berset-il-federalismo-va-protetto-e-non-criticato
Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
5 ore

‘In Svizzera le misure di gestione del lupo sono efficaci’

Secondo uno studio l’abbattimento di singoli esemplari ha permesso di ridurre le predazioni. Valutato positivamente anche l’impiego dei cani da pastore.
Svizzera
5 ore

Processo Vincenz: ‘Un Tour de Suisse nei locali a luci rosse’

È iniziata la requisitoria del Ministero pubblico al Tribunale distrettuale di Zurigo, dove da ieri è alla sbarra l’ex Ceo di Raiffeisen
Svizzera
6 ore

Più di 1’100 terremoti registrati lo scorso anno in Svizzera

Il Servizio sismico svizzero (Sed) fornisce cifre leggermente inferiori a quelle degli anni precedenti: ad aumentare, quelli mediamente forti.
Svizzera
9 ore

Lavoro ridotto, prorogate misure e tutela per soggetti al 2G+

Le aziende alle quali le autorità hanno imposto l’obbligo 2G potranno far valere il diritto all’indennità di lavoro ridotto
Svizzera
9 ore

Il Consiglio federale non andrà a Pechino per le Olimpiadi

A causa dell’incerta situazione pandemica, l’Esecutivo ha reso noto oggi di aver deciso di non presenziare ai Giochi olimpici e paralimpici invernali
Svizzera
9 ore

‘Gravi lacune nelle perizie degli esperti dell’Ai’

Inclusion Handicap punta il dito contro istituti ed esperti che non soddisfano requisiti di base per garantire la qualità della valutazione
Svizzera
9 ore

Dall’energia solare 15 volte più elettricità entro il 2050

Swissolar presenta un piano in 11 punti per l’espansione del fotovoltaico. Il presidente Grossen: ‘Occorre costruire di più e più rapidamente’.
Svizzera
10 ore

In Svizzera il balzo dei contagi non spinge sulle cure intense

Resta stabile intorno a un quarto dei posti letto totali, la presenza di pazienti Covid nei reparti per i pazienti più gravi. Segnalati 13 decessi
Svizzera
12 ore

Pene più severe per il traffico di piante e animali protetti

Dal 1° marzo chi commercia illegalmente specie protette a livello internazionale rischierà il carcere fino a 5 anni
Svizzera
1 gior

Non sottovalutare la velocità della slitta, e il casco sempre

È la raccomandazione dell’Ufficio prevenzione infortuni per evitare fratture, ferite o lesioni più gravi
Svizzera
1 gior

Pierin Vincenz non si sente colpevole

L’ex Ceo di Raiffeisen prende la parola nel primo giorno del processo che lo vede imputato per diversi reati. Respinte le richieste di rinvio
24.02.2021 - 10:180
Aggiornamento : 18:46

Berset: ‘Il federalismo va protetto e non criticato’

Il consigliere federale socialista: 'il sistema elvetico è stato regolarmente messo alla prova durante la crisi del coronavirus iniziata un anno fa'

Il federalismo è stato regolarmente messo alla prova durante la crisi del coronavirus iniziata un anno fa. Per il ministro della sanità Alain Berset è uno degli aspetti negativi della pandemia: «La cultura politica svizzera deve essere preservata e non incrinata».

«Cercare di mettere i membri del governo gli uni contro gli altri o cercare di personalizzare le decisioni prese non è svizzero. Non è così che funziona da noi», sottolinea il consigliere federale in un'intervista a Keystone-Ats, affrontando le recenti critiche dei partiti di destra. Plr e Udc non usano infatti mezzi termini contro il ministro socialista.

«La nostra forza è la nostra cultura politica. Sono i governi collegiali», continua Alain Berset. È del resto grazie al lavoro dei Cantoni e della Confederazione che la Svizzera può superare la crisi.

«Nei momenti di forti tensioni, il Consiglio federale è presente. Funziona come un'autorità collegiale», insiste il friburghese. Un esempio recente: i due ministri Udc, Guy Parmelin e Ueli Maurer, sono venuti in aiuto del loro collega durante l'ultima conferenza stampa.

La legge sulle epidemie dovrà essere adattata: non prevede un sostegno finanziario

Tornando sul primo anno di pandemia Berset nota che la Svizzera non era così male preparata. «Avevamo imparato le lezioni dalla Sars nel 2003 e dall'influenza causata dal virus H1N1 nel 2009, e istituito la legge sulle epidemie dal 2012-2013».

«Era la migliore preparazione. Altrimenti, la situazione sarebbe stata molto più difficile», spiega il consigliere federale. Il testo definisce in maniera più precisa la ripartizione dei compiti tra Cantoni e Confederazione.

Ciononostante, la Svizzera non era completamente pronta a una crisi di questa portata. Berset riconosce una certa mancanza di preparazione. «Ma non solo da parte della Confederazione. I Cantoni, gli ospedali, i cittadini: tutti sono stati presi alla sprovvista».

Sono mancati mascherine e respiratori artificiali. «È stato necessario correggere uno a uno i problemi legati alla natura imprevedibile della pandemia». Altri sono ancora in sospeso. Come la digitalizzazione di certi servizi. Il ministro spera che la crisi permetta di fare un salto di qualità in questi ambiti.

Messa alla prova durante la crisi, anche la legge sulle epidemie ha mostrato le sue lacune. «Non prevede un sostegno finanziario», nota Berset. Ma le aziende, che non sono responsabili della situazione, ne hanno bisogno. La legge dovrà quindi probabilmente essere adattata. E un bilancio andrà tracciato alla fine della pandemia.

Corsa salutare

Personalmente, il ministro è stato molto provato. «Ho raggiunto limiti fisici che non avevo mai toccato prima, lavorando sempre. Giorno e notte e anche nei fine settimana. Ci sono stati momenti estremamente difficili». Come il giorno in cui il Consiglio federale ha dovuto chiudere le scuole. «Non lo auguro a nessuno».

La salvezza è venuta dalla corsa. «Ho la fortuna, grazie allo sport, di conoscermi abbastanza bene da sapere come fare a non perdere il passo». Il consigliere federale assicura che ora sta meglio. «Ma sarò molto felice quando tutto questo sarà finito», ha detto.

«Ho imparato molto durante la pandemia», aggiunge. Proprio come il resto del paese. «Se una situazione simile dovesse ripetersi tra 10 o 15 anni, sapremo come reagire».

La Svizzera in ogni caso è sulla buona strada per piegare l'attuale epidemia. «Le prospettive sono buone, soprattutto grazie alla vaccinazione». E per Berset, la speranza è quella di potersi godere in estate una buona birra sulla terrazza di un ristorante.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved