DJOKOVIC N. (SRB)
KECMANOVIC M. (SRB)
16:00
 
GALFI D./YASTREMSKA D.
1
BENCIC B./SANDERS S.
1
3 set
(2-6 : 7-6 : 3-3)
la-trappola-olimpica-nel-paese-del-sol-levante
Il 43% dei giapponesi avrebbe voluto la cancellazione dei Giochi, il 40% un ulteriore rinvio (Keystone)
SPORT
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
CALCIO
9 min

Divorzio tra l’Olympique Marisglia e Jorge Sampaoli

L’allenatore argentino aveva espresso dubbi in merito alla volontà della società di operare sul mercato per essere protagonista nella prossima Champions
BASKET
24 min

Brittney Griner a processo in Russia per traffico di droga

Il dibattimento è iniziato oggi in un sobborgo di Mosca. La stella della Wnba accusata per il possesso di un liquido a base di cannabis. Rischia 10 anni
PALLANUOTO
4 ore

Sconfitti al Lido, gli Sharks sono con le spalle al muro

Nei quarti di finale dei playoff, il Lugano è stato battuto in rimonta dal Carouge. Domani a Ginevra gara 2. Obbligo di vincere per prolungare la stagione
CALCIO
4 ore

In Qatar sarà introdotto il fuorigioco semi-automatico

La Fifa ha approvato la nuova tecnologia che consente di stabilire la posizione di palla e giocatore in ogni momento. Non sostituirà il giudizio arbitrale
CICLISMO
10 ore

Comincia il Tour fra sospetti e Covid

Timori vecchi e nuovi attorno alla corsa più famosa al mondo che scatta oggi a Copenaghen
ATLETICA
17 ore

Duplantis vola a 6,16 metri, nuovo record del mondo

A Stoccolma, il pupillo di casa ha strabiliato ancora una volta. Bene Mujinga Kambundji nei 200 e la 4x100 con Ajla Del Ponte
BASKET
17 ore

Una brutta Nazionale battuta a Cipro

Nelle pre-qualificazioni per Euro 25, Svizzera superata 71-63. Ciò nonostante, in caso di vittoria domenica in Irlanda passerebbe al secondo turno
CORSA D'ORIENTAMENTO
18 ore

Argento per Aebersold, diploma per Elena Roos

Ai Mondiali sprint in Danimarca, nella prova individuale la ticinese ha mancato la medaglia per un’indecisione tra il 15.mo e 16.mo punto di controllo.
CALCIO
20 ore

‘A due settimane dal via, siamo sulla strada giusta’

Mattia Croci-Torti soddisfatto del campo d’allenamento di Malles Venosta, nonostante la sconfitta in amichevole con l’Ingolstadt
Formula 1
21 ore

Hamilton: togliere spazio alle voci del passato

Continua la polemica fra il britannico e Nelson Piquet
Hockey
22 ore

Adrien Lauper confermato dai Ticino Rockets

L’attaccante trentaquattrenne militerà un’ulteriore stagione a Biasca
TENNIS
22 ore

Wimbledon indigesto alla Svizzera, anche Golubic a casa

La zurighese, unica elvetica a raggiungere il secondo turno, è stata superata in due set dalla ceca Barbora Krejcikova
Calcio
22 ore

Siebatcheu lascia lo Young Boys

Il capocannoniere dello scorso campionato va all’Union Berlino
laR
 
21.07.2021 - 05:20
Aggiornamento: 10:46
di Giuseppe D’Amato

La trappola olimpica nel Paese del Sol Levante

Dovevano essere una festa e un’occasione di rilancio, i Giochi. Invece a Tokyo nessuno più li vuole, mentre il governo s'inquieta con le elezioni alle porte

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

La tradizionale ospitalità del Sol levante è davvero messa a dura prova; ospitare le Olimpiadi 2020 è per il Giappone una sfida piena di ostacoli. Mai nessun dirigente sportivo o politico si sarebbe immaginato una cosa del genere, quando, nel settembre 2013, Tokyo si aggiudicò l’organizzazione dei Giochi. In migliaia, allora, festeggiarono per le strade. Per il leader nipponico di più lungo corso, il premier Shinzo Abe, si concretizzava la possibilità di rendere realmente veritiero il suo slogan – considerato a lungo quasi azzardato – “Japan is back”. Le Olimpiadi, si pensava, avrebbero aiutato la nazione a uscire meglio da decenni di stagnazioni economiche, di declino demografico e di disastri ambientali, dando maggiori speranze alla gente per il futuro. Tokyo 2020 era inoltre un modo per dimostrare che la nuova tragedia nucleare, quella di Fukushima del 2011, poteva essere messa alle spalle anche da questa generazione in un Paese ancora scioccato dai bombardamenti atomici di Hiroshima e Nagasaki del 1945. E invece la pandemia ha rivoluzionato tutto: le Olimpiadi da incommensurabile onore sono oggi uno spaventoso mal di testa per il Giappone.

Tanti sono i fronti aperti. Il principale è quello epidemiologico. A Tokyo, a poche ore dall’inaugurazione dei Giochi, si stanno battendo tutti i tristi record di casi di positività – oltre un migliaio al giorno – una cifra mai toccata prima, in aprile e maggio. I giapponesi sono preoccupati per la situazione sanitaria, anche se i numeri totali degli infetti da Covid (830mila) sono esigui, i più bassi tra i Paesi del G7: secondo un sondaggio pubblicato dal quotidiano ‘Asahi Shimbun’, il 43% della popolazione avrebbe voluto che le Olimpiadi fossero cancellate, il 40% chiedeva un ulteriore rinvio. Una petizione online ha raccolto in poco tempo 450mila firme al riguardo.

La questione è: ha senso invitare da un lato la propria gente a muoversi solo se necessario e a rispettare regole ferree per mesi, mentre dall’altro si fanno entrare nell’arcipelago migliaia tra atleti, arbitri, funzionari provenienti da tutto il mondo, anche da Paesi ad alta incidenza del virus? Va bene che gli organizzatori assicurino di aver preso tutte le precauzioni del caso, ma il pericolo resta alto. Di questo parere è l’Unione dei medici giapponesi, anche perché finora è stata vaccinata un’esigua percentuale della popolazione. L’incertezza fra la gente è stata amplificata da scelte in apparenza contraddittorie da parte del governo, ma anche da falle comunicative. Il nocciolo del problema è che nessun politico nazionale ci vuole mettere la faccia e prendersi la responsabilità.

La ragione? Nel settembre scorso vi è stato un cambio di premier: per motivi di salute al “mostro sacro” Shinzo Abe è subentrato il 72enne Yoshihide Suga. Nel prossimo ottobre si terranno le elezioni e se le Olimpiadi dovessero andare male saranno dolori per il partito Liberal Democratico (Ldp), al potere dal 1955, a parte due brevi parentesi. Insomma si rischia in autunno un terremoto politico assai più grave dei fenomeni geologici a cui il Giappone è abituato. La popolarità di Suga è intanto già crollata dal 70% dell’autunno scorso all’odierno 30% e Ldp ha perso la maggioranza al Consiglio comunale della capitale.

Ma allora perché non si è pensato di rimandare Tokyo 2020? Dall’estero, per di più, non giungeranno spettatori stranieri e il buco finanziario per l’indotto non sarà piccolo da colmare, figurarsi la speranza di recuperare gli esborsi per le infrastrutture costruite! Il nodo centrale è rappresentato oggi dalle pressioni del Comitato olimpico internazionale, dei Comitati nazionali e delle singole federazioni, con gli ultimi due che sopravvivono prevalentemente grazie agli introiti derivanti dai Giochi. Vi sono poi clausole contrattuali: se fosse il Paese ospitante a far saltare le Olimpiadi, i rimborsi assicurativi sarebbero miliardari.

Un altro aspetto va considerato: con i Giochi invernali di Pechino 2022 alle porte, è la stessa immagine dell’efficiente Giappone ad andarci di mezzo. In soccorso di Tokyo si sono così mossi Stati Uniti e Unione europea. Il Sol levante è ormai un pezzo di Occidente in Asia e la volontà a Washington di ridimensionare il potere cinese rimane forte. Imponenti sono state dunque le forniture di vaccini: 100 milioni solo dall’Unione europea, così 36 milioni di anziani verranno immunizzati entro fine mese. Se Tokyo 1964 è servito per mostrare il nuovo volto del Giappone dopo gli orrori della guerra, Tokyo 2020 doveva rappresentare il nuovo rilancio nel XXI secolo. Alla fine il Sol levante è finito in una trappola olimpica.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
giappone olimpiadi tokyo tokyo 2020
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved