ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
4 min

I cyberattacchi a infrastrutture critiche andranno notificati

Il Consiglio federale intende creare un Centro nazionale per la cybersicurezza come servizio centrale per le segnalazioni di attacchi informatici
Svizzera
52 min

Un seggio in governo spinge più persone alle urne? Non in Ticino

Uno studio smentisce la relazione fra rappresentanza in Consiglio federale di un cantone e aumento di interesse per la politica fra la popolazione
Svizzera
3 ore

‘Qui a Palazzo le persone mi conoscono, ed è questo che conta’

È stato definito ‘principe del lobbismo’, ‘petro-lobbista’, ‘cacciatore di mandati’. Albert Rösti spiega perché non fa nulla di strano, o di male.
Svizzera
17 ore

Una coppia trova una busta con ventimila franchi per strada

I due onesti cittadini hanno rintracciato quindi l’anziano proprietario e gli hanno restituito la busta con l’ingente somma
Svizzera
20 ore

‘Brilla’ un bancomat a Füllinsdorf, malviventi in fuga

Altro botto nella notte in Svizzera. Stavolta è toccato a un impianto di erogazione di contante di Basilea Campagna
Svizzera
20 ore

Sì del Nazionale all’imposta minima delle grandi multinazionali

Restano solo da appianare alcune divergenze relative alla ripartizione tra Confederazione e Cantoni del gettito supplementare
Svizzera
20 ore

‘L’affitto pesa in modo sproporzionato sul reddito’

Grido d’allarme dell’Associazione Svizzera Inquilini. Sommaruga: ‘Per le famiglie a basso reddito raggiunti i limiti della sopportazione’
07.02.2021 - 09:27

Accordo quadro, 'nessuna riapertura dei dossier controversi'

Per l'ambasciatore dell'Ue in Svizzera Petros Mavromichalis, non c'è spazio per negoziati per quanto riguarda la Corte di giustizia Ue

Ats, a cura de laRegione
accordo-quadro-nessuna-riapertura-dei-dossier-controversi
L'ambasciatore dell'Unione europea (Keystone)

La conclusione dei colloqui su un accordo quadro istituzionale tra Berna e Bruxelles è possibile nelle prossime settimane, afferma l'ambasciatore dell'Ue in Svizzera. Non ci sarà però alcuna riapertura dei dossier controversi, dice Petros Mavromichalis in un'intervista pubblicata oggi dal 'SonntagsBlick'.

Il diplomatico è convinto che "con un po' di buona volontà da ambo le parti" una soluzione dovrebbe essere possibile in poco tempo. "Dove c'è spazio per l'interpretazione, daremo volentieri una mano per chiarimenti", spiega. Però "c'è una cosa che non faremo: riaprire i dossier contestati". Le trattative sono finite, sottolinea il 56enne.

Per quanto concerne la Corte di giustizia dell'Unione europea (Cgue), il cui ruolo all'interno dell'accordo quadro è stato molto criticato in Svizzera, non c'è spazio per i negoziati, dichiara il diplomatico. "Per l'Ue, il ruolo della Cgue non è più motivo di discussione. È inconcepibile concedere alla Svizzera un'eccezione nell'interpretazione del diritto dell'Unione. Il principio dell'unità del diritto comunitario nel mercato interno è inviolabile", insiste Mavromichalis. Dopo tutto, l'Ue non sta obbligando nessuno a partecipare al suo mercato interno, aggiunge il cittadino greco.

Per quanto riguarda la protezione dei salari, Bruxelles è disposta a "offrire garanzie". Ma non tornerà su punti come la regola degli otto giorni, dove i compromessi sono già stati trovati, dice. "Accettiamo un periodo di notifica anticipata di quattro giorni per le aziende dell'Ue".

Il fallimento? Sarebbe una "grande delusione"

Un fallimento dell'accordo quadro istituzionale sarebbe una "grande delusione" per Mavromichalis. L'Ue e la Svizzera rimarrebbero nella situazione attuale. Non ci saranno nuovi accordi di accesso al mercato e quelli esistenti non saranno aggiornati, dice l'ambasciatore dell'Ue.

Nel 2018, il Consiglio federale ha negoziato un accordo quadro con l'Ue per regolare l'adozione del nuovo diritto comunitario e la gestione delle controversie. Oggi, le relazioni tra Berna e Bruxelles sono regolate da una ventina di accordi bilaterali fondamentali e più di 100 altri trattati. Il Consiglio federale non ha finora firmato l'accordo a causa dei punti controversi e delle resistenze in parlamento.

Colloqui di chiarificazione sono iniziati proprio questa settimana a Bruxelles. Le discussioni concernono tre punti particolarmente contestati in Svizzera: le misure di accompagnamento, la cittadinanza europea e gli aiuti di Stato.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved