Basilea
0
Losanna
0
2. tempo
(0-0)
Lugano
Sion
16:30
 
S.Gallo
Grasshopper
16:30
 
Spezia
1
Sassuolo
0
1. tempo
(1-0)
Venezia
3
Verona
0
1. tempo
(3-0)
Davos
2
Ambrì
0
1. tempo
(2-0)
GCK Lions
0
Winterthur
1
1. tempo
(0-1)
Turgovia
Olten
17:00
 
Basilea
0
Losanna
0
2. tempo
(0-0)
Lugano
Sion
16:30
 
S.Gallo
Grasshopper
16:30
 
Spezia
1
Sassuolo
0
1. tempo
(1-0)
Venezia
3
Verona
0
1. tempo
(3-0)
Davos
2
Ambrì
0
1. tempo
(2-0)
GCK Lions
0
Winterthur
1
1. tempo
(0-1)
Turgovia
Olten
17:00
 
rossocrociati-primi-non-certo-per-caso
SPORT
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
UNIHOCKEY
38 min

Repubblica Ceca battuta, la Svizzera è medaglia di bronzo

Bella prestazione delle elvetiche ai Mondiali di Uppsala, dopo la pesante sconfitta di sabato in semifinale contro la Svezia (14-1)
VOLLEY
2 ore

Lugano battuto, ma a testa alta

Le ticinesi superate 3-1 dal Pfeffingen, al termine di quella che è stata la migliore prestazione della stagione
Gallery
Hockey
17 ore

Decisivo Loeffel, a Berna il Lugano coglie due punti pesanti

I bianconeri pareggiano il conto all’ultimo minuto a 6-4 per merito del topscorer Luca Fazzini e si impongono ai rigori grazie all’estro del difensore
Gallery
Hockey
17 ore

Un buon Ambrì si arrende solo all’overtime ai Lions

Il ‘ruggito’ di Hollenstein al 63’46" mette fine a una partita particolarmente combattuta. Per i leventinesi a bersaglio Heim e McMillan
Hockey
21 ore

Dominic Zwerger ‘out’ fino a dopo la pausa Nazionale

Il giocatore dell’Ambri Piotta ha subìto una lesione muscolare durante l’allenamento di venerdì mattina
calcio e finanza
1 gior

È ancora Italia-Svizzera, la partita delle plusvalenze

Indagini sull’utilizzo spinto della formula per scambiare calciatori da parte della Juventus e altri club di A: nel mirino gli affari con Lugano e Basilea
Tennis
1 gior

In Davis Djokovic non basta: la Serbia è fuori

Mektic e Pavic dettano legge, e la Croazia è in finale. Se la vedrà con la vincitrice dell’altra sfida tra Germania e Russia, in programma domani
Formula 1
1 gior

A proposito di Arabia e Hinwil

Picci e Vasseur, convivenza turbolenta in casa Sauber. Nelle libere le Mercedes di Hamilton e Bottas precedono GAsly e Verstappen
Sci
1 gior

Sofia Goggia ha i razzi ai piedi, Lara invece è attardata

Nella libera di Lake Louise l’italiana lascia solo le briciole alle avversarie: quasi un secondo e mezzo alla seconda classificata, l’americana Johnson
Sci
1 gior

Odermatt è ancora da podio. Ma alle spalle di Kilde

A Beaver Creek è il norvegese a trionfare nel secondo superG in 24 ore sulle nevi del Colorado, dove il talento nidvaldese è battuto per soli 3 centesimi
Hockey
1 gior

La pandemia posticipa la festa dell’Ambrì Piotta

Slitta a data da definirsi la festa (prevista sabato 18 dicembre) per l’inaugurazione del nuovo stadio biancoblù
Hockey
1 gior

‘Spiace che la notizia sia già uscita, ma va bene pure così’

Ultima stagione di Fora con l’Ambrì. Che poi, per quattro anni, giocherà a Davos. ‘Il ricordo più bello? Speriamo debba ancora arrivare’
Gallery
Basket
1 gior

Per Sam e Tigers conta vincere, seppur per motivi diversi

Domenica Massagno ospita l’Olympic, domani il Lugano di scena all’Elvetico contro la cenerentola Monthey
Sci alpino
19.01.2021 - 18:460
Aggiornamento : 19:14

Rossocrociati primi non certo per caso

Al giro di boa della stagione la Svizzera guida con un buon margine sull'Austria la classifica per nazioni. Reusser: ‘La squadra è vincente in ogni settore’

Vincitrice della classifica generale di Coppa del mondo lo scorso inverno, dopo una lunga astinenza a beneficio dei grandi rivali dell’Austria che dominavano dall’ormai lontano 1988, la Svizzera dello sci al giro di boa della stagione ha confermato il proprio statuto di regina delle nevi. Nonostante gli austriaci siano in ripresa, Gut-Behrami, Gisin, Odermatt e compagnia hanno allungato il passo.

Nella passata stagione la classifica finale per nazioni diceva Svizzera 8732 punti, Austria 7694. Un prepotente ritorno al vertice non riconducibile però alla prematura interruzione della stagione a causa del coronavirus, né all’improvviso miglioramento del rendimento dei migliori atleti rossocrociati. Tant’è vero che il risultato parziale, dopo la disputa di metà delle gare in calendario, oggi dice Svizzera 5055, Austria 4451. «Siamo riusciti a confermarci ai livelli che avevamo raggiunto nella scorsa stagione nonostante tutte le incertezze  e le difficoltà legate alla pandemia - ha spiegato Walter Reusser, direttore del settore alpino in seno a Swiss-Ski. Abbiamo ripreso dal punto in cui avevamo lasciato. In ogni disciplina possiamo contare su atlete e atleti che possono vincere una gara o che già hanno vinto».

25 podi, 6 vittorie

Non a caso, il margine della Svizzera sulle nazioni inseguitrici si è allargato. A dimostrazione che la crescita della squadra elvetica non è frutta dell’estemporaneità, né delle contingenze molto particolari con le quali anche lo sci si deve per forza confrontare. Un dato che potrebbe apparire sorprendente se si prendono in considerazione solo i piazzamenti sul podio ottenuto dai rossocrociati con più o meno lo stesso numero di gare disputate, rispetto a un anno fa: quest’inverno sono 25, contro i 22 della scorsa stagione, raggiunti da una dozzina di atleti. Il numero delle vittorie - sei - è invece identico. 

In carica dal dicembre 2019, Reusser la spiegazione alla base di questa ulteriore crescita l’ha trovata. «Abbiamo continuato a lavorare con profitto per quanto attiene l’ampiezza dei quadri dando stabilità alle squadre di tutte le discipline. Ora possiamo contare su atleti validi ed emergenti in ogni settore. La seconde linee si stanno facendo largo, le loro prestazioni sono utili anche per lo spirito di gruppo. I nuovi impulsi giovano anche alla vecchia guardia, motivata a spingere per ribadire quanto vale e difendere quanto ha ottenuto all’interno della squadra».

Media di 144 punti a gara 

L’effetto positivo di questi continui progressi che riguardano talenti e atleti già affermati e vincenti è del resto certificato dai numeri: la media punti raccolta dagli atleti rossocrociati è salita dai 123 per gara del passato inverno agli attuali 144. «Un enorme passo avanti. In ogni disciplina ci stiamo esprimendo ad altissimi livelli. Se non fosse così non saremmo certo vicini ai 150 punti di media per gara». Numeri superiori al passato che il dirigente bernese riconduce in gran parte ai progressi fatti dalle ragazze, «enormi in gigante, significativi anche in slalom».

Se dovesse indicare il segreto per l’attuale primo posto nella classifica per nazioni davanti all’Austria, Reusser porrebbe l’accento proprio sull’ampiezza del ventaglio di opzioni che porta la Svizzera a essere competitiva e vincente in ogni disciplina. «Ciascuno motiva e sprona l’altro, tutti si spingono vicendevolmente. Ciascun atleta sa che non è l’unico responsabile degli ottimi risultati della squadra, della quale non è quindi l’unico a doversi fare carico. I risultati li portano a casa tutti, nessuno deve fare il salvatore della patria. Una consapevolezza che è di grande aiuto, è foriera di serenità».

C'è ottimismo per il resto della stagione

L’attuale classifica, però, non va letta con superficialità. «Anche l’Austria è molto competitiva un po’ ovunque. Solo in gigante, principalmente con gli uomini, in parte anche nelle donne, non sono ancora al livello auspicato. Per il resto, è una squadra ben equilibrata anche la loro».

Nonostante i dubbi e gli interrogativi relativi all’emergenza sanitaria, Reusser è ottimista circa la seconda metà della stagione che prevede i Mondiali di Cortina e le finali di Coppa del mondo a Lenzerheide. «Noi di Swiss-Ski, così come molti altri, stiamo investendo molto affinché questa emozionante stagione si possa svolgere il più regolarmente possibile. Al momento la situazione non è drammatica, ma sono ben cosciente di come le cose possano mutare da un momento all’altro, si pensi solo a quanto accaduto con le gare in programma a Wengen e Kitzbühel».

SPORT: Risultati e classifiche

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved