nevicata-record-oltralpe-causa-assembramenti-e-disagi
Keystone
+3
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
28 min

Lotta alla siccità: mano tesa agli argicoltori vodesi

Il Governo locale vara una decina di provvedimenti eccezionali e urgenti. Che avranno la durata di un anno
Svizzera
35 min

Auto finisce nell’Aare. Ma degli occupanti nessuna traccia

La vettura è stata rinvenuta, dopo una segnalazione di incidente, attorno alla mezzanotte a Bannwil. Recuperata con un’autogrù
Svizzera
57 min

Il Consiglio federale sbarca su Instagram

Da ottobre il Governo avrà un account tutto suo. Obiettivo: ammiccare ai giovani tra i 16 e i 35 anni
Svizzera
4 ore

Minacce a Dick Marty, ‘bruciato’ un informatore

Grave errore di procedura dell’Ufficio federale di polizia nella gestione della vicenda concernente l’ex magistrato e consigliere agli Stati
Svizzera
5 ore

Riforma Ocse: applicazione iniqua per il Ps

Necessario livellare la ripartizione fra Cantoni. Wermuth: ‘Deve adempiere il suo obiettivo iniziale: non incoraggiare la concorrenza’
Svizzera
6 ore

Abbattuto il lupo problematico del canton Glarona

L’animale si era reso protagonista degli attacchi a 13 pecore e 2 capre nella regione della Krauchtal, del Kerenzerberg e della Mürtschental
Svizzera
7 ore

Incidente ferroviario a Wanzwil, perturbazioni fino alle 10.30

A causa dei danni subiti nell’impatto con il capriolo, il convoglio è stato evacuato. Treni da e per Olten deviati via Burgdrof
Svizzera
7 ore

‘Segnale positivo in favore della piazza finanziaria’

In vista delle votazioni federali del 25 settembre, Ueli Maurer lancia la campagna e difende la riforma dell’imposta preventiva
Svizzera
8 ore

Treno urta un capriolo: grossi disagi sulla linea Berna-Olten

La collisione è avvenuta stamane alle 7.25 nei pressi di Wanzwil (Be). Danneggiato il sistema di aerazione
Svizzera
1 gior

Caduta fatale per un’alpinista sul Pilatus

Una donna di 36 anni è morta dopo esser precipitata per centinaia di metri nel settore di Gsäss
Svizzera
1 gior

Gli imprenditori: non ci sarà un aumento astronomico dei salari

Il presidente dell‘Unione svizzera degli imprenditori (USI) Valentin Vogt ritiene irrealistiche le richieste dei sindacati: ’gettano fumo negli occhi’
Svizzera
1 gior

Paura di un inverno al freddo, occhio alle truffe

In Vallese segnalati annunci online fasulli di legna da ardere e pellet a basso costo. Si chiede di pagare in anticipo, ma la merce non viene consegnata.
Svizzera
2 gior

Incidente mortale ieri sera a Schlatt

Forse un malore all’origine del sinistro costato la vita a un novantenne, andato a cozzare contro una scalinata e il muro di un cimitero
Svizzera
2 gior

Ventisettenne annega nel lago di Zurigo

È accaduto attorno alle 13.30, mentre nella città iniziava la Streetparade: ancora da chiarire se il fatto sia collegato all’evento
gallery
15.01.2021 - 17:45
Aggiornamento: 18:02

Nevicata record Oltralpe causa assembramenti e disagi

Trasporti pubblici in tilt a Zurigo. Un po’ ovunque treni soppressi e strade chiuse. Resta elevato il pericolo di valanghe.

Berna – A nord delle Alpi, in particolare nella Svizzera orientale, sia in pianura che in montagna, localmente da mercoledì sono caduti quantitativi da primato di neve fresca. Il pericolo di valanghe è stato e rimane elevato e i disagi alla mobilità sono stati considerevoli un po' ovunque.

In pianura la coltre nevosa in alcune regioni ha superato i 30 centimetri, nelle valli delle Alpi orientali (come a Glarona o in Surselva, nei Grigioni) anche il mezzo metro, e nel cuore delle Alpi ha raggiunto i 200 centimetri. Sono quantitativi che in media si registrano ogni 20 anni, ha indicato il servizio meteorologico Meteonews.

Il bollettino delle valanghe, pubblicato dall'Istituto per lo studio della neve e delle valanghe (Slf) di Davos (Gr), per oggi indicava un livello di pericolo 4 (forte) su una scala di 5 per quasi tutto l'arco alpino, ad eccezione del versante meridionale (con un livello 3, marcato). Nell'edizione di questa sera, il livello 4 concerne l'arco alpino settentrionale in una regione compresa l'Oberland bernese orientale e il Liechtenstein.

Tram e bus paralizzati a Zurigo

I disagi alla mobilità sono stati considerevoli. Emblematica la situazione a Zurigo, in città, ma anche in periferia. L'intera rete di tram e bus è rimasta bloccata. Nel pomeriggio il servizio ha potuto riprendere solo su alcune linee, ha indicato la locale azienda di trasporto pubblico Vbz, precisando che il problema più frequente è costituito da alberi caduti sulle linee di contatto.

La neve non ha invece praticamente ostacolato il traffico aereo all'aeroporto di Kloten, ha riferito il gestore a Keystone-ATS. Si sono registrati ritardi compresi tra 15 e 45 minuti. Allo scalo, stando a Srf Meteo, in 24 ore sono caduti 33 centimetri di neve.

Treni soppressi e in ritardo

Dal canto loro le Ffs hanno riferito varie perturbazioni, come ad esempio tra Winterthur (Zh) e San Gallo. I passeggeri hanno dovuto armarsi di pazienza per soppressioni e ritardi dei treni un po' ovunque. Il maltempo condiziona anche collegamenti verso l'estero, che in prima serata sono ancora interrotti tra Zurigo e Stoccarda (D) e tra Buchs (SG) e Feldkirch (A).

La situazione a Basilea non è risultata molto diversa da quella di Zurigo. Alcune linee di tram e bus sono state interrotte per la caduta di alberi, hanno indicato i trasporti pubblici locali BVB. In Argovia, dove vari comuni sono rimasti senza corrente, una sessantina di strade sono state chiuse nelle regioni di Baden, Brugg, Lenzburg e Zurzach. Il villaggio di Ammerswil (448 metri sul livello del mare), vicino a Lenzburg, è rimasto isolato dal mondo.

Situazione analoga a San Gallo, con molte strade chiuse al traffico. Gli automobilisti dovranno servirsi delle deviazioni indicate verosimilmente fino a lunedì, ha indicato la polizia cantonale.

Alpi: strade chiuse per precauzione

Nelle regioni alpine il problema è costituito dal forte pericolo di valanghe. Soprattutto ad Uri per questa ragione numerose arterie sono state chiuse e lo rimarranno almeno fino a domani. Andermatt è raggiungibile solo in treno, riferisce la polizia cantonale di Altdorf (Ur).

Una seconda valanga, dopo quella di ieri mattino nello stesso posto, è caduta non lontano da Seedorf, sulla strada cantonale che percorre la sponda sinistra del lago di Uri (il braccio meridionale del lago dei Quattro Cantoni). Nessuno è rimasto sepolto. Il traffico è interrotto almeno fino a domani alle 10.

E sempre per il pericolo di valanghe nel canton Berna i treni della compagnia Zentralbahn non circolano tra Interlaken e Brienz fino a domani. Sulla tratta ieri sera sono cadute due valanghe. Non si lamentano feriti.

Centinaia di incidenti stradali

Numerose polizie cantonali annunciano incidenti stradali per le pessime condizioni delle carreggiate e alberi sradicati dal peso della neve. I sinistri hanno causato soprattutto danni materiali e feriti lievi. L'incidente più grave è avvenuto a Urdorf (Zh), dove un pedone 75enne è rimasto seriamente ferito dopo essere stato investito da una vettura. A Grabs (Sg) un 53enne ha fatto un tonfo di tre metri mentre stava spalando la neve dal tetto di una costruzione ed è stato elitrasportato all'ospedale. L'entità delle lesioni non è nota.

Ovunque le forze di intervento, dai pompieri ai sanitari, sono state molto sollecitate. Nel solo canton Zurigo in 24 ore le chiamate sono state più di mille.

Bandiera bianca per gigante giallo

Le condizioni delle strade hanno impedito la distribuzione della posta in varie regioni. La mancata consegna di lettere e pacchi, o i ritardi, hanno riguardato soprattutto la Svizzera orientale, Grigioni compresi, e la Valle di Goms, nell'Alto Vallese, ha riferito il gigante giallo in un comunicato. Quanto non è stato recapitato oggi si troverà nelle bucalettere domani.

Nel pomeriggio l'intensità delle precipitazioni è diminuita e in alcune regioni le nevicate sono finite, ha riferito Meteonews.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
neve trasporti pubblici valanghe zurigo
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved