diffusa-resistenza-al-5g
Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
58 min

Anche Danimarca e Australia nella lista dei Paesi a rischio

L’Ufsp continua ad aggiornare la lista dei Paesi in arrivo coinvolti dalla variante Omicron e dai quali sono richiesti test negativo e quarantena
consiglio di stato
16 ore

Friburgo: la destra mantiene la maggioranza

Dopo un primo turno favorevole a socialisti e Verdi, con quattro candidati tra i primi sette, alla fine il risultato è stato ribaltato
votazioni cantonali
17 ore

A Zurigo legge sull’energia pulita, in Vallese stop ai predatori

A Ginevra si potranno destituire i consiglieri di Stato, eredità del caso Maudet. A Basilea Campagna nuovo piano di integrazione per gli stranieri
Svizzera
18 ore

Sì a Legge Covid e cure infermieristiche. Giustizia, secco No

La modifica della Legge Covid passa con il 62%; 61% e maggioranza dei cantoni per le cure infermieristiche. No al 68,1% per il sorteggio dei giudici
Svizzera
21 ore

Nasce ‘Aufrecht Schweiz’, il movimento politico corona-scettico

Gli oppositori alle misure anti-Covid, fra cui gli ‘Amici della Costituzione’, si uniscono in un movimento con l’obiettivo di entrare nelle istituzioni
Svizzera
22 ore

Verso il Sì alla Legge Covid-19. Segui i risultati in diretta

Secondo le prime tendente, si profila un Sì per Legge Covid-19 e cure infermieristiche, No al sorteggio dei giudici federali
Svizzera
23 ore

Votazioni, polizia erige protezioni attorno a Palazzo federale

Nei giorni scorsi i contrari alle misure anti-Covid avevano lanciato sulle reti sociali appelli per una manifestazione davanti al Parlamento
Svizzera
1 gior

‘La nuova variante si diffonderà anche in Svizzera’

A dirlo è la presidente della task force Covid-19 del Consiglio federale Tanja Stadler
Svizzera
30.07.2019 - 06:000

Diffusa resistenza al 5G

Si moltiplicano le opposizioni alle domande di costruzione. Gli operatori ammettono: ci saranno ritardi.

a cura de laRegione

‘Bis zur letzten Antenne!’, ‘Fino all’ultima antenna!’ promette battaglia ‘Schutz vor Strahlung’ (‘Protezione dalla radiazione’). L’appello alla mobilitazione giuridica lanciato dalle associazioni che combattono l’installazione di antenne 5G viene raccolto: una domanda di costruzione su tre inoltrate da Swisscom e Sunrise incontra opposizione, ha riferito la ‘SonntagsZeitung’. ‘Schutz vor Strahlung’ parla di circa 90 opposizioni su oltre cento domande negli ultimi tre mesi. Unita alla moratoria nei cantoni di Ginevra e Vaud, questa resistenza dal basso obbliga le compagnie di telefonia mobile a rivedere – o a pensare di farlo – la tempistica dei loro piani di espansione.

Swisscom è ambiziosa. Il leader svizzero del settore vuole fornire entro fine anno questa nuova tecnologia al 90% della popolazione. A metà giugno, oltre cento antenne erano state installate in 58 località. Anche Sunrise pigia sull’acceleratore. Il Ceo Olaf Swantee ha annunciato l’intenzione di offrire ancora quest’anno il 5G “in tutte le regioni”.

Gli operatori però sono confrontati con un’opposizione capillare e ben organizzata. Una portavoce di Salt ha dichiarato alla ‘SonntagsZeitung’: “Riteniamo che, a causa delle opposizioni, ci saranno ritardi e costi supplementari (...)”. Sunrise a Vaud e Ginevra si aspetta un ritardo del 30% rispetto ad altri cantoni. Swisscom mantiene il suo obiettivo, afferma il domenicale. Ma già a metà giugno, in un’intervista il Ceo Urs Schaeppi non aveva nascosto le “difficoltà nel trovare una collocazione per le antenne”. La costruzione di nuove antenne o la conversione di quelle già esistenti sta subendo ritardi, aveva affermato il manager.

Ritardi che potrebbero allungarsi (anche di alcuni anni in caso di cause che si trascinino fino al Tribunale federale) qualora le decisioni dei Comuni di accordare o no la licenza edilizia dovessero venire impugnate. Ma a volte gli oppositori hanno le armi spuntate. In quasi tutti i cantoni (non in Ticino, però), per i progetti di conversione degli impianti esistenti basta una notifica: nessuna domanda di costruzione ordinaria, nessuna pubblicazione dei piani e quindi nessuna opposizione possibile.

Quanto un’opposizione possa già adesso rompere le uova nel paniere di un operatore, lo dimostra il caso di Baar. Circa 150 abitanti hanno sottoscritto due opposizioni contro l’aggiornamento di un’antenna Swisscom esistente. Il municipio ha fatto sapere alla società che con ogni probabilità non avrebbe concesso la licenza edilizia. Di conseguenza la compagnia telefonica ha sospeso la sua domanda, ha scritto la ‘SonntagsZeitung’.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved