grigioni-col-covid-meno-sciatori-ma-anche-meno-perdite
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
11 ore

Horizon Europe: alcuni Stati vogliono che la Svizzera partecipi

Non si sa di preciso di quali nazioni Ue si tratti, ma Germania, Austria e Pesi Bassi hanno in passato fatto intendere di essere favorevoli
Svizzera
12 ore

Notifiche per le aziende estere, ‘cinque giorni bastano’

L’organizzazione sindacale Travail.Suisse sarebbe disposta ad accettare la riduzione del termine d’annuncio
Svizzera
16 ore

Zurigo, ripescato un cadavere dal lago: indagini in corso

La polizia ha ricevuto ieri mattina la segnalazione di un corpo che galleggiava nella zona del Bellevue e del Quaibrücke
Svizzera
16 ore

Ondata di fallimenti: bancarotte aumentate del 41%

Le aziende più colpite sono quelle attive nel ramo dei servizi. Creditreform ha confrontato il primo semestre di quest’anno con quello del 2021.
Svizzera
18 ore

Governo in vacanza, ma non mancheranno gli incontri ufficiali

Cassis sarà impegnato a New York a inizio agosto, Keller-Sutter si recherà questo mese a Praga. Parmelin sarà in Sudafrica questa settimana.
diplomazia
1 gior

Sette princìpi e una promessa: Ucraina in pace e democratica

La Dichiarazione di Lugano convince i partecipanti e Kiev, ma il premier ucraino esagera e chiede per il suo Paese i soldi congelati degli oligarchi
Svizzera
1 gior

‘L’addio ai Tiger è prematuro’

È il parere della Commissione della politica di sicurezza del Nazionale. Per esprimersi definitivamente, invece, sugli F-35A attende ancora due rapporti
Svizzera
1 gior

Abitazioni di proprietà, prezzi salgono nonostante aumento tassi

La causa è l’offerta estremamente limitata. Aumenti soprattutto nei comuni rurali e nei centri
03.03.2021 - 11:15
Aggiornamento: 19:55

Grigioni, col covid meno sciatori ma anche meno perdite

Per il Cantone il turismo ha ovviamente risentito degli effetti della pandemia: -9% in febbraio. Nonostante ciò la perdita di ricavi ha potuto essere ridotta

Come era nelle previsioni il coronavirus ha portato meno movimento in febbraio sulle piste da sci dei Grigioni: i primi ingressi negli impianti sono diminuiti del 9% rispetto allo stesso mese del 2019, ha indicato l'associazione degli impianti di risalita Bergbahnen Graubünden (BBGR). I ricavi sono pure scesi, ma si sono rivelati più elevati della media pluriennale.

"Date le circostanze, consideriamo il risultato accettabile", affermano i vertici dell'associazione in un comunicato odierno. "Tuttavia c'è mancanza di comprensione e frustrazione per quanto riguarda l'imposizione della chiusura delle terrazze nelle aree sciistiche".

A seconda delle zone, perdite più o meno limitate

Il calo del 9% è da mettere peraltro in relazione con un'annata molto buona: se considerato rispetto alla media degli ultimi cinque o dieci anni la flessione si riduce al 3%. Si osservano anche marcate differenze regionali: nei Grigioni centrali e in Surselva la contrazione nei confronti dell'anno scorso è stata del 3-4%, mentre in Engadina si è attestata al 16%.

Il fatturato del febbraio 2020 è stato del 6% in meno di quello dello stesso mese del 2019, ma del 2% superiore alla media degli ultimi cinque anni e del 4% più elevato della media del decennio. Questo perché sciare diventa sempre più caro: secondo BBGR i dati si spiegano infatti con "l'evoluzione dell'offerta e i relativi adeguamenti dei prezzi, nonché con le strategie di differenziazione dei prezzi".

Estendendo lo sguardo all'intera stagione, sino al 28 febbraio 2021, si ha un calo annuo dell'affluenza pari al 22% - l'equivalente di circa 40 milioni di franchi - che si riduce rispettivamente all'11% e al 13% nel confronto su cinque o dieci anni. A livello di proventi l'arretramento è del 21% (meno 8-9% rispetto alle medie pluriennali).

Per i ristoranti un disastro: incomprensibile la chiusura delle terrazze

BBGR non dispone di cifre precise relative alle perdite per i ristoranti, ma sulla base delle informazioni in suo possesso stima che il calo sia di oltre il 60%. Parecchia incomprensione suscita la chiusura delle terrazze imposta lo scorso fine settimana. "Le aziende non riescono a capire perché non sia stata valutata in modo neutrale una soluzione che era ben attuata da due mesi, che era sostenuta dal cantone dei Grigioni, che teneva conto della situazione epidemiologica e che garantiva la protezione della salute degli appassionati di sport sulla neve".

Bergbahnen Graubünden si chiede se, nel contesto della pandemia, il Consiglio federale sia legittimato a dare maggior peso a ragioni di "politica statale" che a quelle epidemiologiche. Inoltre viene considerato frustrante vedere come l'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) autorizzi mense per i dipendenti e per le scuole di sci al chiuso e allo stesso tempo non permetta l'apertura delle terrazze esterne. "Dove sono la proporzionalità e l'uguaglianza dei diritti?", si chiede l'organizzazione.
 
 

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
bbgr covid grigioni perdite sci terrazze
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved