Basilea
2
S.Gallo
1
1. tempo
(2-1)
Inter
1
Roma
1
1. tempo
(1-1)
DJOKOVIC N. (SRB)
0
SAFIULLIN R. (RUS)
0
1 set
(3-0)
Kloten
Zugo
19:45
 
Davos
Ajoie
19:45
 
Friborgo
Langnau
19:45
 
Bienne
Lugano
19:45
 
Ambrì
Lakers
19:45
 
Losanna
Ginevra
19:45
 
TENNIS
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
FORMULA 1
1 ora

Singapore, nona pole stagionale per Leclerc

Il monegasco scatterà davanti a Perez e Hamilton. Giallo Verstappen (solo ottavo), probabili problemi alla benzina che stava... per finire.
motociclismo
2 ore

Prima pole in MotoGP per Marco Bezzecchi

Tris Ducati in prima fila. Il pilota italiano della VR46 scatterà davanti a Jorge Martìn e Francesco Bagnaia.
Hockey
3 ore

Marco Müller (Hcl) fuori fra le due e tre settimane

La decisione dopo gli esami strumentali per valutare l’infortunio riportato nel corso della partita alla Cornèr Arena contro il Kloten
Hockey
9 ore

Ambrì-Piotta in emergenza infortuni: arriva Dario Wüthrich

Il difensore in prestito al club leventinese fino alla fine di dicembre: già a disposizione con la partita contro il Rapperswil
hockey
19 ore

A Lugano tornano le luci spente. ‘Cambiamo registro’

Cornèr Arena espugnata (per la terza volta) anche dal neopromosso Kloten. Herburger: ‘Dopo il derby pensavamo di aver intrapreso la strada giusta’.
HCL
20 ore

A Lugano si chiude tra i fischi. Con la vittoria del Kloten

Dopo le buone impressioni nel derby, i bianconeri cadono di fronte agli Aviatori, che alla Cornèr Arena centrano il loro primo successo stagionale
BOXE
21 ore

Colombia, morire sul ring a venticinque anni

Luis Quiñones non ce l’ha fatta: aveva combattuto sabato per il titolo nazionale dei pesi superleggeri, è morto a causa di un trauma cranico encefalico
Tennis
23 ore

Sofia, Hüsler non si ferma: sfiderà Musetti in semifinale

Numero uno elvetico dopo il ritiro di Federer, il ventiseienne mancino zurighese elimina il polacco Majchrzak dopo aver saputo cancellare due matchpoint
CALCIO
1 gior

Cornaredo, un fortino da tornare a difendere

Il Lugano riprende il cammino in Super League ospitando il Servette, rivelazione di inizio stagione. Assenti, tra gli altri, Bottani e Celar
FORMULA 1
1 gior

La Red Bull sfora il budget cap, a Singapore scoppia la bomba

In regola, invece, Ferrari e Mercedes. Occorrono regole più chiare e semplici. Intanto, Verstappen potrebbe diventare campione del mondo già domenica
06.01.2022 - 12:58
Aggiornamento: 17:31

Djokovic ‘sospeso’ in Australia assieme ai richiedenti asilo

Il tennista serbo, non vaccinato, ha presentato ricorso contro la decisione delle autorità di negargli il visto d’ingresso: se ne saprà di più lunedì

djokovic-sospeso-in-australia-assieme-ai-richiedenti-asilo
+5

“Rinchiuso” in un hotel di Melbourne assieme ad altri immigrati e richiedenti l’asilo almeno fino a lunedì, quando un giudice dovrebbe dargli o negargli definitivamente il via libera per entrare in Australia. Si arricchisce di un ulteriore capitolo la saga di Novak Djokovic, numero uno del tennis mondiale che mercoledì – con tanto di annuncio trionfale sui suoi social – era volato nel Paese dei canguri per disputare l’Australian Open, primo appuntamento del Grande Slam (di cui il serbo insegue il record di vittorie assoluto, che ora condivide a quota 20 con Federer e Nadal) della stagione in programma dal 17 al 30 gennaio. Un torneo per il quale il 34enne di Belgrado era sempre stato in dubbio visto che l’Australia apre i suoi confini solo ai vaccinati, così come allo stesso appuntamento sportivo dovrebbero poter prendere parte solo atleti immunizzati, mentre Nole si è sempre mostrato restio alla vaccinazione e non ha mai comunicato il suo “stato” al riguardo.

Nonostante ciò, Djokovic è volato in Australia forte un’esenzione medica che ha fatto storcere il naso a molti ma che sembrava appunto destinata ad aprirgli le porte di un Paese tra i più restrittivi dall’inizio della pandemia di Covid. Poi il colpo di scena: atterrato nell’aeroporto di Tullamarine alle 23.30 di mercoledì (le 13.30 in Svizzera), il campione serbo è stato fermato e interrogato a lungo dalle autorità di confine, che alla fine hanno deciso di annullare il suo visto, sembrerebbe anche a causa di un errore commesso dallo staff di Djokovic nella modalità di richiesta dello stesso. “Djokovic non è riuscito a fornire prove adeguate per soddisfare i requisiti di ingresso in Australia – si legge nella nota dell’Australian Border Force – e il suo visto è stato successivamente annullato”. Scott Morrison, primo ministro australiano, ha aggiunto: “Le regole sono regole, e valgono per tutti”.

Djokovic a casa quindi? No, perlomeno non ancora, perché i suoi avvocati hanno presentato ricorso contro la decisione delle autorità locali, ottenendo un’ingiunzione provvisoria che impedisce a queste ultime di espellere Djokovic almeno fino a lunedì. E l’avvocato Christopher Tran, in rappresentanza del ministro dell’immigrazione Alex Hawke, ha affermato che il governo non si è opposto a questa cosa. I legali del giocatore avranno tempo fino a sabato alle 14 per presentare le prove e le richieste di esenzione.

Nel frattempo, Novax (come è già stato ribattezzato) aspetterà – sostenuto da alcuni suoi fan scesi in strada per chiederne la “liberazione” – il verdetto al Park Hotel, situato a Carlton (un sobborgo di Melbourne) e dal 2020 utilizzato dal governo per alloggiarvi i richiedenti d’asilo (al momento circa una trentina).

‘Assurdo e vergognoso’

In un post su Instagram, il presidente serbo Aleksandar Vucic ha scritto che «tutta la Serbia è con lui», chiedendo che «le autorità prendano tutte le misure necessarie affinché cessi prima possibile il maltrattamento del miglior giocatore di tennis del mondo». Dopo Vucic, anche il ministro dello sport Vanja Udovicic è intervenuto a difesa di Novak Djokovic: «È assurdo e vergognoso, sono scioccato per il trattamento riservato a Novak e non posso credere che qualcuno possa trattare il tal modo il miglior tennista del mondo. La Serbia è con te», ha detto Udovicic citato dai media serbi. Il padre di Djokovic, Srdjan, ha parlato da parte sua di «deportazione».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved