discriminata-in-patria-trans-straniera-puo-rimanere
(Depositphotos)
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
16 ore

Tunnel del Gottardo riaperto, due feriti gravi nell’incidente

Un’auto ha invaso la corsia opposta schiantandosi contro un camion, una delle cui ruote si è staccata colpendo un’altra vettura
Svizzera
17 ore

Il duello fratricida Maillard/Nordmann potrebbe non esserci

Candidatura al Consiglio degli Stati, fra i due socialisti vodesi sarebbe stato trovato un accordo. La ‘soluzione’ verrà presentata sabato ai delegati
Svizzera
18 ore

Comm. Ambiente degli Stati: neutralità climatica entro il 2050

La Commissione raccomanda al plenum di approvare il controprogetto indiretto all’iniziativa ‘Per un clima sano (Iniziativa per i ghiacciai)’
Svizzera
18 ore

Moderna fa domanda di estensione per il vaccino contro Omicron

Il vaccino ambivalente contiene mRNA messaggero sia per la proteina spike del ceppo di Wuhan sia per quella delle varianti Omicron
Svizzera
18 ore

Zurigo, studenti alla guida dei tram: rabbia del sindacato

La Vpod: ‘Flessibilità promessa ai giovani ma non ai lavoratori fissi’. L‘azienda: ‘Lo facciamo per sgravare i dipendenti’
Svizzera
19 ore

Lupo, Comm. Ambiente agli Stati è per l’abbattimento preventivo

Le popolazioni di lupi dovranno essere regolate per evitare danni o pericoli futuri. Lo sostiene il progetto approvato per 9 voti a 2
Svizzera
19 ore

Il coltellino svizzero celebra i suoi 125 anni

Il ‘coltello da ufficiale svizzero e sportivo’ è stato registrato da Karl Elsener, svittese fondatore di Victorinox, il 12 giugno del 1897
Svizzera
21 ore

Mussolini dottore honoris causa all’Unil: errore, ma no a revoca

L‘università di Losanna fa ammenda per il titolo concesso al Duce nel 1937, ma invece della revoca propone misure per una ‘politica basata sulla memoria’
Svizzera
22 ore

Processo FIFA: Jérôme Valcke condannato, Al-Khelaifi assolto

Nell’appello per la vicenda dei diritti tv, undici mesi sospesi all’ex segretario generale per falsità in documenti e ripetuta corruzione passiva
Svizzera
22 ore

Furti di cellulari: Ticino poco colpito, Ginevra invece in testa

I ladri agiscono principalmente in luglio e agosto e durante il weekend, lo evidenzia l’assicurazione Axa
Svizzera
23 ore

Falso poliziotto nei Grigioni: truffa da 65mila franchi

L’uomo è riuscito a farsi consegnare i soldi da una 76enne contattata per telefono. La somma sarebbe servita a evitare l’arresto (inventato) della figlia
Svizzera
1 gior

Libera circolazione, è scontro sui controlli

Critiche su controlli a condizioni di lavoro e salari da parte della vigilanza federale. Le associazioni sindacali e i padronati non ci stanno
Svizzera
1 gior

Oltre 600 condannati scontano la pena in strutture private

Nel marzo di quest’anno, sul totale di 6’945 persone condannate alla privazione della libertà, 633 erano in un istituto non penitenziario
Svizzera
1 gior

L’agricoltura svizzera verso un futuro sostenibile

Secondo il Consiglio federale, la Svizzera deve orientarsi verso alimenti più sani e ridurre gli sprechi
Svizzera
1 gior

Crescono le nascite in Svizzera, sempre di più le mamme over 30

Nel 2021 sono nati 89’600 bambini, il 3,4% in più rispetto all’anno precedente. Tre bambini su dieci sono figli di genitori non uniti in matrimonio
Svizzera
1 gior

Il divario salariale uomini-donne è sceso (di poco) nel 2021

Gli stipendi delle donne sono aumentati sia per il lavoro a tempo pieno che per quello parziale, mentre in alcuni casi sono calati quelli degli uomini
Svizzera
1 gior

Travail.Suisse: ‘Sostenere maggiormente chi ha redditi bassi’

L’organizzazione sindacale propone un piano di 18 misure per rafforzare il potere d’acquisto
Svizzera
1 gior

In Svizzera, le località top sono Zurigo e Ginevra

La città sulla Limmat si piazza al terzo posto fra quelle con la migliore qualità, quella sul Lemano al sesto. Davanti a tutti Vienna
Svizzera
2 gior

Personale di Swissport disdice il contratto collettivo di crisi

I sindacati: ‘È giunto il momento di tornare alle condizioni di lavoro abituali’. La società non avrebbe però intenzione di soddisfare le richieste
MIGRANTI LGBTQ+
laR
 
06.05.2021 - 12:00
Aggiornamento : 18:22

Discriminata in patria: trans straniera può rimanere

Il Tribunale amministrativo federale riconosce il caso di rigore a una cittadina delle Mauritius per motivi di genere. Sentenza storica per il diritto d'asilo

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Una persona transgender delle isole Mauritius potrà restare in Svizzera, perché il suo Paese d’origine la discriminerebbe e perché non le sarebbero garantite le cure che sta seguendo per il cambio di sesso. Lo stabilisce una sentenza del tribunale amministrativo federale (Taf), ribaltando la decisione negativa della Segreteria di Stato della migrazione (Sem). Un caso destinato a costituire un importante precedente.

La donna aveva sottoscritto un’unione domestica registrata nel 2014 – quando era ancora socialmente un uomo – e aveva ottenuto un regolare permesso di soggiorno nel canton Vaud. Nel 2016 ha iniziato il percorso di riassegnazione di sesso (quello che con espressione più immediatamente comprensibile, ma ritenuta erronea da esperti e comunità Lgbtq è noto come ‘cambio di sesso’). Il compagno, inizialmente d’accordo con la scelta, ha poi avuto crescenti difficoltà nell’accettare la transizione. La coppia si è dunque separata e l’unione è stata sciolta nel 2017. Nel frattempo – anche a causa dei molti interventi chirurgici subiti – la ricorrente ha perso il suo lavoro nel settore sanitario, finendo in assistenza. Secondo la Sem il quadro complessivo avrebbe giustificato un respingimento alle Mauritius: non è stata sposata per oltre tre anni e la situazione laggiù non sarebbe poi così grave per i diritti di genere.

Caso di rigore

Di tutt’altro avviso il Taf, come d’altronde l’Ufficio controllo abitanti del Cantone di domicilio: la donna rischierebbe di essere abbandonata a metà delle terapie per la riassegnazione di sesso, di essere perseguitata dalla società e discriminata dalla famiglia. Peraltro “non è nemmeno certo che possa rimpatriare, dato che la sua identità e il suo aspetto non corrispondono più ai connotati iscritti nel passaporto”, si legge in un comunicato. Inoltre, pur essendo in assistenza, la trans si sta impegnando in “diverse formazioni e misure d’integrazione, tra cui un programma di reinserimento che potrebbe sfociare in un contratto di lavoro di alcuni mesi”. Il suo sarebbe dunque un caso di rigore, uno di quelli per i quali la Legge sugli stranieri prevede la possibilità di rilasciare un permesso per evitare una situazione di estrema gravità. Se poi la ricorrente dovesse continuare a dipendere dall’assistenza la sua pratica potrà essere riesaminata periodicamente, mentre la Sem può ancora impugnare la sentenza presso il Tribunale federale.

Mancano le terapie

Nella sentenza, il Taf sottolinea come nell’arcipelago al largo del Madagascar manchino spesso medicinali e servizi terapeutici per la riassegnazione, un iter lungo e molto pesante per chi decide di sottoporvisi: “Senza trattamento ormonale e senza la possibilità di ricorso puntuale a visite psichiatriche”, la donna “sprofonderebbe di nuovo in una grave disforia di genere”, ovvero un conflitto tra corpo e identità di genere. Il Paese, ricorda il tribunale sulla scorta dei dossier ufficiali e di quelli dell’Ong Avocats sans frontières, non riconosce la riassegnazione: la trans dunque “non sarebbe considerata donna e sarebbe obbligata a vivere ufficialmente come uomo in corpo di donna”.

’Ampliare il diritto d’asilo’

La notizia raccoglie entusiasmo anche in Ticino. Dal punto di vista dei diritti umani, la sentenza va infatti ben oltre il singolo caso: «Si tratta di un importante segnale d’apertura che contribuisce a ripensare e ampliare il diritto d’asilo», commenta Gabriela Giuria Tasville, direttrice della Fondazione Azione Posti Liberi, che con la sua rete giuridica opera a favore dei richiedenti asilo: «Questo diritto si basa infatti ancora sui principi stabiliti dalla Convenzione di Ginevra nel 1951, e quindi tende a riconoscere la difesa di chi proviene da situazioni di conflitto e persecuzione politica, ma è meno aperto alla protezione contro le discriminazioni di genere». Oltre ad ampliare il compasso dei casi di rigore, la sentenza «rimette in discussione certe decisioni della Sem, che ad esempio, a chi sarebbe perseguitato nel suo villaggio d’origine perché gay, dice di rientrare lo stesso e stabilirsi semmai in una città più grande». Per Giuria d’altronde «quella appena giunta è una buona notizia non solo per gli stranieri, perché testimonia di un cambio di mentalità del quale beneficia l’intera comunità Lgbtq». Tornando ai richiedenti asilo, «l’auspicio è che oltre a questa si arrivino a riconoscere anche altre potenziali vulnerabilità che giustificano la permanenza in Svizzera, per esempio nei casi di migranti costretti a lasciare il loro Paese per le conseguenze del cambiamento climatico».

Saluta con favore la decisione del Taf anche Eleonora Rubrichi, militante dell’associazione Imbarco immediato: «Senz’altro assistiamo a un passo avanti importante nella comprensione delle discriminazioni subite in certe realtà dalle persone transgender». La sfida è doppia, «perché da una parte ci sono comunità straniere culturalmente più ostili della nostra, che negli ultimi anni ha conosciuto un importantissimo cambio di mentalità; ma anche perché perfino tra gli svizzeri a volte i migranti e le migranti transgender devono scontare un doppio stigma: quello di genere – magari con lo stereotipo della prostituta in calze a rete e tacchi a spillo – e quello legato al fatto di essere stranieri. Un problema dovuto anche all’irresponsabilità di certi media, che quando viene commesso un reato spesso enfatizzano allo stesso tempo le origini straniere e l’essere trans del presunto colpevole, sebbene si tratti di informazioni del tutto irrilevanti». Per Rubrichi gli sforzi di tutti dovrebbero andare in direzione contraria, «affinché una persona possa essere riconosciuta come donna, come individuo, e non sempre e anzitutto come trans e come straniera».

PERSONE NON-BINARIE

Argovia: possibile
non dichiarare il genere

Intanto è dalla Svizzera tedesca che giunge una sentenza in favore delle persone non-binarie, quelle cioè la cui identità di genere non si adegua strettamente alla dicotomia maschile/femminile. La decisione riguarda un cittadino rientrato dalla Germania, Paese nel quale aveva chiesto e ottenuto di sopprimere la registrazione del genere allo stato civile. Lo stesso diritto – quello di non dichiararsi né maschio né femmina di fronte allo Stato – era stato da lui rivendicato al rientro in Argovia, ma il dipartimento competente aveva rifiutato la richiesta per ragioni di “ordine pubblico”. Ricorrendo al Tribunale cantonale, la persona ha contestato il labile legame tra il dirsi uomo o donna e l’ordine pubblico e ha difeso come prioritario il rispetto della vita privata e il divieto di discriminazione, entrambi protetti dalla Convenzione europea dei diritti dell’uomo. Il tribunale le ha dato ragione.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
diritti umani gay lgbtq migranti tribunale federale
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved