'importanza del fatto che il comportamento della vittima non sia una variabile per il tipo di condanna dell'aggressore.

Non invertire onere prova

Più a destra sullo scacchiere politico, anche l'UDC approva diversi punti della nuova versione della legge: sottolinea ad esempio il fatto che troppo spesso fatti gravi vengono puniti in maniera troppo leggera.

Tuttavia, affermano i democentristi, alcune parti del testo devono essere drasticamente riviste. Non bisogna ad esempio arrivare ad un rovesciamento dell'onere della prova, con un annientamento della presunzione d'innocenza. Importante è anche tener conto del problema delle false accuse.

Il punto di vista delle vittime

Secondo Amnesty International e un'organizzazione di vittime di violenza, l'attuale definizione di "stupro" porta diverse vittime a non denunciare. Fino al 70% delle vittime durante l'aggressione è paralizzata a causa dello shock, e questo rende di fatto impossibile difendersi.

L'organizzazione sostiene che anche con la revisione si rimane nel concetto di coercizione e difesa da parte della vittima, un approccio che non tiene conto delle conoscenze scientifiche sul tema ed è contrario alla convenzione di Istanbul, che si occupa della prevenzione e della lotta contro la violenza nei confronti delle donne.

 

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
solo se sì violenza carnale
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved