ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
47 min

Dipendenze Svizzera contro la vendita notturna alcolici

La Fondazione rileva come nei cantoni in cui dalle 21 alle 6 non è in vendita l’alcol, a parte il vino, i ricoveri dei giovani son diminuiti del 30%
Svizzera
2 ore

La disoccupazione ‘Seco’ sale al 2,2%, il Ticino al quinto posto

I dati della Segreteria di Stato per l’economia non includono chi ha esaurito il diritto a ricevere le prestazioni o si trova a beneficio dell’assistenza
Svizzera
13 ore

Ottanta soccorritori svizzeri partiti verso Turchia e Siria

In serata sono decollati da Zurigo anche otto cani da ricerca e 18 tonnellate di materiale con destinazione le aree disastrate dal potentissimo sisma
Svizzera
19 ore

L’uomo è ancora visto come responsabile del reddito familiare

Secondo un sondaggio, uomini e donne concordano sul fatto che un padre dovrebbe lavorare a una percentuale maggiore rispetto a una madre
Svizzera
20 ore

In Svizzera un sisma come quello in Turchia sarebbe catastrofico

Le norme antisismiche elvetiche sono basate su terremoti di magnitudo massima inferiore alle scosse in Turchia: ma la probabilità è estremamente bassa
Svizzera
21 ore

Si addormenta al volante e provoca un incidente frontale

Fortunatamente illesi i due protagonisti del sinistro avvenuto a Villmergen, nel Canton Argovia. Al 67enne è stata ritirata la patente sul posto
Svizzera
22 ore

Grave incidente sugli sci per Philipp Kutter

Dopo l’infortunio, il consigliere nazionale zurighese del Centro (e sindaco di Wädenswil), è stato trasferito al centro specialistico di Nottwil
11.03.2020 - 18:04

No al burqa, sì all'uguaglianza

Il Consiglio Nazionale si adegua agli Stati: il controprogetto all'iniziativa popolare dovrà comprendere la promozione della parità tra i sessi

no-al-burqa-si-all-uguaglianza

Berna - La futura legge sulla dissimulazione del viso, controprogetto indiretto all'iniziativa popolare anti-burqa "Sì al divieto di dissimulare il proprio viso", dovrà includere anche provvedimenti volti a promuovere l'uguaglianza uomo-donna. Lo ha stabilito oggi il Consiglio nazionale, adeguandosi tacitamente alle proposte formulate dal Consiglio degli Stati. Il dossier è così pronto per le votazioni finali.

I due rami del Parlamento sostengono una legge federale sull'occultamento del volto da opporre l'iniziativa popolare "Sì al divieto di dissimulare il proprio viso" lanciata dal comitato di Egerkingen, già all'origine del divieto di costruire nuovi minareti in Svizzera.

Il controprogetto obbliga una persona a mostrare il proprio volto per potersi identificare durante i controlli sui trasporti pubblici, alla dogana o per le procedure amministrative.

Durante la scorsa sessione invernale del Parlamento, il Consiglio nazionale aveva ritoccato al rialzo gli obiettivi del progetto includendovi disposizioni per la parità tra i sessi. La scorsa settimana i "senatori" avevano aderito a questa proposta, aggiungendovi però altre precisazioni, come chiedeva la loro commissione preparatoria.

Concretamente, si auspica una modifica delle legge sugli stranieri e la loro integrazione in modo che i programmi cantonali d'integrazione finanziati dalla Confederazione tengano conto delle particolari esigenze di donne, giovani e bambini. Oggi il Nazionale ha tacitamente accettato queste aggiunte redazionali.

La legge sulla parità dei sessi va quindi rivista onde rendere possibile anche i programmi promozionali che migliorano l'uguaglianza tra uomo e donna all'infuori della vita professionale. Infine, la legge sulla cooperazione allo sviluppo e l'aiuto umanitario internazionali va cambiata affinché figuri il principio che la situazione delle donne dev'essere migliorata.

In aula, la settimana scorsa, solo l'UDC si era opposta a queste precisazioni. Werner Salzmann (UDC/BE) ha sostenuto che simili aggiunte sono inutili. A suo dire l'intero controprogetto andrebbe ritirato.

L'iniziativa popolare ha come obiettivo le donne che indossano il burqa o il niqab, affinché queste ultime possano decidere liberamente. Il comitato di Egerkingen giustifica la sua iniziativa anche con motivi di sicurezza; il divieto di dissimulazione si applicherebbe infatti anche alle bande di teppisti che agiscono sovente a margine di importanti manifestazioni, come quelle del Primo maggio.

Due cantoni, il Ticino e San Gallo, contemplano nella rispettiva legislazione il divieto del burqa. Zurigo, Soletta, Svitto, Basilea Città e Glarona hanno respinto una normativa simile.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved