laRegione
i-cantoni-prendono-tempo-per-decidere-sulle-mascherine
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
13 ore

Siamo in inverno (quello meteorologico): la neve è puntuale

L'inverno meteorologico Inizia il primo dicembre e dura fino alla fine di febbraio. La prima neve imbianca l'altipiano (e causa i primi incidenti)
Svizzera
13 ore

Coronavirus: prosegue l'approvvigionamento dei vaccini

Gli esperti hanno ricordato che la Confederazione ha firmato tre contratti diversi di fornitura, con una copertura potenziale di 6 milioni di persone.
Vaud
14 ore

Tenta di adescare 13enne, ma dietro la chat c'è la polizia

Un 39enne è stato arrestato a Renens (VD) dopo aver preso accordi per un incontro sessuale, ignaro che fosse un falso profilo controllato dagli agenti
Svizzera
16 ore

Fino a 300 franchi di multa per chi rifiuta la mascherina

Lo ha deciso oggi il Consiglio nazionale nel corso dell'esame delle modifiche apportate alla Legge Covid-19
Svizzera
16 ore

Dagli Stati, 'sì' al matrimonio per tutti

Approvata con 22 voti contro 15 e 7 astenuti la revisione del Codice civile che estende il matrimonio anche alle coppie omosessuali. La parola al Nazionale
Svizzera
16 ore

In Svizzera 3'802 contagi, 107 decessi, 226 nuovi ricoveri

Il tasso di positività torna a crescere portandosi al 19,2% (ieri era il 16%). Vittime ancora sopra quota 100 in 24 ore
Svizzera
17 ore

Lanciata iniziativa popolare contro obbligo di vaccinazione

Il Movimento per la Libertà Svizzera (Mls) chiede che chi nega il consenso alla vaccinazione non venga sanzionato. Avviata la raccolta firme
Svizzera
18 ore

L'esercito in aiuto degli ospedali fino al 31 marzo 2021

Per alleggerire il personale infermieristico, che potrà dedicarsi così sui pazienti più gravi. Lo ha deciso il Consiglio degli Stati all'unanimità
Svizzera
29.06.2020 - 19:440

I Cantoni prendono tempo per decidere sulle mascherine

I direttori cantonali della Sanità a colloquio con Alain Berset, in discussione tracciamento ed eventuali chiusure

Nei prossimi giorni i Cantoni discuteranno varie regole di comportamento in relazione all'epidemia di Covid-19, come l'obbligo di indossare mascherine nei trasporti pubblici. Oggi a Berna i loro rappresentanti hanno incontrato il ministro della sanità Alain Berset per parlare della situazione, ma nulla è stato deciso.

Lo scopo dell'incontro, in agenda da diverso tempo, era fare il punto prima delle vacanze, ha spiegato alla stampa il consigliere federale. Dopo che la situazione straordinaria è stata revocata il 19 maggio, la responsabilità di prevenire e contrastare un nuovo aumento dei casi di coronavirus spetta prima di tutto ai Cantoni, sottolinea un comunicato diffuso in serata dal Dipartimento dell'interno.

I Cantoni dispongono di un arsenale di misure per contrastare un'evoluzione negativa della malattia. Tuttavia, non è ovviamente escluso che vengano adottati provvedimenti anche a livello federale e tra le parti vi sarà un regolare scambio di informazioni.

Per esempio, i Cantoni, oltre a introdurre l'obbligo di portare la mascherina, hanno la facoltà di ordinare chiusure o ridurre il numero di persone che possono assembrarsi. In questa fase resta inoltre centrale un tracciamento affidabile dei contatti, per identificare e isolare rapidamente le nuove infezioni, individuare eventuali focolai e interrompere tempestivamente le catene di trasmissione.

Tornando alle tanto discusse mascherine, Lukas Engelberger, presidente della Conferenza dei direttori cantonali della sanità, ha confermato che il tema è stato trattato durante la riunione di oggi con Berset. Se il quadro dovesse deteriorarsi, delle misure potrebbero essere adottate a livello regionale, dopo colloqui con le imprese di trasporti pubblici. Un eventuale obbligo dovrebbe comunque venire concordato con l'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) ed essere adottato dopo aver consultato gli altri Cantoni.

Il consigliere federale ha riconosciuto che le cifre quotidiane raccontano una crescita dei contagi. Ma al momento non c'è motivo di andare in panico, ha aggiunto. Tra le ragioni del rialzo dei casi Berset ha citato l'incremento dei test, ma anche un certo rilassamento della popolazione.

Oltre all'importanza dei piani di protezione e del tracciamento dei contatti, il friburghese ha ribadito l'efficacia della nuova app SwissCovid, scaricabile da giovedì scorso. Circa il 10% degli svizzeri l'ha già installata sul proprio smartphone: i download devono proseguire, ha detto il responsabile dell'interno. Berset ha anche abbordato il tema delle restrizioni alle frontiere, parlando di lavori in corso assieme ai Paesi vicini. L'obiettivo è comunque uno solo, come messo in evidenza da un sarcastico Engelberger: "non sono un surfista: in estate voglio impedire una seconda ondata".

© Regiopress, All rights reserved