SPORT
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
CALCIO
1 ora

Frei e il Basilea respirano grazie alla vittoria in Coppa

Al Letzigrund battuto il Grasshopper grazie soprattutto a una doppietta di Zeki Amdouni. Dopo le magre in Super League, i renani rialzano la testa
BASKET
1 ora

La Sam domina il Neuchâtel, i Tigers resistono un tempo al Vevey

Una vittoria e una sconfitta nel turno infrasettimanale. Decisivi due parziali: la Spinelli piazza un 32-0, il Lugano incassa un 10-29
hockey
3 ore

‘Sono sorpreso, contento e orgoglioso’

Grande onore per il linesman Eric Cattaneo, scelto per la finale di Champions: ‘Rispetto al campionato non c’è la stessa conoscenza con i giocatori’
Rugby
4 ore

Sergio Parisse lascia il rugby: è nel XV ideale di ogni tempo

L’ex capitano della nazionale italiana si ritirerà a giugno. Con lui, nel team migliore di sempre secondo ‘PlanetRugby’, anche il compagno Castrogiovanni
CALCIO
6 ore

Per la Fifa i reati sessuali diventano imprescrittibili

La federazione internazionale ha provveduto a un aggiornamento del codice etico. In precedenza, i casi andavano in prescrizione dopo 10 anni
CALCIO
7 ore

È guerra tra Alpstaeg e il Cda dell’Fc Lucerna

Il principale azionista della società ha sporto denuncia, sia penale, sia civile e ha chiesto alla Sfl di indagare prima di concedere la licenza 2023-24
pugilato
7 ore

Tiago Pugno diventa professionista

Il 30enne pugile ticinese è ora alla ricerca di risorse economiche per lanciare al meglio la seconda parte di carriera
TENNIS
8 ore

La Svizzera sfida la Germania con un Wawrinka nel motore

Coppa Davis, da venerdì a domenica a Treviri affronta la squadra del campione olimpico Alexander Zverev
QATAR 2022
27.11.2022 - 19:03
Aggiornamento: 19:41

Camerun e Serbia, una vittoria per uscire dal tunnel

Da tempo immemore sia gli africani, sia i ‘brasiliani d’Europa’ non hanno più voce in capitolo sul palcoscenico dei Mondiali

camerun-e-serbia-una-vittoria-per-uscire-dal-tunnel

Il Camerun, dopo essere stato sconfitto nelle sue ultime otto partite di Coppa del mondo, spera di battere la Serbia lunedì alle 11 e rimanere in corsa per gli ottavi di finale. L’ultimo successo sulla scena mondiale risale al 2002, quando l’allenatore Rigobert Song era in campo con la fascia di capitano al braccio e il presidente della federazione Samuel Eto’o aveva segnato l’unico gol della partita contro l’Arabia Saudita (1-0). Da allora, i Leoni indomabili hanno subito solo battute d’arresto, alcune delle quali dolorose, come il 4-0 contro la Croazia, seguito dal 4-1 contro il Brasile nel 2014. Sono lontani dall’epopea del 1990, quando la squadra guidata dal 38enne attaccante Roger Milla divenne la prima africana a raggiungere i quarti di finale. Da allora, il Camerun ha vinto solo una delle 13 partite disputate in 32 anni, quella contro i Falchi verdi sauditi. La squadra del 2022 non sembra sulla buona strada per invertire questa tendenza.

Il primo tempo contro la Svizzera è stato buono, ma dopo il gol di Breel Embolo, i cinque volte campioni d’Africa si sono completamente sgonfiati e non sono quasi mai sembrati pericolosi. Inspiegabile per una squadra dalla mentalità ferrea, capace di qualificarsi nella fornace di Blida, in Algeria, segnando all’ultimo secondo.

Ma anche la Serbia non è in forma smagliante. Dopo la sconfitta con il Brasile anche loro rincorrono il passato, quando i loro migliori giocatori costituivano la spina dorsale della Nazionale dell’allora Jugoslavia. I serbi non hanno mai superato il primo turno, nonostante una prestigiosa vittoria sulla Germania nel 2010 (1-0). Nel 2006, quando la squadra rappresentava Serbia e Montenegro, ha subito una terribile sconfitta per 6-0 da parte dell’Argentina.

Una delle loro leggende, Dragan "Piksi" Stojkovic, ha ricoperto tutti i ruoli occupati da Eto’o e Song: capitano della Nazionale, realizzatore in Coppa del Mondo, presidente della federazione serba dal 2001 al 2005, e ora allenatore. È stato uno dei protagonisti delle ultime imprese del suo Paese ai Mondiali, l’eroe della straordinaria corsa della Jugoslavia ai Mondiali del 1990 con una doppietta contro la Spagna (2-1).

Questa epopea, che si sarebbe conclusa solo ai quarti di finale contro l’Argentina con l’incubo dei rigori, fu l’ultimo atto di una squadra veramente jugoslava, che riuniva croati, bosniaci, serbi, macedoni e sloveni. Un anno dopo, il Paese entrò in un decennio di guerre sanguinose che ne causarono l’esplosione e nel 1992 la squadra fu esclusa da Euro 1992. Nel 1998, la Jugoslavia raggiunse gli ottavi con soli giocatori serbi e montenegrini, tra cui Stojkovic come capitano.

I serbi devono tornare a vincere dopo la lezione di calcio-samba se vogliono reclamare il loro posto nei libri di storia di quelli che una volta erano soprannominati "i brasiliani d’Europa". Contro il Brasile, "non ho riconosciuto la mia squadra", ha sospirato Stojkovic, che conta sul recupero di una delle sue stelle dell’attacco, Dusan Vlahovic.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved