imprese-responsabili-totale-disaccordo-sul-controprogetto
Keystone
La consigliera federale Karin Keller-Sutter
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
1 ora

Primo Sì al divieto nazionale per le terapie di conversione

La Comm. affari giuridici al Nazionale approva una mozione che vieta le terapie volte a modificare o reprimere orientamento sessuale o identità di genere
Svizzera
2 ore

Neomamme più protette dal licenziamento, no a proposta ticinese

La Commissione affari giuridici al Nazionale ha respinto il testo che estendeva a 12 mesi, anziché 16 settimane, il periodo di protezione dopo il parto
Svizzera
5 ore

La Legge sugli embarghi non va modificata

È il parere della Commissione per la sicurezza del Consiglio degli Stati, che propone di respingere la riforma approvata dal Nazionale
Svizzera
6 ore

Tariffe forfettarie ambulatoriali sulla buona strada

Il documento elaborato da Ospedali svizzeri (H+) e assicuratori malattia santésuisse potrebbe diventare effettivo entro la fine del 2023
Svizzera
6 ore

I camper devono poter pesare di più. Fino a 4,25 tonnellate

Inoltrata alla Cancelleria federale una petizione che chiede di innalzarne il limite. Per poterli guidare, però, saranno necessari corsi ad hoc
Svizzera
7 ore

Urgono soluzioni sui binari per il transito nord-sud

I lavori nella Valle del Reno minano la regolarità del traffico merci: l’industria ferroviaria svizzera un’alternativa sulla riva francese
Svizzera
7 ore

‘Il sondaggio non è stato condotto in maniera obiettiva’

Gli oppositori alla riforma Avs puntano il dito sulle risultanze dell’inchiesta. ‘Ignorato il divario pensionistico delle donne’
Svizzera
8 ore

Motociclista gravemente ferito sul Flüela

L’uomo, un 28enne austriaco, è stato tradito dall’asfalto scivoloso. Cadendo è andato a sbattere contro il guardrail
09.03.2020 - 21:39
Aggiornamento: 21:54

Imprese responsabili, totale disaccordo sul controprogetto

Il Consiglio degli Stati mantiene il suo controprogetto senza clausola di responsabilità. La palla torna al Nazionale.

Non c'è accordo tra i due rami del Parlamento in merito al controprogetto da affiancare all'iniziativa popolare "per imprese responsabili". Con 35 voti contro 16, oggi il Consiglio degli Stati ha deciso di mantenere la sua controproposta bocciando quella elaborata dal Nazionale.

Con l'iniziativa, depositata il 10 ottobre 2016, si chiede che le imprese che hanno la loro sede in Svizzera debbano rispettare anche all'estero i diritti umani riconosciuti e le norme ambientali internazionali. Le imprese potranno inoltre essere chiamate a rispondere anche per gli atti delle aziende che controllano economicamente senza parteciparvi sul piano operativo.

Il controprogetto del Nazionale concerne invece solo le società più grandi (fatturato di oltre 80 milioni, utile di almeno 40 milioni e 500 dipendenti; devono essere soddisfatti almeno due di questi tre criteri) e limiterebbe la loro responsabilità civile alle loro filiali controllate direttamente. La proposta contiene anche una procedura di conciliazione obbligatoria tra le parti prima dell'avvio di una procedura penale.

Oggi il relatore commissionale Beat Rieder (Ppd/Vs) ha criticato quest'ultimo aspetto definendolo un "esercizio di alibi". La proposta del Nazionale non permette inoltre di escludere i doppi processi, ossia una causa in Svizzera e una nel Paese dove si è verificato il presunto danno.

Per la maggioranza, inoltre, il controprogetto del Nazionale contiene standard che non sono coordinati a livello internazionale. Ciò potrebbe avere conseguenze imprevedibili per l'economia svizzera: alcune aziende, ha sostenuto Rieder, potrebbero ritirarsi dai Paesi a rischio lasciando il campo ad altre con meno scrupoli, come già succede in Africa.

I "senatori" preferiscono quindi sostenere il controprogetto elaborato dal governo che si limita a chiedere alle multinazionali di riferire ogni anno sulla loro politica in materia di diritti umani e che contempla anche doveri di "diligenza" in materia di lavoro minorile ed estrazione di materie prime.

La Svizzera sarebbe uno dei primi Paesi al mondo a prevedere disposizioni per questi settori. I Paesi Bassi ne hanno previste per il lavoro minorile, ma non sono ancora in vigore. Per le risorse minerarie saremmo alla pari con quanto fa l'UE, ha aggiunto Rieder.

Una semplice rendiconto come chiesto dagli Stati è insufficiente, ha replicato Carlo Sommaruga (Ps/Ge): se le società elvetiche approfittano degli utili delle loro filiali all'estero, devono anche assumersi le responsabilità in caso di infrazioni. Ampie fasce della nostra popolazione ne hanno abbastanza di società che abusano della buona reputazione della Svizzera per perpetrare attività dannose per l'ambiente, immorali e disumane, ha aggiunto, invano, Mathias Zopfi (Verdi/Gl).

Il dossier torna ora al Consiglio nazionale. Se i due consigli non troveranno un compromesso entro la fine di questa sessione, l'iniziativa - la cui raccomandazione di voto, negativa, è già stata decisa - verrà sottoposta da sola a popolo e cantoni, verosimilmente in novembre.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved