la-staffetta-scalda-i-motori-mujinga-mi-sento-migliore
La ticinese: 'Finale o no, sarò contenta se scenderò sotto gli 11 secondi' (Keystone)
SPORT
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Hockey
2 ore

Filip Pesan nuovo tecnico del Losanna?

Il 44enne ex selezionatore della Repubblica Ceca avrebbe raggiunto un accordo valido per le prossime due stagioni con la società vodese
Hockey
3 ore

Scherwey lascia la Nazionale. ‘Lo devo al mio corpo’

Il club gli avrebbe concesso di restare, ma l’attaccante del Berna decide di tornare a casa per operarsi. ‘A un certo punto non sentivo più il piede’
Calcio
5 ore

L’apostrofo rosa tra il Botta e la Nazionale

Nel giorno del suo 31esimo compleanno Mattia Bottani festeggia la convocazione di Yakin: ‘Non ci credevo più, proverò a dimostrare che non si sbaglia’
CALCIO
5 ore

Al Grasshopper non meno di nove partenze

Le cavallette cambiano pelle in vista della prossima stagione. Al momento, cinque mancati rinnovi e quattro rientri dal prestito
tiro
5 ore

Vittoria di Oxana Baetscher ai Campionati cantonali juniores

All’84esima edizione della Giornata cantonale del giovane tiratore a 300 m, successo della pregassonese davanti a Luca Veglio e Alex Patocchi
scherma
6 ore

Ancora un titolo svizzero a squadre del Club Lugano Scherma

Ai Nazionali di spada di Neuchâtel, festeggiano le ragazze U20, battendo in finale il Ginevra di un solo punto. Quarto posto per le U17
PODISMO
6 ore

Oehen e Stampanoni trionfano al Tamaro Trail

Elhousine Elazzaoui ha invece migliorato il trentennale record della Giubiasco-Carena. Domenica in programma la Staffetta Vigor
Hockey
6 ore

Smacco Danimarca: la Slovacchia le soffia il posto all’ultimo

Tatar e compagni infliggono una severa lezione agli scandinavi. Mentre nell’altro girone anche gli Stati Uniti chiudono la prima fase con un successo
29.07.2021 - 19:00
Aggiornamento : 19:33

La staffetta scalda i motori. Mujinga: ‘Mi sento migliore’

Del Ponte, Kambundji e Kora nella notte inaugurano la loro avventura ai Giochi, dove la delegazione rossocrociata aspetta però con trepidazione la staffetta

Mentre a Tokyo si accendono i riflettori su uno degli sport più attesi, quella dell'atletica, con la valmaggese Ajla Del Ponte, la bernese Mujinga Kambundji e la sangallese Salomé Kora che entrano in lizza stanotte nelle eliminatorie dei 100 al femminili (quando saranno le 5 passate, in Svizzera), ci s'interroga sul potenziale della staffetta, senz'altro la miglior carta che la delegazione rossocrociata possa giocare della disciplina. In teoria, la 4 x 100 elvetica – che avrà una settimana di tempo per prepararsi a quello che sarà il suo momento – rischia davvero di essere più veloce che mai, siccome Ajla, Mujinga e Salomé non sono mai andate tanto forte. E pure la quarta ragazza iscritta, un'altra sangallese, Riccarda Dietsche, sta dimostrando bei progressi. Tuttavia, per conoscere lo stato di forma delle protagoniste più attese bisogna aspettare questo weekend, con Del Ponte, Kambundji e Kora che a livello individuale puntano tutte almeno ad arrivare in semifinale, sabato. Ciò che appare chiaro, comunque, è che per arrivare in finale bisognerà scendere sotto gli undici secondi, cosa a cui guardando alla tabella dei tempi, grazie al suo 10''95 di personale sui 100, che risale al luglio di tre anni fa, apparentemente solo la recordwoman nazionale sembrerebbe poter ambire. «Io ho la sensazione di essere migliore rispetto alle passate stagioni» dice dal Giappone la ventinovenne Kambundji, che in carriera è già riuscita a salire una volta sul podio ai Campionati del mondo, era 2019, però nei 200 m, dove si mise al collo la medaglia di bronzo.

Ajla e il muro degli undici secondi

Tuttavia, la nostra Ajla Del Ponte non vuole certamente essere da meno. Anzi, pensando a ciò che l'attende nel weekend, la ticinese dice che «finale o no, sarò contenta se scenderò sotto gli undici secondi». Lei che solo un mese fa ai campionati nazionali di Langenthal era riuscita a staccare il nuovo personale, fermando i cronometri sull'11''07. A dimostrazione che la forma c'è, dopo una preparazione primaverile ritardata anche dall'infezione dal Covid, in cui la ragazza dell'Us Ascona ha fatto la spola tra il Ticino, Macolin e Papendal, in Olanda, dove è basato il suo allenatore, il friborghese Laurent Meuwly, e la città di Losanna in cui abitualmente risiede, e dove frequenta l'università. 

Dal canto suo, Salomé Kora un mese e mezzo fa aveva battuto Ajla a Ginevra, realizzando nell'occasione quello che è il suo miglior tempo in assoluto sulla distanza. E l'11''12, dopo tutti quei mesi trascorsi in Serbia, alla corte del cinquantenne tecnico Goran Obradovic, potrebbe essere il miglior viatico per lasciarsi definitivamente alle spalle il problema al ginocchio che l'aveva afflitta due anni or sono.

 

SPORT: Risultati e classifiche

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved