accordo-quadro-differenze-da-importanti-a-fondamentali
Keystone
Cassis (sin.) e Parmelin
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
31 min

Terza panne nel sistema dei certificati Covid in un mese

Lo comunica l’Ufficio federale informatica e telecomunicazioni (UfiT). Non è possibile emettere nuovi certificati, ma si possono verificare quelli emessi
Svizzera
1 ora

In Svizzera balzo dei casi settimanali, stabili i decessi

Il numero dei contagi da una settimana all’altra è aumentato di oltre un terzo. Calo dei pazienti Covid in cure intense, stagnanti i decessi
Svizzera
2 ore

Smartphone, si spende di più per tenerlo più a lungo

L’iPhone rimane l’apparecchio più impiegato in Svizzera, anche sul mercato dell’usato davanti a quelli di Samsung, poi Huawei.
Svizzera
18 ore

Anche quest’anno conti in profondo rosso per la Confederazione

La pandemia si fa ancora sentire. Il Consiglio federale si aspetta un deficit di 14,8 miliardi, 800 milioni in meno di quello record del 2020
Svizzera
18 ore

Bici sul treno, le Ffs mantengono l’obbligo di prenotazione

Il sistema presenta però delle lacune e dev’essere migliorato. Dal prossimo anno 400 posti aggiuntivi sui convogli a lunga percorrenza
Svizzera
20 ore

Dal primo gennaio 2022 sarà più facile cambiare sesso

Le persone transgender e intersessuali potranno far iscrivere più facilmente nel registro di stato civile il cambiamento senza passare da un giudice
Svizzera
20 ore

Un piano per tappezzare i ripari fonici di pannelli solari

Il Consiglio federale risponde al postulato di Bruno Storni (Ps). Lungo autostrade e linee ferroviarie il potenziale è ridotto, ma non trascurabile
Svizzera
20 ore

Covid, il Consiglio federale vuole prorogare gli aiuti al 2022

Il governo chiede al parlamento altri 915 milioni di franchi per far fronte agli effetti della pandemia. Il certificato non è interessato dalla proroga
Svizzera
21 ore

Con l’Italia ancora nodi da sciogliere a livello finanziario

Il Consiglio federale ha risposto a un postulato di Marco Romano. Fra le questioni aperte la lista nera del 1999 e la Convenzione sulle doppie imposizioni
Svizzera
26.04.2021 - 21:540

Accordo quadro, differenze da ‘importanti’ a ‘fondamentali’

Guy Parmelin e Ignazio Cassis hanno riferito alle commissioni parlamentari di politica estera. Il Consiglio federale vede la palla nel campo dell’Ue.

Restano differenze «fondamentali» tra la Svizzera e l'Ue sull’accordo istituzionale e il Consiglio federale lo firmerà soltanto se verranno trovate soluzioni sui tre punti aperti: protezione dei salari, direttiva sulla cittadinanza europea e aiuti di Stato. Lo ha dichiarato stasera a Palazzo federale Guy Parmelin (Udc). Il presidente della Confederazione e il ministro degli esteri Ignazio Cassis (Plr) hanno presentato oggi alle commissioni della politica estera (Cpe) del Parlamento i risultati dell’incontro svoltosi venerdì a Bruxelles tra Parmelin e la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen. Entrambe le commissioni hanno chiesto al Consiglio federale di non interrompere le discussioni.

La Svizzera ha fatto importanti compromessi, ha affermato il ministro dell'economia. È necessario un risultato equilibrato perché l'accordo sia accettato, ha aggiunto. Parmelin ha spiegato che la Svizzera non ha preteso - come invece sostenuto dall'Ue - la completa esclusione dall’accordo dei tre punti sui quali il Consiglio federale aveva a suo tempo chiesto chiarimenti: 

Finora l'Ue non è stata disposta a fare eccezioni e le controproposte non sono sufficienti, ha detto da parte sua Ignazio Cassis. La Svizzera ha fatto concessioni sulla ripresa del diritto europeo, il ruolo della Corte di giustizia europea (Cgue) nella risoluzione dei conflitti e la clausola ghigliottina. La Svizzera vuole garanzie giuridiche sui punti riguardanti gli interessi importanti della Svizzera nei tre ambiti in questione. Questi punti (sette) dovrebbero essere a suo avviso "immunizzati" dalla ripresa dinamica del diritto europeo e dalla giurisdizione della Cgue. 

Interpretazioni divergenti

Il ticinese ha spiegato che la Svizzera intende la libera circolazione delle persone come la libera circolazione dei lavoratori e delle loro famiglie, mentre per l'Ue significa la libera circolazione di tutti i cittadini dell'Ue. Seconda differenza: la «diversa interpretazione delle misure del diritto del lavoro». Senza concessioni da parte europea su questi due punti, un accordo quadro istituzionale non sarebbe in grado di ottenere il sostegno di una maggioranza, ha sottolineato il ministro degli esteri.

Cassis ha poi negato che la Svizzera non abbia avanzato soluzioni concrete, come sostenuto dalla Commissione europea. "Abbiamo presentato proposte concrete all'Ue", ha affermato. Il Consiglio federale consulterà a breve i Cantoni, poi (forse già in occasione della seduta settimanale di mercoledì) farà una valutazione complessiva.

La maggioranza delle commissioni della politica estera del Parlamento vuole che i colloqui con l'Ue continuino a livello politico e tecnico. L’interruzione delle trattative è stata chiaramente respinta in entrambe le commissioni. Ma è ancora un'opzione, ha detto stasera a Palazzo federale il presidente della Cpe del Consiglio degli Stati Damian Müller (Plr/Lu). «Anche gli europei devono muoversi», ha aggiunto. Dello stesso parere il ‘senatore’ Christian Levrat (Ps/Fr), secondo il quale la palla è ora chiaramente nel campo dell'Ue.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved