rossocrociati-primi-non-certo-per-caso
SPORT
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
CICLISMO
36 sec

La pandemia non intacca le finanze di Swiss Cycling

L'assemblea dei delegati certifica la chiusura in pareggio dei conti. Dal profilo sportivo i Mondiali di Imola quale fiore all'occhiello
Hockey
13 ore

Cunti beffa l'Ambrì, costretto alla resa al supplementare

Un tocco del topscorer del Bienne al 61'01'' decide una sfida che la squadra di Cereda, sotto 2-0 al 27', era riuscita a riaprire per ben due volte
Calcio
15 ore

Un cinico Lugano spazza via l'aria di crisi

I bianconeri vincono 3-0 a Sion una sfida fondamentale in chiave classifica e riassaporano il gusto della vittoria dopo sette partite
Hockey
15 ore

La National League rinvia decisioni e riforme

La Lega attenderà la fine della stagione. I giocatori saranno maggiormente coinvolti in tutte le discussioni
Hockey
17 ore

Ambrì, stagione conclusa per Matt D'Agostini

Tempi di recupero lunghi per il 34enne canadese. Julius Nättinen riprenderà a giocare presto, una volta riassorbito l'ematoma alla coscia sinistra
PODISMO
17 ore

Niente Giro della Media Blenio nemmeno nel 2021

Per il secondo anno consecutivo la manifestazione è stata annullata a causa della pandemia di Covid-19. L'alternativa della pratica individuale
Sci freestyle
18 ore

Nicole Gasparini terza ad Airolo, Conedera e Buzzi nel Top-10

Ottimi risultati dei ticinesi nel moguls negli ultimi due appuntamenti della Raiffeisen Fis Freestyle Ski Europa Cup Airolo 2021
SCI NORDICO
20 ore

La Norvegia domina la staffetta, Svizzera settima

Solida prestazione del quartetto rossocrociato in una gara che ha visto salire sul podio mondiale anche Russia e Finlandia. Grande delusa, la Svezia solo sesta
ATLETICA LEGGERA
21 ore

Simon Ehammer sogna una medaglia nell'eptathlon

Agli Europei indoor di Torun la delegazione svizzera presenta 23 atleti. Nell'asta Angelica Moser spera di fare meglio del quarto posto del 2019
SCI ALPINO
22 ore

Feuz pronto per l'assalto alla Coppa di specialità

Il bernese ha chiuso all'ottavo posto la seconda prova cronometrata in vista delle due discese di Saalbach. Bene Weber (5.), Odermatt undicesimo
CICLISMO
22 ore

Il Tour de Suisse numero 84 da Frauenfeld ad Andermatt

Svelato il percorso della corsa nazionale in programma, pandemia permettendo, dal 6 al 13 giugno. Venerdì 11 la carovana transiterà dal Ticino
Hockey
1 gior

Il Lugano pronto a rinnovare la collaborazione con i Rockets

La società bianconera, azionista di minoranza dell'Hockey Club Biasca Sa, conferma la disponibilità a continuare la cooperazione per la stagione 2021-22
BASKET
1 gior

Sam battuta sul filo di lana, Olympic in semifinale

Il quarto di Coppa a Nosedo deciso da un 'tap-in' di Cotture, e il Friborgo supera l'ostacolo Massagno. Gubitosa: 'Siamo mancati nell'insieme'
Sci alpino
19.01.2021 - 18:460
Aggiornamento : 19:14

Rossocrociati primi non certo per caso

Al giro di boa della stagione la Svizzera guida con un buon margine sull'Austria la classifica per nazioni. Reusser: ‘La squadra è vincente in ogni settore’

Vincitrice della classifica generale di Coppa del mondo lo scorso inverno, dopo una lunga astinenza a beneficio dei grandi rivali dell’Austria che dominavano dall’ormai lontano 1988, la Svizzera dello sci al giro di boa della stagione ha confermato il proprio statuto di regina delle nevi. Nonostante gli austriaci siano in ripresa, Gut-Behrami, Gisin, Odermatt e compagnia hanno allungato il passo.

Nella passata stagione la classifica finale per nazioni diceva Svizzera 8732 punti, Austria 7694. Un prepotente ritorno al vertice non riconducibile però alla prematura interruzione della stagione a causa del coronavirus, né all’improvviso miglioramento del rendimento dei migliori atleti rossocrociati. Tant’è vero che il risultato parziale, dopo la disputa di metà delle gare in calendario, oggi dice Svizzera 5055, Austria 4451. «Siamo riusciti a confermarci ai livelli che avevamo raggiunto nella scorsa stagione nonostante tutte le incertezze  e le difficoltà legate alla pandemia - ha spiegato Walter Reusser, direttore del settore alpino in seno a Swiss-Ski. Abbiamo ripreso dal punto in cui avevamo lasciato. In ogni disciplina possiamo contare su atlete e atleti che possono vincere una gara o che già hanno vinto».

25 podi, 6 vittorie

Non a caso, il margine della Svizzera sulle nazioni inseguitrici si è allargato. A dimostrazione che la crescita della squadra elvetica non è frutta dell’estemporaneità, né delle contingenze molto particolari con le quali anche lo sci si deve per forza confrontare. Un dato che potrebbe apparire sorprendente se si prendono in considerazione solo i piazzamenti sul podio ottenuto dai rossocrociati con più o meno lo stesso numero di gare disputate, rispetto a un anno fa: quest’inverno sono 25, contro i 22 della scorsa stagione, raggiunti da una dozzina di atleti. Il numero delle vittorie - sei - è invece identico. 

In carica dal dicembre 2019, Reusser la spiegazione alla base di questa ulteriore crescita l’ha trovata. «Abbiamo continuato a lavorare con profitto per quanto attiene l’ampiezza dei quadri dando stabilità alle squadre di tutte le discipline. Ora possiamo contare su atleti validi ed emergenti in ogni settore. La seconde linee si stanno facendo largo, le loro prestazioni sono utili anche per lo spirito di gruppo. I nuovi impulsi giovano anche alla vecchia guardia, motivata a spingere per ribadire quanto vale e difendere quanto ha ottenuto all’interno della squadra».

Media di 144 punti a gara 

L’effetto positivo di questi continui progressi che riguardano talenti e atleti già affermati e vincenti è del resto certificato dai numeri: la media punti raccolta dagli atleti rossocrociati è salita dai 123 per gara del passato inverno agli attuali 144. «Un enorme passo avanti. In ogni disciplina ci stiamo esprimendo ad altissimi livelli. Se non fosse così non saremmo certo vicini ai 150 punti di media per gara». Numeri superiori al passato che il dirigente bernese riconduce in gran parte ai progressi fatti dalle ragazze, «enormi in gigante, significativi anche in slalom».

Se dovesse indicare il segreto per l’attuale primo posto nella classifica per nazioni davanti all’Austria, Reusser porrebbe l’accento proprio sull’ampiezza del ventaglio di opzioni che porta la Svizzera a essere competitiva e vincente in ogni disciplina. «Ciascuno motiva e sprona l’altro, tutti si spingono vicendevolmente. Ciascun atleta sa che non è l’unico responsabile degli ottimi risultati della squadra, della quale non è quindi l’unico a doversi fare carico. I risultati li portano a casa tutti, nessuno deve fare il salvatore della patria. Una consapevolezza che è di grande aiuto, è foriera di serenità».

C'è ottimismo per il resto della stagione

L’attuale classifica, però, non va letta con superficialità. «Anche l’Austria è molto competitiva un po’ ovunque. Solo in gigante, principalmente con gli uomini, in parte anche nelle donne, non sono ancora al livello auspicato. Per il resto, è una squadra ben equilibrata anche la loro».

Nonostante i dubbi e gli interrogativi relativi all’emergenza sanitaria, Reusser è ottimista circa la seconda metà della stagione che prevede i Mondiali di Cortina e le finali di Coppa del mondo a Lenzerheide. «Noi di Swiss-Ski, così come molti altri, stiamo investendo molto affinché questa emozionante stagione si possa svolgere il più regolarmente possibile. Al momento la situazione non è drammatica, ma sono ben cosciente di come le cose possano mutare da un momento all’altro, si pensi solo a quanto accaduto con le gare in programma a Wengen e Kitzbühel».

SPORT: Risultati e classifiche

© Regiopress, All rights reserved