SPORT
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Hockey
7 ore

L’hockey stravagante di Sankt Moritz ’48

75 anni fa, al termine di una lunga pausa forzata, per ospitare i primi Giochi dopo la pace ritrovata furono scelte la Svizzera e le nevi engadinesi
il dopopartita
12 ore

L’Ambrì espugna Zugo ‘con la testa e con la lotta’

Uno spunto di Heed dopo 14" di overtime regala la decima vittoria da due punti ai suoi. Pestoni: ‘Ora sottovalutare l’Ajoie sarebbe un errore gigantesco’.
IL DOPOPARTITA
12 ore

Lugano in bianco in un martedì nero. ‘Questione di feeling’

Cinque schiaffi nel primo tempo, triste primato di una partita che si spegne subito. Gianinazzi ‘Probabilmente, un domani gestirei la cosa diversamente’
Altri sport
13 ore

Hockey su prato, Lugano promosso in Serie B Indoor

Decisivi i due successi ottenuti contro Grasshopper e Berna al torneo finale di Prima Lega a Zurigo
Hockey
14 ore

Tim Heed regala due punti d’oro all’Ambrì Piotta

Ottima prestazione dei leventinesi a Zugo: la sfida ha premiato la truppa di Cereda, vittoriosa 3-2 dopo l’overtime
Hockey
14 ore

Nuovo tonfo del Lugano, gode il Friborgo

Dolorosa sconfitta per la truppa di Luca Gianinazzi: ospiti padroni totali alla Cornèr Arena e vincenti per 6-1, con cinque gol nei primi 20’.
Unihockey
17 ore

Ticino fermato dal Kloten

I bellinzonesi, sconfitti in casa dai Jets 7-3, chiudono settimi in classifica e sfideranno nei playoff l’Ad Astra
sci nordico
17 ore

Campionati regionali, vince un... varesino

Fra le donne successo di Manuela Leonardi di Bedretto, fra le ragazze vince Anna Pronzini e fra i ragazzi Levin Arduser
Basket
18 ore

Nancy Fora: ‘Importante la cultura del lavoro’

La cestista ticinese spiega i segreti dei successi dell’Elfic Friborgo, squadra che in Svizzera non ha praticamente rivali
Basket
18 ore

Mercoledì di nuovo in campo Lugano e Massagno

La Sam vincitrice della Coppa di Lega ospita il Neuchatel, mentre i Tigers ricevono il Vevey forse privo di Sefolosha
Tennis
18 ore

Golubic subito sconfitta a Lione

Ancora a secco di successi in un tabellone principale nel 2023 la trentenne tennista rossocrociata
Tennis
1 gior

Djokovic più forte di tutti e di tutto

Il serbo ha conquistato l’Open australiano mostrando, oltre a una netta superiorità tecnica, pure una forza mentale impressionante
Calcio
1 gior

Gattuso lascia il Valencia

Il campione del mondo 2006, 14° in classifica nel campionato spagnolo, se ne va in accordo col club
Hockey
1 gior

Addio a Bobby Hull

Una delle leggende della Nhl - e dei Chicago Blackhawks - si è spenta lunedì a 84 anni
Calcio
1 gior

‘Situazione difficile, aiuteremo i giocatori’

Dopo il fallimento del Fc Chiasso, i sindacati hanno incontrato i calciatori e hanno spiegato loro come muoversi per far valere i propri diritti
L’ANGOLO DELLE BOCCE
1 gior

Ad Anna Giamboni la prima gara del circuito femminile 2023

A Dietikon, l’esponente della Gerla ha superato in finale la bleniese Lorella Ferrari con il punteggio di 12-2
CROSS
1 gior

Roberto Delorenzi vince a Moghegno

La prova generale dei Campionati svizzeri di cross 2024 nobilitata dalla presenza di alcuni talenti confederati protagonisti delle prove di Cross Cup
SCI ALPINO
1 gior

Diciannove nomi nella selezione rossocrociata per i Mondiali

Rimangono liberi cinque posti che verranno assegnati dopo lo slalom maschile di sabato a Chamonix
VOLLEY
1 gior

Doppia sconfitta, ma il Bellinzona esce a testa alta

Le ragazze della capitale superate sabato in campionato dal Lucerna e domenica in Coppa dal Lugano
BASKET
1 gior

Juwann James, quando il senso del dovere è più forte del dolore

Asterischi a margine della finale di Sbl Cup vinta dalla Spinelli Massagno. Lo statunitense avrebbe meritato il riconoscimento di Mvp
COSE DELL’ALTRO MONDO
1 gior

Eagles e Chiefs staccano il biglietto per il Super Bowl

Philadelphia supera San Francisco colpito dalla sfortuna, Kansas City si prende la rivincita su Cincinnati grazie a uno stupido fallo
laR
 
16.03.2021 - 18:00
Aggiornamento: 18:16

Lara, Marco e quei numeri da Circo (Bianco)

Il maltempo rischia di troncare la corsa di Gut-Behrami e Odermatt verso una Coppa del mondo resa iniqua già in partenza da un regolamento inadatto

lara-marco-e-quei-numeri-da-circo-bianco
+1

“Il programma delle gare durante le Finali di Coppa del mondo non può essere modificato e le prove che vengono cancellate non saranno recuperate”.

Parla chiaro, l’articolo 18.1 del regolamento della Coppa del mondo di sci alpino della Fis. Ossia quello che in sostanza rischia di rovinare, sommato al maltempo che imperversa sui Grigioni, il finale della stagione del Circo Bianco, togliendo alla settimana conclusiva in quel di Lenzerheide molto del phatos che delle classifiche (sia di specialità sia generali) ancora apertissime sembravano poter regalare. Sì perché se gli organizzatori e la stessa Federazione internazionale stanno facendo di tutto per tentare di salvare le due discese in programma domani – dopo l’annullamento anche del secondo allenamento di oggi, si proverà a effettuarne uno (imprescindibile per poter svolgere la gara) al mattino presto, prima appunto delle due competizioni –, sarebbe una grande (per quanto gradita) sorpresa vedere gli atleti lanciarsi sulla pista Silvano Beltrametti, sulla quale secondo le previsioni dovrebbe continuare a nevicare fino almeno a mezzogiorno. Con tanti saluti a gran parte delle speranze di Lara Gut-Behrami e Marco Odermatt di recuperare, grazie in particolare appunto alle prove veloci (giovedì toccherebbe ai superG), rispettivamente i 96 e i 31 punti di ritardo da Alexis Pinturault e Petra Vlhova nella lotta per il grande globo di cristallo, mentre le coppe di specialità finirebbero nella bacheca di Beat Feuz (grazie ai 68 punti di margine sull’austriaco Mayer) e Sofia Goggia (+70 su Corinne Suter).

A prescindere da come andrà a finire domani e in generale la stagione, a sci fermi in casa Fis dovranno perlomeno chinarsi su un regolamento che sta facendo discutere e non solo per il citato paragrafo riguardante le finali della Coppa del mondo, che per un’organizzazione che punta sulla spettacolarizzazione (i paralleli e le corse in notturna ne sono un esempio) rischia di trasformarsi in un autogol. A far storcere il naso c’è anche (soprattutto) la differenza di gare disputate per ogni disciplina, più che mai evidente in un inverno 2020/2021 va detto condizionato anche dalla pandemia. Anche se tutte le gare delle finali dovessero svolgersi come previsto, la bilancia risulterebbe infatti chiaramente spostata dalla parte delle discipline tecniche (slalom, gigante e parallelo) rispetto a quelle veloci (discesa e superG).

In numeri, in campo maschile sulle 37 prove disputate, ben il 60 per cento (22, di cui 10 giganti e 11 speciali) apparterrebbe al primo gruppo, contro solo il 40 per cento del secondo (15, 8 discese e 7 superG). Meno marcata ma comunque importante la differenza tra le donne, con circa il 55 per cento di prove tecniche (18 su 33, di cui 8 giganti e 9 slalom) e il 45 per cento veloci (15, 8 discese e 7 superG). Come dire che non è certo un caso se tanto al maschile quanto al femminile, tre dei primi quattro atleti nelle classifiche generali sono specialisti delle discipline tecniche, esclusi appunto il nidvaldese e la ticinese, a maggior ragione autori di un’annata incredibile nella quale hanno dovuto lottare anche contro l’iniquità di base di un regolamento da rivedere al più presto.

Mauro Pini: ‘Il numero di gare per disciplina deve essere lo stesso’

«L’iniquità del programma e la differenza del numero tra prove veloci è l’eterno problema della Coppa del mondo – afferma Mauro Pini, ex allenatore tra le altre di Lara Gut e Tina Maze che si trova a Lenzerheide in qualità di commentatore tecnico per la Rsi –. Se ne discute da sempre e tutti ritengono che di base in una stagione dovrebbe venir disputato lo stesso numero di gare per ogni disciplina (il regolamento afferma solo che per assegnare un globo di cristallo devono venir svolte almeno due prove sull’arco dell’inverno, ndr), ma poi al momento di decidere, non cambia nulla, tutti accettano il regolamento così com’è. Compresa la Federazione svizzera, che a ben vedere avrebbe tutto l’interesse a fare più gare di velocità con una squadra così forte. Perché non succede? Potremmo chiederlo al prossimo presidente della Fis (l’elvetico Urs Lehmann?)...».

Battute a parte, se da così tanto tempo (il circuito mondiale è nato nel 1966) non si sono adottate soluzioni, è anche perché è difficile trovarne… «È chiaro che essendo uno sport che si svolge all’aria aperto e quindi condizionato dalla meteo, le prove veloci sono maggiormente a rischio annullamento rispetto a quelle tecniche, basta un po’ di vento e diventa pericoloso far lanciare gli atleti in discesa. C’è anche da dire che è più complicato, sia dal punto di vista logistico sia dei costi, organizzare le gare veloci, tanto che è sempre più difficile trovare nuove stazioni e nuove piste per questo tipo di discipline. Proprio per questo però bisognerebbe inserire nel regolamento almeno un “gap” massimo (ad esempio 2) accettabile tra il numero di prove disputate per disciplina, in modo se non da azzerarlo, perlomeno da ridurre in maniera significativa il divario. Chissà poi che magari un aiuto non possa arrivare dalla formula sperimentata giocoforza quest’anno, con più prove della stessa specialità disputate nello stesso weekend».

Da notare che il punto 18.6 del regolamento impedisce di fissare gare di Coppa del mondo dopo le finali, ma allo stesso tempo specifica che i vertici della Fis possono decidere, in caso di annullamento di diverse prove durante la stagione, di posticipare le finali stesse in modo da recuperare alcune prove… «È vero, ma in una stagione come questa che già finisce una settimana dopo per i Mondiali e nella quale alcune Federazioni hanno ancora i Campionati nazionali da disputare, non ci sarebbe stato spazio per farlo. Il problema da risolvere come detto è a monte, la stagione è giusto che finisca come previsto, ma il numero di gare dovrebbe essere lo stesso per ogni disciplina».

‘Rendere modificabile il programma delle finali sarebbe pericolosissimo’

Per quel che riguarda invece il punto 18.1 del regolamento della Cdm e l’impossibilità che ne consegue di modificare il programma delle finali, Pini è deciso nell’affermare che «in questo caso secondo me non ci sono problemi, il regolamento parla chiaro ed è giusto così, cambiarlo sarebbe sbagliato. La Coppa del mondo deve finire un giorno ed è giusto che questo giorno sia definito e non si possa andare oltre, così come è corretto che il programma dell’ultima settimana sia bloccato, perché altrimenti si aprirebbero le porte a rischiossimi giochi di potere e pressioni. Nel caso di Lenzerheide ad esempio ci sarebbe Swiss Ski che spingerebbe per spostare la discesa e favorire così i suoi atleti, mentre quelle francese e slovacca spingerebbero per il contrario. Oltretutto ci sono atleti impegnati solo in alcune gare e che arrivano in loco appunto unicamente per le loro competizioni, per cui non sarebbe possibile modificare tutto all’ultimo momento. Allo stato attuale tutto è molto chiaro e definito e non c’è spazio per le polemiche, si può solo accettarlo, per quanto sia un peccato non potersi godere fino all’ultimo in pista la lotta per le varie coppe».

Una lotta che secondo l’airolese sarebbe in ogni caso quasi impossibile da vincere per la sua ex atleta… «Anche disputando tutte le gare in programma, per Lara sarebbe complicato superare Vlhova, che bene o male è in grado di raccogliere punti in ogni disciplina. Le do un 20 per cento di possibilità. Opposto il discorso per Odermatt, che per stato di forma e situazione psicologica secondo me è favorito su Pinturault».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved