SPORT
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Hockey
11 ore

Grazie a Klok il Lugano decolla e atterra sopra il Kloten

Dopo lo Zugo, i bianconeri mettono sotto anche gli Aviatori e salgono al nono posto in classifica, strappandolo proprio alla formazione zurighese
Tennis
11 ore

Stan ottiene il punto decisivo: Svizzera alle finali di Davis

In svantaggio 2-1 dopo la sconfitta nel doppio, i rossocrociati ribaltano la sfida con la Germania grazie ai successi di Hüsler e Wawrinka
Sci
19 ore

A Chamonix lo slalom parla svizzero: primo Zenhäusern, 3° Yule

Due svizzeri sul podio dello slalom per la prima volta dal 1978. Fuori il francese Noel, in testa dopo la prima manche. Primo podio greco con Ginnis
IL DOPOPARTITA
1 gior

‘Volevamo questa reazione’. E il Lugano torna decimo

I bianconeri battono lo Zugo per la quarta volta (su quattro) e si riscattano dopo la partitaccia con il Friborgo. Guerra: ‘Ma non è ancora finita’
IL DOPOPARTITA
1 gior

Ambrì ancora beffato. ‘Sono tre punti buttati’

I biancoblù pagano il 2-0 e vengono sconfitti dall’Ajoie nonostante un largo dominio. Chlapik: ‘Usiamo la rabbia per reagire a Zurigo’.
Tennis
1 gior

Davis, dopo il venerdì Svizzera e Germania sull’1-1

Il successo di Hüsler non basta: nulla da fare per Stan Wawrinka nel duello con il numero uno tedesco Alexander Zverev
Hockey
1 gior

Ambrì, una sconfitta che non ci voleva

La compagine biancoblù si è inchinata all’Ajoie davanti ai propri tifosi: all’overtime decide tutto un gol di Frossard.
Hockey
1 gior

Il Lugano rialza la testa a Zugo e torna a casa con tre punti

Gli uomini di Luca Gianinazzi riescono nuovamente a prevalere sui campioni svizzeri: 4-1 il risultato finale alla BossardArena
CALCIO
1 gior

Il nuovo ‘Nacho’ ha sete di riscatto

Dopo un anno difficile sul piano personale e deludente in campo, Ignacio Aliseda è tornato sereno: ‘Voglio mostrare al Lugano tutte le mie qualità’
Formula 1
1 gior

La Ford torna in Formula 1 con la Red Bull

Il costruttore automobilistico statunitense fra tre anni farà ritorno nel Circus che aveva abbandonato nel 2004
sci nordico
1 gior

A Dobbiaco cade Nadine Fähndrich

La lucernese fuori in semifinale (come Valerio Grond tra gli uomini) e perde la testa della Coppa del mondo di sprint
ATLETICA
1 gior

Sepulveda Moreira e Tahou brillano nei 60 metri

Ai campionati ticinesi di sprint e ostacoli che a Locarno hanno chiuso la stagione indoor
QATAR 2022
09.12.2022 - 15:46
Aggiornamento: 16:06

L’Africa chiede al Marocco di scrivere la storia

La selezione magrebina potrebbe essere la prima del Continente nero a raggiungere le semifinali di un Mondiale

l-africa-chiede-al-marocco-di-scrivere-la-storia

Sono trascorsi 32 anni da quando il Camerun di Thomas NKono e Roger Milla, prima africana in assoluto, raggiungeva i quarti di finale di un Mondiale. A Italia 90, quell’incredibile cavalcata, iniziata nella partita inaugurale del torneo con la vittoria sui campioni in carica dell’Argentina, si era fermata soltanto davanti all’Inghilterra, vittoriosa 3-2 ai supplementari grazie a un gol di Gary Lineker (105’), già autore del pareggio su rigore (83’), dopo il vantaggio di Platt (25’) e il ribaltamento di situazione con Kundé (61’) ed Ekeke (65’). Sembrava che i Leoni indomabili avessero aperto le porte a una nuova era del calcio, anche perché in quel Mondiale, stilisticamente brutto e con poche emozioni (vanta tuttora la media gol a partita più bassa con 2,20 contro i 2,64 dell’edizione in corso) le prestazioni dell’unica rappresentante dell’Africa nera (la seconda continentale era l’Egitto) avevano gettato un raggio di luce sul futuro. Quattro anni dopo, la Fifa avrebbe portato a tre le selezioni africane ai Mondiali, mentre a partire da Francia 98 sarebbero diventate cinque. Molti osservatori pronosticavano un futuro radioso per un calcio ancora naïf e tecnicamente perfettibile, ma i cui rappresentanti erano dotati di una forza fisica nettamente superiore a europei e sudamericani.

Pronostici andati amaramente disillusi. Sono trascorsi 32 anni e l’Africa sta ancora aspettando la prima semifinalista mondiale. Anzi, soltanto altre due volte una selezione africana ha raggiunto lo stesso stadio del Camerun: il Senegal nel 2002 e il Ghana nel 2010. Per il resto, sempre eliminazioni agli ottavi, o addirittura nella fase a gironi. Chi è andato più vicino alla semifinale è stato senza dubbio il Ghana, fermato dall’Uruguay, anche grazie a un fallo di mano sulla linea di porta, con il quale Luis Suarez al 121’ aveva impedito il gol del trionfo a Dominic Adiyiah: Asamoah Gyan aveva poi spedito sulla traversa il susseguente rigore e le Black Stars avevano dovuto ingoiare la sconfitta ai tiri dagli undici metri. Mercoledì ci proverà il Marocco, prima squadra dell’Africa magrebina a raggiungere questo stadio della competizione. In una sfida tutta rossoverde, affronterà un Portogallo ancora senza Ronaldo nell’undici titolare (il fatto di aver abbandonato i festeggiamenti in campo dopo il 6-1 negli ottavi per far rientro anzitempo negli spogliatoi non giova certo alla causa di un giocatore che ha mostrato, ancora una volta, quanto sia sconfinato il suo egocentrismo). Il Marocco è reduce dall’impresa contro la Spagna, eliminata ai rigori, e bisognerà capire quanto quello storico successo sia costato dal profilo delle energie mentali, mentre sul fronte lusitano il facile successo contro la Svizzera potrebbe portare gli uomini di Fernando Santos a prendere un po’ sottogamba un avversario chiaramente inferiore dal profilo della tecnica.

E se Marocco-Portogallo è una sfida andata in scena appena due volte in occasione dei Mondiali (una vittoria a testa, nel 1986 con successo marocchino, nel 2018 a vantaggio dei lusitani), ci si potrebbe aspettare che Inghilterra-Francia rappresenti un "clasico" del calcio europeo. E invece, nonostante i due Paesi divisi soltanto dal canale della Manica, si siano affrontati ben 31 volte dal 1923 a oggi (con un bilancio di 17 vittorie a 9 a favore degli inglesi), a livello di Coppa del mondo gli scontri diretti sono soltanto due, proprio come quelli tra Marocco e Portogallo. E neanche recenti, visto che datano 1966 (2-0 con doppietta di Hunt) e 1982 (3-1, doppietta di Robson e gol di Mariner per gli inglesi, momentaneo 1-1 di Soler per i francesi). Per invertire la tendenza, in Qatar i "galletti" puntano soprattutto su Mbappé, attuale capocannoniere con 5 reti. Per cercare di arginare la velocità del parigino, Southgate gli opporrà probabilmente l’altrettanto rapido Kyle Walker, senza però la garanzia che questo sia sufficiente a fermare colui che sembra destinato a dominare la scena mondiale nel prossimo decennio.

Dovrebbe comunque nascerne una sfida accattivante, con da una parte una Francia intrattabile in attacco, ma piuttosto ballerina in difesa (quattro reti subite nelle ultime quattro partite) e dall’altra un’Inghilterra che al contrario delle aspettative, propone un gioco poco seducente, una difesa ermetica (solo due reti incassate) e un attacco non sempre in grado di accendersi, nonostante le molte stelle presenti.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved