Inghilterra
0
Senegal
0
1. tempo
(0-0)
Ajoie
Ginevra
20:00
 
TENNIS
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Sci
12 min

La domenica incorona Corine Suter. Per due centesimi

Terza gara nel weekend canadese, terzo podio per la ventottenne svittese. Poca fortuna invece per Lara, fuori dai giochi proprio mentre stava spingendo
Sci
1 ora

Il duello Kilde-Odermatt va di nuovo al norvegese

Nel SuperG di Beaver Creek i due sono separati da 20 centesimi. Terzo a 30 centesimi Pinturault, buon quarto Gino Caviezel.
Basket
1 ora

La Sam e un weekend che è un bell’affare

Spinelli sempre più leader, con quattro punti di margine grazie alla sconfitta del Vevey a opera del Boncourt. Il Lugano, invece, s’arrende a Ginevra
QATAR 2020
1 ora

Mbappé incontenibile, la Francia annienta la Polonia

Doppietta per il fenomeno del Psg, ma la selezione di Deschamps concede troppe occasioni a una Polonia finalmente propositiva
QATAR 2022
2 ore

Negli ottavi la Svizzera si gioca quattro milioni di dollari

L’Asf ha intascato 13 milioni per il superamento della fase a gironi. La Nazionale campione del mondo intascherà 42 milioni
Volley
2 ore

Düdingen troppo forte, luganesi costrette alla resa

Dopo sette vittorie filate le bianconere cadono in casa propria, con le friborghesi che chiudono il match vincendo tutti e tre i set
Ciclismo
2 ore

Ciclocross, ad Anversa domina Van der Poel

All’esordio in Coppa del mondo l’attesissimo belga Wout van Aert si deve arrendere allo strapotere dell’olandese
QATAR 2022
2 ore

La Seleçao verso la sesta stella trascinata da Pelé

I problemi di salute dell’82enne O’Rei inducono Neymar e compagni a giocare anche per colui che della maglia verdeoro è il simbolo
Formula 1
3 ore

Il Circus piange la morte di Patrick Tambay

Ex pilota parigino di Ferrari, McLaren e Renault soffriva da tempo del morbo di Parkinson. Nel 1982 vinse il suo primo Gp, dedicandolo a Gilles Villeneuve
QATAR 2022
4 ore

L’Asf e la grana di un capitano incapace di gestire le emozioni

La federazione svizzera ancora una volta nel mirino della critica dopo i nuovi eccessi di Granit Xhaka
QATAR 2022
6 ore

Una Svizzera che cresce di pari passo con l’ambizione

A 48 ore dall’ottavo di finale, nel clan rossocrociato tutti sono convinti che quella con il Portogallo rimane una sfida in bilico
Hockey
7 ore

Coppa Spengler, per l’Ambrì c’è Vili Saarijärvi

Per il torneo di Davos, Luca Cereda potrà contare sull’innesto del difensore finlandese classe 1997 del Langnau. Saarela, Michaelis e Rowe col Davos
HOCKEY
21 ore

Uno sterile Lugano cade a Bienne

Alla Tissot Arena i bianconeri dominano il primo tempo ma non pungono. Alla distanza escono i bernesi, capaci di sfruttare le occasioni e poi amministrare
20.12.2021 - 08:38
Aggiornamento: 16:37

Caso Peng, la tennista smentisce denunce di violenza sessuale

La tennista cinese ha affrontato la questione in un’intervista a un quotidiano in cinese di Singapore. La Wta rimane ‘preoccupata’

caso-peng-la-tennista-smentisce-denunce-di-violenza-sessuale
Keystone

Peng Shuai ha negato di aver mai accusato qualcuno di averla aggredita sessualmente, assicurando di essere sempre stata nella sua casa di Pechino senza che i suoi movimenti fossero limitati. La tennista cinese ha affrontato per la prima volta la questione di persona da quando è scomparsa dalla vista del pubblico all’inizio di novembre, dopo che un post sul suo account Weibo verificato aveva accusato l’ex vicepremier Zhang Gaoli di abusi sessuali. Peng ha parlato in una breve intervista avuta ieri con il quotidiano di Singapore in lingua cinese Lianhe Zaobao, a un evento a Shanghai della Federazione internazionale di sci di fondo.

Peng ha anche aggiunto che l’e-mail inviata a Steve Simon, presidente della Women’s Tennis Association (Wta, l’associazione del circuito professionistico femminile), per rassicurarlo sul suo stato era stata fatta “interamente di mia spontanea volontà”. Alla domanda sulle accuse fatte su Weibo (il Twitter cinese), cancellate dai censori di Internet del Great Firewall in pochi minuti, la tennista ha replicato: “In primo luogo, vorrei sottolineare un punto molto importante: non ho mai detto né scritto nulla che accusasse qualcuno di avermi aggredito sessualmente. Mi piace sottolineare questo punto molto chiaramente”.

Peng, che nelle immagini indossa una maglietta rossa, pantaloni neri, scarpe da ginnastica bianche e un piumino scuro con la scritta “Cina”, ha negato di essere sotto sorveglianza. Alla domanda specifica, infatti, ha risposto dopo una breve esitazione: “Perché dovrebbe essere così? Sono sempre stata molto libera”. Ha aggiunto di aver scritto la versione cinese dell’e-mail alla Wta “interamente di mia spontanea volontà”, ma il network statale Cgtn ne aveva pubblicato una versione tradotta in inglese ritenendo di non avere una sufficiente padronanza della lingua. “Ciò che è stato diffuso dalla Cgtn non era diverso da quello che intendevo trasmettere al presidente Simon”, ha aggiunto.

Sulla videochiamata avuta con il capo del Comitato olimpico internazionale Thomas Bach, Peng ha confermato di averla tenuta “da casa mia a Pechino”, aggiungendo di essergli grata per aver mostrato preoccupazione. Bach, tuttavia, era finito nella bufera delle critiche internazionali per non aver chiesto garanzie sulla sorte e lo stato della tennista durante il colloquio.

Sempre ieri, prima che si diffondesse l’intervista del Lianhe Zaobao, una giornalista del Global Times, Chen Qingqing, aveva twittato un filmato (e una foto) non verificato ricevuto da un “amico” della durata di pochi secondi in cui Peng sembra parlare con l’icona del basket cinese Yao Ming, ex star dell’Nba. Nella foto, invece, l’ex numero uno del ranking mondiale di doppio è in posa con Yao, altre due figure sportive cinesi di primo piano, quali la campionessa olimpica di vela Xu Lijia e la star del ping-pong in pensione Wang Liqin.

Peng, 35 anni, campionessa di doppio di Wimbledon e Open di Francia, è finita al centro di una tempesta mediatica globale dopo che il suo lungo post di denuncia è stato pubblicato su Weibo, accusando di abusi l’ex vicepremier Zhang Gaoli, 75 anni. La sua successiva scomparsa dal pubblico ha suscitato una diffusa preoccupazione internazionale, mobilitando anche Onu e Casa Bianca.

Wta: ‘Le apparizioni non alleviano le preoccupazioni sul benessere di Peng’

La Women’s Tennis Association (Wta), l’associazione del circuito professionistico del tennis femminile, rinnova i suoi timori sulla vicenda. “Queste apparizioni non alleviano o affrontano le significative preoccupazioni della Wta sul suo benessere e sulla sua capacità di comunicare senza censura o coercizione”, ha detto l’organizzazione in una nota, ribadendo di volere ancora un’indagine “completa, equa e trasparente, e senza censura”.

“Rimaniamo fermi nella nostra richiesta di un’indagine completa, equa e trasparente, senza censura, sulla sua accusa di violenza sessuale, che è la questione che ha dato origine alla nostra preoccupazione iniziale”, ha affermato la Wta in una nota. “È stato bello vedere di nuovo Peng Shuai in un ambiente pubblico e speriamo certamente che stia bene”, ma “come abbiamo costantemente affermato, queste apparizioni non alleviano o affrontano le preoccupazioni significative della Wta sul suo benessere e sulla sua capacità di comunicare senza censura o coercizione”, ha aggiunto l’associazione. La Cina, che non ha commentato direttamente il post iniziale di denuncia di Peng, ha criticato la scelta della Wta di sospendere i tornei in Cina e a Hong Kong, opponendosi “alla politicizzazione dello sport”.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved