Zugo Academy
GCK Lions
19:00
 
giura-o-berna-moutier-sceglie-ancora-dove-stare
Keystone
Profonda divisione tra separatisti e partigiani dello statu quo
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
1 ora

Una settimana fa 7’516 positivi in meno in Svizzera

Nelle ultime 24 ore, si sono registrati 36’658 nuovi casi di coronavirus, 12 decessi e 121 ricoverati in ospedale
Svizzera
3 ore

‘Allentamenti? Troppo presto, possibili 100’000 casi al giorno’

La task force Covid-19 mette in guardia dall’eccesso di ottimismo e dalla revoca troppo affrettata delle misure di protezione
Svizzera
3 ore

Una persona su due in Svizzera vive o conosce relazioni tossiche

Lo rivela un sondaggio rappresentativo di Parship.ch. Un terzo delle donne e un quarto degli uomini intervistati ha vissuto relazioni di questo tipo
Svizzera
7 ore

Le associazioni economiche reclamano la fine delle restrizioni

I rappresentanti di vari settori economici, dal fitness alla ristorazione, chiedono un ‘Freedom day’ che segni la fine delle misure anti-Covid
Svizzera
8 ore

Al via il processo all’ex Ceo di Raiffeisen Pierin Vincenz

L’ex numero 1 della banca accusato di truffa per mestiere, appropriazione indebita, falsità in documenti, amministrazione infedele e corruzione passiva
Svizzera
10 ore

La Svizzera perde posizioni nella lotta alla corruzione

La Confederazione passa dal terzo al settimo posto nell’ultima classifica di Transparency International sulla corruzione nel settore pubblico per il 2021
Svizzera
1 gior

Incidente mortale nel comprensorio di Zermatt

La vittima è un 46enne sciatore spagnolo. L’incidente si è verificato sul pendio a nord del Gornergrat, tra Hohtälli e Riffelberg
Svizzera
1 gior

In Svizzera in calo i letti Covid in cure intense

Nelle ultime 72 ore segnalati 35 nuovi decessi e 247 ulteriori pazienti Covid
Svizzera
1 gior

Sgombero collina Mormont, solo pene pecuniarie per gli attivisti

L’accusa chiedeva la detenzione, i giudici hanno deciso altrimenti: cadono i principali capi d’imputazione, gli ‘zadisti’ se la cavano a buon prezzo
Svizzera
1 gior

Società digitale e inserimento socio-professionale, via a studio

La ricerca è avviata dalla Scuola universitaria professionale di Lavoro sociale di Friborgo
Svizzera
1 gior

I pazienti Long Covid contro Berna: non ci prende sul serio

Dure critiche a Consiglio federale e Ufsp: non quantificano le conseguenze a lungo termine e si concentrano solo sulla fase acuta
Svizzera
1 gior

Ffs, una vulnerabilità ha esposto un milione di dati SwissPass

Il problema, segnalato da uno specialista informatico, è stato immediatamente risolto senza alcun danno per i clienti
Svizzera
1 gior

Epatite E, boom anomalo a inizio 2021: occhi puntati sui maiali

Le infezioni, triplicate a inizio anno e poi tornate su livelli normali, sono state causate da un sottotipo del virus presente negli allevamenti suini
Svizzera
1 gior

Il 2 febbraio suoneranno le sirene per la prova annuale

Alle 13.30 verranno attivate le sirene per l’allarme generale, dalle 14.15 fino alle 15 sarà il turno delle sirene a valle di sbarramenti idrici
Svizzera
1 gior

Ancora basso il tasso di vaccinazioni sotto ai 12 anni

A livello nazionale la quota di bambini fra i 5 e gli 11 anni che hanno ricevuto almeno una dose è del 5,2%, in Ticino è al 2,6
Svizzera
1 gior

Peste suina, sospesa l’importazione di salumi dal Piemonte

La malattia, innocua per l’uomo, sta mietendo vittime fra i maiali domestici e i cinghiali al confine col Ticino. Nessun caso attualmente in Svizzera
Svizzera
1 gior

Aziende svizzere, la sostenibilità una questione di reputazione

Secondo uno studio dell’ufficio di consulenza Deloitte le imprese svizzere si preoccupano dell’ambiente soprattutto perché temono per la loro reputazione
Svizzera
2 gior

Aiuti ai media, delegati di Pvl e Centro contro i presidenti

Alle assemblee online maggioranze piuttosto risicate a favore del pacchetto in votazione il 13 febbraio
Svizzera
2 gior

Horizon Europe, nuovo appello al Consiglio federale

Dal mondo della ricerca e dell’economia una risoluzione urgente all’esecutivo. Le conseguenze dell’esclusione della Svizzera cominciano a farsi sentire
Svizzera
2 gior

Tentativi di suicidio in netto aumento tra i giovani

Con la pandemia e le relative restrizioni imposte dalle autorità, le cifre sono schizzate verso l’alto. Oltre il 50% in più nel 2021
Svizzera
2 gior

SUV: sempre più pesanti, sempre più pericolosi

In caso d’incidente, questi veicoli incrementano il rischio di morte nell’auto più leggera del 50%
la votazione
23.03.2021 - 22:100

Giura o Berna? Moutier sceglie (ancora) dove stare

Si ripete domenica lo scrutinio annullato del 2017. Rafforzati i controlli. L’esito è quantomai incerto.

a cura de laRegione

Centotrentasette. Tanti sono i pochi voti che il 18 giugno 2017 separano i favorevoli al passaggio di Moutier al canton Giura e chi invece vuole che la cittadina – luogo simbolo della ‘Question jurassienne’ (vedi infografia) – rimanga nel canton Berna. A votare va l’88% (!) dei circa 4’500 aventi diritto. Ma la risicata vittoria dei pro-giurassiani non si concretizza. Nel novembre del 2018 la giustizia bernese giudica irregolare lo scrutinio e lo annulla. Domenica si torna alle urne. L’elettorato della cittadina del Giura bernese si esprime per l’ottava volta dal 1959 sulla sua appartenenza cantonale. L’esito è incerto.

Quattro anni fa l’Ufficio federale di giustizia (Ufg) inviò osservatori a Moutier in quella che aveva definito la votazione più sorvegliata della storia svizzera. Non servì a granché. Quasi un anno e mezzo dopo, la prefetta del Giura bernese Stéphanie Niederhauser invalidò la consultazione dopo aver rilevato “problemi di ‘turismo elettorale’, domicili fittizi e gravi mancanze nell’organizzazione” del voto, nonché una “propaganda inammissibile” da parte delle autorità locali. Oggi le misure di controllo sono state rafforzate, in modo da evitare che il verdetto possa essere contestato. Se basteranno, è da vedere. Sta di fatto che mai prima d’ora una votazione comunale si era svolta in Svizzera con regole così severe sotto l’egida e con il sostegno della Confederazione.


Foto Keystone/Infografica laRegione/Fonte: Keystone-Ats

Campagna atipica

‘Volete che il comune di Moutier si unisca alla Repubblica e Cantone del Giura?’ Questa è la domanda posta ai 4’440 elettori aventi diritto, 87 in meno rispetto al 2017. Il voto dovrebbe mettere fine definitivamente alla ‘Question jurassienne’, che si trascina ormai da diversi decenni.

A causa delle restrizioni sanitarie, i movimenti ‘Moutier ville jurassienne’ e ‘MoutierPlus’ hanno condotto una campagna a distanza. In assenza di eventi pubblici, hanno moltiplicato gli interventi sulle reti sociali, sui cartelloni pubblicitari e nelle lettere ai giornali. Sia gli autonomisti che gli anti-separatisti si dicono fiduciosi alla vigilia del voto. Gli argomenti non sono cambiati dal 2017. I due comitati hanno cercato di convincere gli indecisi e soprattutto di sedurre i nuovi elettori: i giovani e i naturalizzati che hanno acquisito il diritto di voto, così come i nuovi arrivati nel comune, in tutto 780 persone.

Il comitato non separatista ‘MoutierPlus’ mette in evidenza i vantaggi per la popolazione di rimanere bernese. Il comitato ha optato per una campagna positiva, sottolineando che Moutier beneficerebbe di maggiori opportunità – fiscali ed economiche – restando nel canton Berna, anziché unendosi al vicino canton Giura. Per ‘Moutier ville jurassienne’, un ‘sì’ il 28 marzo sarebbe invece una scelta del cuore, sinonimo di un futuro migliore e di una pace rinnovata per la popolazione del cantone. Agli occhi dei simpatizzanti autonomisti, un trasferimento al canton Giura permetterebbe alla città di far sentire la sua voce e diventare più attrattiva.

Emissari bernesi nelle case anziani

Il clima politico è un po’ meno ‘elettrico’ di quello del 2017, complice anche la pandemia di coronavirus. Ma nelle ultime settimane gli osservatori hanno registrato un certo aumento della tensione. Non siamo ai livelli della metà degli anni Settanta, quando sulla scia degli scontri tra autonomisti e granatieri bernesi, Moutier era stata paragonata alla martoriata Belfast. Ma oggi per le strade della cittadina di 7'400 abitanti “alcuni cambiano marciapiede per non dover dire buongiorno a quelli del campo avverso”, ha dichiarato a ‘Le Temps’ Marcelle Forster, ex deputata socialista e figura di riferimento degli anti-separatisti. E se quattro anni fa si poteva bere un bicchiere assieme dopo essersi insultati, oggi questo non è più possibile, ha detto un autonomista al quotidiano ginevrino.

Per evitare di essere accusati di gettare benzina sul fuoco, il Consiglio municipale di Moutier (esecutivo) e i governi cantonali giurassiano e bernese hanno dato prova di moderazione. Nessuno vuole fare mosse false. I governi si sono impegnati ad astenersi da qualsiasi campagna proattiva. Le autorità dei due cantoni vogliono chiudere una volta per tutte la questione giurassiana non appena il caso Moutier sarà risolto. Hanno quindi sostenuto la necessità di assicurare che il processo sia condotto in maniera irreprensibile, al fine di evitare ricorsi che prolunghino l’incertezza e riaccendano le tensioni.

La Confederazione ne ha tenuto conto. Sei osservatori federali controlleranno le operazioni di spoglio; dieci collaboratori dell’Ufg verificheranno le carte di legittimazione. La cancelleria bernese e il comune di Moutier controllano sistematicamente il registro elettorale per evitare i domicili fittizi. Un monitoraggio che continuerà fino a quando il risultato non sarà diventato effettivo. Obiettivo: ripristinare la fiducia ed evitare possibili ricorsi in relazione al registro elettorale. Dall’8 marzo gli elettori possono inviare le loro schede elettorali per posta all’Ufg a Berna, oppure depositarle nel contenitore sigillato all’Hôtel de Ville, la sede del municipio. Gli osservatori federali hanno anche consegnato le buste elettorali direttamente ai residenti delle case per anziani.

Dubbi sulla pacificazione

Se il regolare svolgimento del voto dovrebbe essere garantito grazie alle misure messe in atto, le conseguenze del risultato che uscirà dalle urne sollevano alcuni timori. Se dovesse prevalere il ‘no’, i militanti autonomisti potrebbero sentirsi imbrogliati ed esprimere la loro rabbia nelle strade per essere stati ‘scippati’ della vittoria del 2017. I governi dei due cantoni e il comune di Moutier hanno lanciato appelli alla calma e al rispetto. La polizia cantonale bernese ha approntato un robusto dispositivo di sicurezza per assicurare l’ordine in una giornata ‘sensibile’ sia sul piano politico che sotto il profilo sanitario.

C’è chi non crede in una pacificazione attraverso le urne del “comune più diviso” della Svizzera (‘Tages-Anzeiger’). “Ognuna delle otto votazioni sull’appartenenza cantonale svoltesi negli ultimi 40 anni ha generato uno scarso 50% di perdenti frustrati”, ha dichiarato al ‘Tagi’ Orianne Grimm, abitante di Moutier. Dopo l’annullamento del voto del 2017, la 36enne infermiera e altri cittadini riuniti nell’associazione ‘Réconciliation’ (riconciliazione) avevano proposto una ‘terza via’: scindere la città in due comuni, uno appartenente al canton Giura e l’altro al canton Berna. L’associazione riteneva che il solito schema, cioè Moutier come città bernese o Moutier come città giurassiana, non fosse in grado di calmare gli animi. Ma l’idea di un cambiamento di paradigma – non imporre alla metà dei cittadini di Moutier la soluzione dell’altra metà – non ha fatto breccia. Anzi, è stata accolta negativamente da entrambi gli schieramenti. E chi ha osato avanzarla avrebbe ricevuto “una minaccia” da militanti del gruppo separatista Bélier.

Ingrandisci l'immagine
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved