federer-la-balbuzie-e-il-ginocchio-a-londra-e-secondo-turno
Un colpo in contropiede e il ginocchio che cede. Per il francese fine corsa all'inizio del quinto set (Keystone)
TENNIS
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
CORSA D'ORIENTAMENTO
1 ora

Staffetta amara per la Svizzera ai Mondiali in Danimarca

Un clamoroso errore di Joy Hadorn in seconda frazione impedisce agli elvetici di salire sul podio e li costringe a un amaro quarto posto. Oro alla Svezia
CICLISMO
2 ore

Robin Froidevaux e Caroline Baur nuovi campioni svizzeri

A Steinmaur il vodese ha preceduto Reichenbach, Stüssi e Schmid. In campo femminile, argento per la ticinese Linda Zanetti nelle U23
MOTO-E
5 ore

Aegerter chiude 2° ad Assen

Ottimo weekend per l’elvetico, che aveva vinto la gara di sabato
ATLETICA
5 ore

Nei 400 metri Ricky Petrucciani deve accontentarsi dell’argento

Ancora una medaglia ticinese sabato ai campionati svizzeri. L’onsernonese è stato battuto nel rettilineo finale da Lionel Spitz
CALCIO
5 ore

Ardaiz passa dallo Sciaffusa al Lucerna

Ritorno in Super League per l’uruguaiano ex Lugano che la scorsa stagione era stato il miglior realizzatore della Challenge League (20 reti)
CICLISMO
6 ore

Nils Politt campione di Germania

Arrivo in solitaria per il 28enne della Bora, Arndt secondo, Geschke terzo
PALLANUOTO
6 ore

Per gli Sharks la corsa al titolo parte dai quarti di finale

Un solo punto racimolato dal Lugano nell’ultimo weekend in Romandia. Nei playoff il primo avversario sarà il Carouge. Gara 2 al Lido il 2 luglio
MotoGP
6 ore

Bagnaia e Bezzecchi, doppietta italiana ad Assen

Terzo posto in classe regina per Maverick Viñales, cade due volte Quartararo
MOTO2
8 ore

Assen, vince Augusto Fernandez

Lo spagnolo raggiunge Vietti in testa al Mondiale
29.06.2021 - 19:56
Aggiornamento : 22:12

Federer, la balbuzie e il ginocchio: a Londra è secondo turno

Un buon avvio, poi un incubo da cui il renano pare uscire con le proprie forze, prima del forfait di Mannarino, kappaò per un guaio fisico. Ora sfiderà Gasquet

A differenza di Belinda Bencic, per non citare che lei, Roger Federer è tra i pochi privilegiati che possono mettere piede in campo in un martedì segnato dalla pioggia, agli Internazionali d'Inghilterra. Con il basilese che inizia al coperto, sotto il tetto del centrale, la sua ventiduesima apparizione nel singolare a Wimbledon (un record, manco a dirlo), opposto al francese Adrian Mannarino contro cui, in vita sua, ha perso in una sola occasione su ben sette confronti diretti. Tuttavia, stavolta per Roger nazionale, senz'altro poco rinfrancato dalle sue ultime apparizioni, il pomeriggio parte subito in salita: ben tre palle break d'entrata concesse all'avversario, situazione a dir poco drammatica in cui, però, il numero 8 al mondo riesce a salvarsi nel più convincente dei modi. E convincente è anche il seguito della prima frazione per l'elvetico, che sul 5-4 con Mannarino al servizio si crea le prime due palle set, concretizzando la seconda (che è pure la sesta palla break in totale) per il più classico dei 6-4. 

Anche nel secondo set l'equilibrio regna sovrano, con Federer che sembra tanto a suo agio quand'ha il servizio dalla sua, mentre sulla battuta del francese si mostra ben più discreto. Alla fine la decisione arriva al tie break, dopo tre quarti d'ora di scambi, dove il renano spara subito un dritto in rete e poi sbaglia praticamente tutti i colpi, mentre il suo rivale, aiutato anche dal nastro, arriva fin sul 5-1 e poi sul 7-3: tutto da rifare, insomma, dopo 1 ora e 31 minuti di gioco.

E il terzo set inizia com'era finito il secondo, con l'elvetico che continua a balbettare il suo tennis, e dopo 10 minuti Mannarino ha già in tasca il primo break. Federer però reagisce, si carica da solo, stringe il pugno e riesce a riportare in quota il suo tennis, sfruttando la seconda opportunità per l'immediato controbreak, tornando sul 2-1. Il 2-2 che arriva subito dopo, però, è ingannevole: sul 3-2, infatti, il francese gli strappa di nuovo il servizio, addirittura con un gioco in bianco, lanciandosi verso la conquista di un secondo set filato, dopo 2 ore e 6 minuti di gioco. 

Col pubblico tutto votato alla sua causa, Federer si aggrappa alle energie che gli restano ma pure al suo talento. Così, in avvio di quarta frazione la testa di serie numero 6 comincia a spingere: finalmente c'è il break, e poi via, spedito fin sul 4-1, con il renano che si crea altre due chance, ma non le riesce a sfruttare. Poi, ecco il colpo di scena, al settimo gioco: preso in contropiede, Mannarino scivola e il ginocchio ha la peggio. A quel punto, sul 4-2 (15-15) entra in scena il medico, e dopo qualche manipolazione, tra il giubilo del pubblico, il francese riprende  posto in campo. Il tennis sarà anche sacrificio, ma non è uno sport in cui si può star fermi: così sul 6-2 si chiude il set, e fanno due a testa in 2 ore e 42 minuti di gioco. Mannarino, tuttavia, capisce che continuare così non ha senso, e dopo un solo colpo nel quinto set getta la spugna. Tra gli applausi. Meritati, sul serio. E Federer non dirà certo il contrario. Anzi: «È terribile che un semplice punto possa cambiare l'esito di una partita, una stagione e persino una carriera: spero che non sia troppo grave per lui. Meritava di vincere, era lui il migliore in campo», sono le prime parole di Roger. Che al secondo turno attende un altro francese, il trentacinquenne Richard Gasquet. 

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
federer mannarino roger federer wimbledon wimbledon federer

TENNIS: Risultati e classifiche

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved