coronavirus-berna-vara-l-eccezione-ticino
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
15 min

Per Smood un Ccl con migliori condizioni di lavoro

Il Ccl negoziato prevede un salario minimo di 23 fr./ora e un minimo di 4 ore di lavoro settimanali garantite. Dovrà ora essere accettato dal personale
Svizzera
27 min

Più mezzi ai servizi segreti contro l’estremismo violento

Fra le novità poste in consultazione l’accresciuta sorveglianza dell’estremismo violento, anche con metodi di controllo intrusivi, e dei flussi finanziari
Svizzera
1 ora

Ciclista ubriaco dà in escandescenze alla centrale di polizia

Movimentato fermo di un uomo in sella alla sua bici in stato di ebbrezza ieri sera a Weinfelden
Svizzera
2 ore

Passo del Furka, riapertura anticipata al 25 maggio

Inizialmente previsto per il 10 giugno, il via libera è stato anticipato poiché i lavori di sgombero della neve e di ripristino sono a buon punto
Svizzera
2 ore

Servizio universale, statu quo della ComCom fino a fine 2023

Complice la revisione dell’ordinanza sui servizi di telecomunicazione, la concessione a Swisscom sarà prolungata d’ufficio di un anno
Svizzera
4 ore

Caro-carburanti, da Berna niente sgravi sui dazi

Per ora non sussiste alcuna necessità immediata di adottare misure compensatorie: così il Governo risponde a diversi interventi parlamentari
Svizzera
5 ore

Fondi russi bloccati: ‘Sanzioni di ampiezza e peso mai visti’

Parole di elogio dall’ambasciatore americano nella Confederazione per gli sforzi di Berna nella ricerca dei capitali da congelare: ‘Sforzi immensi’
Svizzera
5 ore

Sostegno secolare a favore di 3’000 progetti e associazioni

Rosso semi-trasparente: è il centesimo distintivo del 1° agosto di Pro Patria. Dalla sua creazione, stanziati quasi 500 milioni di franchi
Svizzera
6 ore

Pfister, ‘la comunità politica europea di Macron è un’opzione’

Per il presidente del Centro, il Consiglio federale dovrebbe approfondire il modello lanciato dal premier francese: ‘È un’opportunità’
Svizzera
18 ore

Vaccino Moderna ai bambini sotto i 5 anni? Swissmedic ci pensa

Coronavirus, secondo i dati dell’Ufficio federale della sanità pubblica, da inizio pandemia nella Confederazione sono morti cinque bimbi
Svizzera
20 ore

In Svizzera accolti oltre 50’000 rifugiati dall’Ucraina

Dei 50’172 che a oggi si sono annunciati, 48’574 hanno ottenuto lo statuto S (il 97,8% di quelli complessivi rilasciati dalla Confederazione)
Svizzera
1 gior

Società elettriche, ecco il piano di salvataggio

Consiglio federale pronto a mettere sul piatto fino a dieci miliardi di franchi per evitare il collasso del sistema
Svizzera
1 gior

A 229 km/h nel tunnel del Gubrist, ecco l’atto d’accusa

Nella sua folle corsa il pirata della strada aveva pure urtato altre auto, per poi finire la sua corsa tamponando la vettura che lo precedeva
Svizzera
1 gior

Il Consiglio federale corre ai ripari sulle forniture di gas

Adottato un piano per far fronte all’eventuale riduzione delle forniture dalla Russia: riserve stoccate in Paesi vicini e opzione per ulteriori forniture
Svizzera
1 gior

F-35A, si ratifichi subito l’acquisto. Senza passare dal voto

Il Consiglio federale sposa le raccomandazioni della Commissione di sicurezza degli Stati. Ma non sul tema dei Tiger, che vorrebbe pensionare
Svizzera
1 gior

Da dicembre treni supplementari da e per il Ticino

Cambiamenti in vigore con l’introduzione dell’orario invernale. Per la prima volta Grigioni e Romandia uniti da un collegamento diretto
27.03.2020 - 14:30
Aggiornamento : 01.04.2020 - 15:59

Coronavirus, Berna vara 'l'eccezione Ticino'

Bellinzona deve inviare una domanda formale. I Grigioni (Mesolcina compresa) per ora non adempirebbero alle condizioni, ma...

La leadership deve restare in mano alla Confederazione, ma al Ticino è stato riconosciuto uno statuto particolare vista la virulenza del coronavirus, in queste ore il governo Ticinese deve fare i compiti e presentare a Berna una domanda formale per tornare nella legalità, sostenuta da sindacati ed economia (entrambi favorevoli, seppur con sfumature al regime di chiusura).

 Il Ticino è un caso eccezionale ha ribadito oggi più volte il consigliere federale Berset e in casi eccezionali, i Cantoni possono adottare provvedimenti che vanno oltre quanto previsto dal Consiglio federale. Tale decisione fa seguito alla chiusura di imprese e cantieri decisa dal canton Ticino e giudicata da Berna non conforme al diritto federale. La soluzione trovata non sarebbe attualmente applicabile ai Grigioni, per cui anche le rivendicazioni della Mesolcina (ovvero di poter applicare le stesse misure ticinesi) potrebbero non trovare una risposta positiva. Non ora.

Entrerà in vigore retroattivamente 

Una 'clausola Ticino', che entrerà in vigore retroattivamente il 21 marzo, quanto il Ticino ha introdotto il regime di chiusura, questo significa che il Ticino non sarà più nell’illegalità, di conseguenza le ditte ticinesi potranno accedere al lavoro ridotto e a tutti gli strumenti di aiuto messi in campo dalla Confederazione.

I dettagli, si ribalta la logica della normativa 
«Abbiamo introdotto un nuovo articolo nell'ordinanza (l'articolo 7e). Prevede che a determinate condizione è possibile ribaltare la logica del "tutte le aziende restano aperte, tranne quelle che non possono garantire le misure d'igiene" a "tutte le aziende restano chiuse, tranne chi può garantire le misure di protezione"», ha precisato Berset, aggiungendo che «per noi è chiaro che attualmente solo il Ticino risponde agli stretti criteri che permettono queste deroghe», perché «sappiamo che attualmente a sud delle Alpi vi sono 3 volte più contagi per rapporto alla popolazione rispetto alla media svizzera. Questo per via della stretta interconnessione con il nord Italia». Berna valida quindi retroattivamente le misure prese dal Consiglio di Stato ticinese. Misure, comunque, «che il Consiglio di Stato aveva adottato per proteggere la popolazione cantonale». 

Concretamente, si legge nel nuovo articolo, "se a causa della situazione epidemiologica sussiste un pericolo particolare per la salute della popolazione" il governo può autorizzare un singolo cantone a ordinare la temporanea limitazione o cessazione delle attività di determinati settori dell'economia. Le aziende che "plausibilmente" attuano i provvedimenti concernenti l'igiene e il distanziamento sociale devono però poter continuare a esercitare la loro attività.


Le condizioni sono cumulative, una non basta 

Può presentare una domanda il Cantone che non dispone più di sufficienti capacità nell'assistenza sanitaria nemmeno dopo aver fatto ricorso al sostegno di altri cantoni; se è altamente probabile che i settori economici interessati non siano in grado di attuare i provvedimenti di prevenzione; se vengono a mancare i lavoratori frontalieri dei settori interessati. Per poter essere approvata, una domanda deve anche essere sostenuta dalle parti sociali. Devono inoltre essere garantiti l'approvvigionamento della popolazione con beni d'uso quotidiano e quello delle strutture sanitarie. Un Canone deve ottemperare a tutte le condizioni, ha spiegato Berset, sono cumulative. Ossia non basta che sia presente una sola, devono essere tutte presenti.
Se un Cantone dovesse adottare un provvedimento non autorizzato dal Consiglio federale, decadrà, per tale Cantone, il diritto all'indennità per lavoro ridotto della Confederazione. 

 

'Non andate in Ticino per Pasqua'

«Sarebbe bello che quest'anno non ci fossero le code pasquali al Gottardo», ha poi rilevato Berset. «So che il tempo è bello e ci sarebbe voglia di vacanze, ma vi prego: restate a casa. Evitate di andare a caricare i comuni ticinesi già in difficoltà per via di questa crisi»

Il bilancio delle prime due settimane di situazione straordinaria

Berset ha voluto anche dare un primo bilancio sulla situazione: «Anche se non è trascorso molto tempo dalla loro introduzione, le misure sono comprese e rispettate in larga misura dalle persone. Le regole comportamentali e igieniche sono conosciute dagli Svizzeri. Le infrazioni sono state poche. Ciò emerge anche analizzando i dati della telefonia mobile».

I traslochi possono continuare, a patto di...

Nella seduta odierna, il Consiglio federale si è pure chinato sulla questione degli affitti e dei traslochi, visto che «sappiamo che questo è un periodo molto intenso dal punto di vista del cambiamento di superfici locate – ha rilevato il consigliere federale Guy Parmelin –. In genere ce ne sono circa 50mila». Di principio i traslochi rimarranno autorizzati, a patto di rispettare le condizioni igieniche accresciute imposte dalla Confederazione.

Il governo ha poi deciso di dare più tempo agli affittuari per sanare eventuali arretrati negli affitti: da 30 a 90 giorni.  La proroga vale anche per il pagamento delle spese accessorie da fine marzo a fine maggio 2020. Il termine per gli affitti agricoli passano da 60 a 120 giorni. Lo stesso vale anche per le camere ammobiliate.

Il 13% della popolazione attiva in lavoro ridotto

Intanto, il dato è aggiornato a ieri sera, 51mila aziende avevano inoltrato domanda di lavoro ridotto per 656mila lavoratori, ovvero il 13% della forza lavoro elvetica.

Allegati
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved