HOCKEY
Risultati e classifiche
TOP 10 HOCKEY MANAGER
1
HC Aspi Capitals
10543
2
LucHC Lions
10326
3
Sparta Becherovka
10067
4
TrigoAce1
9963
5
FHM2223
9960
6
Team Belozoglu
9935
7
thibault_gav
9863
8
HC Kaski Male
9846
9
Team7
9741
10
Chop
9713
ULTIME NOTIZIE Sport
Atletica
54 min

In Polonia gli elvetici fanno la loro bella figura

A Torun, nel meeting valido per l’Indoor Gold Tour, Ditaji Kambundji centra il limite per gli Europei, mentre Elmer firma il miglior tempo della carriera
Calcio
1 ora

Mondiale per club, è il Real il secondo finalista

Gli spagnoli sconfiggono gli egiziani dell’Al Ahly grazie alle reti di Vinicius Junior, Valverde e – nei minuti di recupero – Rodrygo e Arribas
SCI ALPINO
3 ore

A soli 37 anni si è spenta Elena Fanchini

Malata da tempo, la sorella maggiore di Nadia si è dovuta arrendere a una recidiva del tumore ed è morta nella sua casa in provincia di Brescia
Formula 1
3 ore

Nessun bavaglio nel Circus. ‘Oguno può dire ciò che pensa’

In un’intervista al britannico The Guardian, Stefano Domenicali si schiera a favore della libertà d’espressione dei piloti, invitando la Fia a chiarire
Sci
4 ore

Lo scettro di Lara raccolto da Marta Bassino

Nel superG iridato, la ticinese detentrice del titolo chiude solo sesta. Giovedì tocca ai maschi, con Marco Odermatt in pole position
Tennis
5 ore

Abu Dhabi, Belinda ai quarti senza soffrire

La sangallese, numero nove al mondo, non incontra alcuna difficoltà nel superare l’ucraina Marta Kostjuk (numero 57 Wta), battuta 6-4 7-5
Ciclismo
7 ore

Il Velo Club Mendrisio fra tradizione e sfide del presente

Il presidente Alfredo Maranesi: ’Ormai ci sono pochissime gare, la stampa si interessa sempre meno, e di conseguenza fatichiamo a trovare sponsor’
Hockey
7 ore

Giovane, inesperta Svizzera. ‘Spero che (i club) apprezzino’

A Zurigo la Nazionale di Fischer si prepara ad affrontare la Finlandia con qualche artista in meno del solito. ‘Forechecking aggressivo e più semplicità’
Altri sport
7 ore

Sgambetto riuscito, il Biasca sale a quota 22 punti

Continua la serie positiva dei rivieraschi, che confermano di avere la difesa più solida del campionato e mettono sotto anche il temibile Ginevra
CURLING
9 ore

La Chicchera non se ne va da Chiasso

Podio tutto momò nella decima edizione della coppa andata in scena nello stesso weekend del Carnevale Nebiopoli
IL DOPOPARTITA
laR
 
24.01.2023 - 23:59

Il Lugano fa un passo avanti. ‘Merito della solidità difensiva’

Terzo successo di fila per i bianconeri di Gianinazzi, che si prendono la rivincita sul Davos grazie a un’altra bella prova. ‘Schlegel? Ottima partita’

il-lugano-fa-un-passo-avanti-merito-della-solidita-difensiva
Keystone
Ora Bernd Wolf e compagni sono più che mai in corsa per i preplayoff

Tre vittorie una dopo l’altra. Tutte con Niklas Schlegel tra i pali. Uno Schlegel in stato di grazia, oltretutto, e che torna dai Grigioni con in tasca un meritato shutout. Anche se l’unico, vero momento difficile – per lui, come per il suo Lugano – arriva nel terzo tempo, quando improvvisamente un Davos dalla difesa a dir poco incerottata tira fuori la testa dall’acqua e prova a reagire. Invano, però. Così, grazie a una marea di dischi vinti agli ingaggi e alle decisioni giuste prese mentre si trova in possesso del disco (il più delle volte, almeno), al terzo tentativo il Lugano riesce infine a battere il Davos per la prima volta in stagione. Cancellando, soprattutto, quella pesante domenica di metà gennaio sul ghiaccio della Cornèr Arena, con quel 4-0 che sembrava sprofondare ancor più gli uomini di Luca Gianinazzi nella crisi. Invece, da quell’assolato pomeriggio in poi i suoi uomini di partite non ne hanno persa neppure una.

Eppure, l’inizio sul ghiaccio retico non è dei più beneauguranti: subito un brutto disco perso da Marco Müller su Corvi, con Schlegel immediatamente chiamato a dover fare gli straordinari, e poi al cambio successivo è Morini a perdere pericolosamente il puck per strada. Poi, però, a poco a poco il Lugano mette il naso alla finestra e si crea le prime opportunità, con Carr e Connolly, cominciando a fare il gioco e a guadagnare metri in attacco. Per il gol, invece, bisogna pazientare fino a 2’27’’ dalla prima pausa: ottima idea di Marco Müller, che cambia fronte aprendo il gioco su un Markus Granlund, il quale porta a spasso Dominik Egli prima d’inventarsi un servizio all’indietro alla cieca per l’attaccante numero 10, il quale chiude il triangolo con un tiro sul primo palo che lascia di stucco Gilles Senn.

Che quel vantaggio sia davvero meritato lo dimostra ciò che succede da lì in seguito. Nel secondo tempo, infatti, c’è praticamente una sola squadra in pista, e la mole di gioco e le soluzioni trovate dal Lugano non tardano a concretizzarsi in rete: anche stavolta a metterci lo zampino è uno scatenato Granlund, che nell’occasione festeggia il suo diciannovesimo gol in 34 partite sfruttando il gran lavoro di Daniel Carr prima davanti, poi dietro la porta. E poco dopo, in superiorità numerica (fuori c’è Stransky per un aggancio) tocca a Connolly ritrovarsi sul bastone un’occasione ghiottissima, ma il topscorer bianconero spara a lato a porta sguarnita. Quindi arriva anche una traversa, colpita da Andersson al 30’01’’. Insomma, per il Lugano tutto bene o quasi. Il quasi è relativo a quella decina di minuti nel terzo tempo, dopo due superiorità numeriche non concretizzate dagli uomini di Immonen, in cui per la prima volta i ragazzi di Gianinazzi sono chiamati a soffrire sul serio. È a quel punto che sale definitivamente in cattedra Niklas Schlegel, la cui nuova, ottima prova rischia anche di creare qualche grattacapo al coach bianconero pensando alla gestione dei due portieri. «Credo che la chiave stavolta sia stata la solidità difensiva – dice il coach ticinese ai microfoni di Rsi –. Non mi è piaciuto molto il primo tempo, in cui non abbiamo giocato tutte le situazioni nel miglior modo possibile, ma poi difensivamente siamo cresciuti e abbiamo fatto un ottimo secondo periodo, concedendo poco. Schlegel? Ha confermato l’ottimo momento di forma che sta vivendo e ha fatto un’ottima partita: credo che i compagni l’abbiano aiutato nello ‘slot’, ma quando è stato chiamato in causa lui ha risposto presente, e gran parte del merito di questa vittoria è anche sua». C.S.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved